Bullismo, assessore Regione: progetti con scuole per contrastare fenomeno preoccupante

 Grazie ad un contributo regionale di 20.000 euro, nel corso del 2018, verrà organizzato un ‘Hackaton’, una maratona regionale che sarà affrontata da squadre di studenti ai fini del lavoro in team

22 Maggio 2018
Guarda anche: Scuola e Istruzionesolidarietà

Realizzare interventi di prevenzione e contrasto a fenomeni di bullismo e cyberbullismo, attraverso il coinvolgimento attivo degli studenti in un ‘Hackaton‘. E’ questo l’obiettivo della prima delle due delibere approvate dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla Sicurezza di concerto con gli assessori all’Istruzione, Formazione e Lavoro e alle Politiche per la Famiglia e Pari Opportunità.

AL VIA L”HACKATON’ – Il progetto sul rispetto in rete, integra la convenzione sottoscritta lo scorso 5 luglio 2017 da Regione Lombardia con l’Ufficio scolastico. Grazie ad un contributo regionale di 20.000 euro, nel corso del 2018, verrà organizzato un ‘Hackaton’, vale a dire una maratona regionale che sarà affrontata da squadre di studenti ai fini della realizzazione di un prodotto finale, il cui valore formativo è quello di sollecitarli a lavorare in team, ad esercitarsi nel public speaking e a trovare soluzioni su questioni specifiche, con un’attenzione particolare agli aspetti tecnologici e informatici.

USR AL LAVORO PER CONTRASTARE BULLISMO – “L’Ufficio scolastico regionale (Usr) della Lombardia – ha spiegato l’assessore alla Sicurezza – lavora da anni per contrastare fenomeni di bullismo e creare un sistema che ne possa promuovere il contrasto. I progetti verranno valutati da una Commissione che proclamerà i vincitori”. L’Usr utilizzerà lo strumento dell’avviso pubblico per selezionare, entro agosto e sulla base di linee guida condivise, il migliore progetto che dovrà prevedere modalità organizzative, procedure di coinvolgimento delle scuole della Lombardia e contenuti della maratona.

PREVENIRE PROCESSI ESTREMISMO VIOLENTO – L’educazione al rispetto delle differenze in ambito scolastico è invece al centro dell’altra delibera approvata (in attuazione dell’articolo 6 della Legge regionale 24 del 6 novembre 2017) sulle misure di aiuto e assistenza alle vittime del terrorismo e per la formazione e ricerca nell’ambito della prevenzione di processi di estremismo violento.

IL RISPETTO DELLE DIFFERENZE IN AMBITO SCOLASTICO – “Il progetto prevede che la Regione Lombardia – ha spiegato l’assessore – promuova accordi con l’USR e le università lombarde per conoscere e prevenire i fenomeni e i processi di radicalizzazione nell’ottica dell’educazione al rispetto delle differenze. L’USR ha proposto una linea progettuale che è stata già condivisa, per creare figure di sistema con competenze didattiche e organizzative specifiche e favorirne una disseminazione sul territorio lombardo per un’educazione alle differenze per contrastare ogni forma di estremismo e radicalizzazione. Analoghi percorsi formativi sono già stati sperimentate sia a livello europeo che in ambito nazionale, nei Comuni di Bologna e Reggio Emilia”. L’obiettivo è quello di selezionare 5 scuole ‘Polo’ che facciano da riferimento per le altre e formare 150 figure di sistema con competenze specifiche. Allo scopo è stato approvato uno stanziamento di 30.000 euro.

Tag:

Leggi anche:

  • Protocollo lombardo per lo sviluppo sostenibile: anche l’Insubria tra i firmatari

    È stato firmato questa mattina a Milano, a Palazzo Pirelli, il Protocollo lombardo per lo sviluppo sostenibile che coinvolge 53 istituzioni coordinate da Regione Lombardia. Al tavolo, presieduto dal governatore Attilio Fontana e dall’assessore all’Ambiente Raffaele Cattaneo, anche
  • A Saronno “Io a scuola … ci sto bene!”

    Riparte l’anno scolastico e proseguono le proposte formative della Promozione della Salute e Prevenzione – Fattori di Rischio Comportamentali del Dipartimento Igiene e Prevenzione Sanitaria di ATS Insubria. Il dott. Lucas Maria Gutierrez Direttore Generale ATS Insubria, il dott. Roberto
  • Il primo sciopero dell’anno scolastico a “favore dell’ambiente e del clima”

    Lo sciopero per il clima del 27 settembre parla direttamente al mondo della scuola e lo costringe ad una importante riflessione. Tre sono i punti che emergono con una certa chiarezza: 1) dopo molto tempo un tema generale riesce a mobilitare collettivamente il corpo studentesco, a farlo scendere in
  • Lombardia, un modello lombardo per la sicurezza delle Olimpiadi 2026

    Arrivare alle Olimpiadi invernali del 2026 togliendo il ‘rischio’ dalla parola sicurezza, perché tutte le criticità del caso sono state affrontate nella maniera migliore possibile. Questo lo spirito con il quale l’Associazione Consiglieri regionali – in collaborazione