Arriva la triade di incontri “Che cosa l’EUROPA fa per me?”

aranno il Rettore dell’Università Insubria, Angelo Tagliabue, e il primo cittadino, Davide Galimberti, ad aprire l’evento con un saluto

23 Marzo 2019
Guarda anche: PoliticaVarese Città

Giovedì 28 marzo, alle ore 18,30, presso l’Aula Magna dell’Università Insubria di via Ravasi 2, Carlo Calenda, ex Ministro dello Sviluppo Economico, e Sergio Rizzo, grande firma del giornalismo italiano, daranno il via alla triade di incontri “Che cosa l’EUROPA fa per me?”

La rassegna è ideata e diretta da Cristina Bellon, collaboratrice di La Stampa-Tuttogreen, organizzata da CSA Client & Project Supervisors Association, con il patrocinio dell’Università degli Studi Insubria di Varese, della Provincia di Varese, del Comune di Varese, della Camera di Commercio di Varese, della Fondazione Giacomo Ascoli. Un progetto di cooperazione per informare i cittadini su che cosa significa essere europei. “L’Europa è un insieme di differenze che dialogano tra di loro, costruito con grande fatica” ha dichiarato Cristina Bellon. “L’Europa non si subisce, si sceglie”.

Saranno il Rettore dell’Università Insubria, Angelo Tagliabue, e il primo cittadino, Davide Galimberti, ad aprire l’evento con un saluto. Poi toccherà al protagonista della giornata, Carlo Calenda, promotore del manifesto “Siamo Europei” firmato da 100 esponenti della politica locale e della società civile, che parlerà a studenti, professori e ai cittadini varesini, curiosi e impazienti di capire qualcosa di più di quest’Europa molto discussa. “Il destino dell’Europa è il destino dell’Italia: il nostro ruolo nel mondo, la nostra sicurezza economica e politica, la tenuta dei valori della democrazia liberale dipendono da questo. Siamo i più esposti alle sfide geopolitiche, migratorie, tecnologiche e siamo anche il paese fra i fondatori dell’UE dove i movimenti euroscettici sono più forti: per questo serve una risposta di mobilitazione straordinaria, non solo politica ma anche della classe dirigente, degli intellettuali e soprattutto dei giovani, che a maggio si giocano il proprio futuro” dichiara Calenda.

Anche Sergio Rizzo, vicedirettore de “La Repubblica”, darà voce alla sua idea di Europa del futuro. Due sguardi da angolazioni diverse nei riguardi di un’istituzione che potrebbe cambiare molto con il voto del 26 maggio. Ampio spazio verrà poi dato al pubblico, che potrà interagire vivacemente con i relatori in un dibattito moderato da Cristina Bellon.

Alle 21 invece Carlo Calenda darà appuntamento agli iscritti e ai simpatizzanti del PD al teatro Santuccio, in via Sacco. Nel corso dell’incontro, l’autore del manifesto “Siamo Europei” dialogherà con Alessandro Alfieri, capogruppo del Partito Democratico nella commissione esteri del Senato.

I prossimi appuntamenti della rassegna saranno: domenica 7 aprile, ore 11, con Dario Galli, Vice Ministro dello Sviluppo Economico, e martedì 9 aprile ore 18,30 con Carlo Cottarelli, sempre all’Aula Magna di via Ravasi, a Varese.

Tag:

Leggi anche:

  • Galimberti “Oggi siamo in trincea ma lavoriamo per ripartire”

    Ogni giorno che trascorriamo immersi in questa crisi sanitaria incredibile ci sembra un incubo dal quale si fatica a svegliarsi. Ogni giorno in Comune affrontiamo piccole e grandi scelte per continuare a garantire al massimo i servizi consentiti dal Governo e dalla Regione, per assumere decisioni a
  • “Europa in Comune”, giovani e amministratori a confronto

    L’Unione a due passi da casa. Arriva a Varese “Europa in Comune”, progetto finanziato dal programma comunitario Erasmus+ e che si pone l’obiettivo di coinvolgere i più giovani in un percorso guidato alla conoscenza della cittadinanza “attiva” ed
  • Europa, a Varese torna “Time to move”

    Torna a Varese “Time to move”, la campagna che vuole presentare ai più giovani le opportunità di mobilità educativa transnazionale offerte dall’Unione europea, nonché le altre attività di informazione portate avanti dai punti locali Eurodesk, la rete ufficiale del programma
  • Via Gasparotto, addio ai ruderi. Cominciato l’intervento di recupero

    Poche ore per abbattere le strutture diroccate all’incrocio tra via Gasparotto e viale Borri. È cominciato così l’intervento di recupero di una delle porte d’accesso alla città di Varese. Per anni i vecchi ruderi sono stati la prima immagine che pendolari e abitanti si