Bisogna spostare le lancette, torna l’ora legale

L’appuntamento con l’ora legale è per domenica 31 marzo e questo cambiamento potrebbe essere epocale

25 Marzo 2019
Guarda anche: Italia

Esattamente Domenica 31 Marzo 2019, scatterà il momento dell’ora legale quando cioè dovremo spostare in avanti le lancette di un’ora, passando direttamente alle ore 3:00. Quest’anno però potrebbe essere l’ultima volta in Italia, a breve infatti potrebbe esserci un cambiamento epocale nella gestione degli orari in tutta.

L’ora legale ha come scopo principale quello di ridurre i consumi di energia elettrica. Tuttavia, col passare del tempo tale beneficio è andato progressivamente a ridursi dato che l’energia elettrica non serve più esclusivamente all’illuminazione.

L ‘ora legale permette di risparmiare ogni anno un centinaio di milioni di euro sulla bolletta energetica ma, nonostante sia comunemente utilizzata da molti anni in gran parte dell’Occidente, non tutti i Paesi sono oggi d’accordo nel mantenere questa convenzione. Convenzione che dal 2014 è stata abbandonata in Russia mentre in Europa per il momento rimane.

La proposta della Commissione europea di abolire il passaggio tra ora solare e ora legale ha subito infatti un rallentamento, con un rinvio che potrebbe far slittare tutto almeno al 2021. I Paesi del Nord, nei mesi estivi abbondantemente ricchi di sole fino a tardi, ne hanno infatti chiesto l’abolizione dopo appositi sondaggi pubblici: la mozione non è però passata all’esame di Strasburgo e nemmeno dei ministri europei che hanno appunto deciso di rimandare la questione al 2021.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Fase 2, L’Italia oggi riparte

    L’Italia oggi riparte. Il numero più basso di vittime dall’inizio del lockdown, 145 nelle ultime 24 ore, è il miglior auspicio per l’Italia che riapre, con i negozi, i bar e i ristoranti che potranno rialzare le saracinesche dopo oltre due mesi. L’Italia prova dunque a
  • Lockdown in Italia, Nel 2020 crollo dei consumi pari a 84 miliardi di euro

    In base alle nuove ipotesi di progressiva e graduale riapertura delle attività economiche, e mantenendo la data del primo ottobre come la più realistica per il ritorno a una fase di totale normalità, seppure con l’attivazione di protocolli di sicurezza che modificheranno i comportamenti di
  • Lombardia, Rolfi “Le imprese agricole vogliono voucher, non sanatorie”

    “La regolarizzazione degli immigrati del DL Rilancio è inutile per l’agricoltura lombarda. Basta con la strumentalizzazione ideologica di un comparto vitale come quello agricolo. Dal ministro ci aspettiamo fondi e semplificazione. L’approvazione del Decreto Aprile, poi diventato Decreto
  • Salvini “Italiani preoccupati e arrabbiati”

    “I primi messaggi ricevuti sono di italiani fra il preoccupato e l’arrabbiato. Ieri sera il ministro Bellanova ha pianto per i problemi dei poveri immigrati da regolarizzare, ci si sarebbe aspettati impegno e sofferenza per cittadini italiani in difficoltà”. Cosi’ il leader