Allarme fondamentalismo islamico, Monti (Lega Nord): “Varese più pericolosa di Milano”

Il consigliere regionale contro Galimberti: ''Con il centrosinistra a Varese arriverà la grande moschea''

02 aprile 2016
Guarda anche: Varese
received_10204963435240372

Non bisogna abbassare la guardia. E tenere i movimenti dei potenziali integralisti islamici sotto controllo. Come? Innanzitutto, limitando la costruzione di nuove moschee e limitando i luoghi di culto.

Questa la parola d’ordine della Lega Nord, che sabato mattina è scesa in piazza per spiegare ai cittadini il “Patto della Ragione”, un progetto per controllare il pericolo del fondamentalismo islamico mettendo in rete le diverse istituzioni, dalla Regione al Comune.
“Il riferimento è ad un libro di Oriana Fallaci, che precorrendo i tempi lanciò l’allarme sul terrorismo islamico, è assolutamente voluto – sottolineano il consigliere regionale Emanuele Monti e il segretario cittadino Marco Pinti – il nostro intento è quello di scongiurare le nuove Bruxelles. Per questo motivo intendiamo spiegare ai cittadini l’impegno preso in primis dal Governatore Roberto Maroni per impedire la proliferazione di moschee fuori controllo sul nostro territorio. Il sindaco Fontana si è speso molto per questa battaglia, durante il suo mandato, ed è nostra intenzione proseguire su questa stessa strada: nessuna nuova moschea a Varese. La sicurezza del territorio è anche lo spirito che ha animato la legge di Regione Lombardia sui luoghi di culto, una normativa i cui fondamenti sono stati di fatto salvati dalla pronuncia della Corte Costituzionale”.

Monti sottolinea poi come “il centro islamico di Varese è più pericoloso di quello di Milano”. Dal momento che “mentre a Milano l’attenzione è chiaramente più alta, per via delle dimensioni, qui a Varese si tende troppo spesso ad abbassare la guardia. E proprio questo potrebbe favorire l’utilizzo della moschea a Varese come luogo per attività poco chiare. Il territorio attorno a Malpensa rappresenta il crocevia più importante per il passaggio di potenziali terroristi, e quindi bisogna tenere alta la guardia. Non per niente un anno fa l’intelligence aveva appunto segnalato la moschea di Varese come luogo da tenere sotto controllo”.

Monti attacca quindi il centrosinistra: “Loro hanno da sempre una politica fatta di porte aperte. È ovvio che se vincessero a Varese, darebbero subito il permesso per realizzare la nuova moschea”.

E il coordinatore cittadino dei Giovani Padani Davide Quadri rincara la dose: “Galimberti che cosa pensa dei problemi legati al terrorismo islamico? Non è mai stato chiaro”.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare