Alla Liuc si torna a “conversare” in biblioteca

Riprendono le Conversazioni in Biblioteca alla LIUC – Università Cattaneo, sabato 12 novembre alle ore 10. A tema il libro di Paolo Baffi (ex direttore e governatore della Banca d’Italia) “Servitore dell’interesse pubblico” che raccoglie le lettere più significative scritte da Baffi dal 1937 al 1989 ai principali attori della politica e dell’economia italiana

09 novembre 2016
Guarda anche: AltomilaneseCultura Musica Spettacolo
Liuc

Paolo Baffi – economista, studioso, una carriera come banchiere centrale in Banca d’Italia dal 1936 al 1979 al “servizio dell’interesse pubblico” – è stato una figura di spicco della storia economica d’Italia e, allo stesso tempo, una delle tante vittime «eccellenti» della seconda metà del XX secolo.
Con le lettere scritte da Baffi dal 1937 al 1989 agli attori principali della politica e dell’economia italiana, riprendono le Conversazioni in Biblioteca alla LIUC – Università Cattaneo, appuntamento culturale aperto a tutta la cittadinanza con cui l’ateneo invita a una riflessione su un intenso e complesso periodo storico, denso di fatti che hanno segnato il Paese.
Sabato 12 novembre alle ore 10, presso la Biblioteca Mario Rostoni, sarà presentato il libro di Paolo Baffi “Servitore dell’interesse pubblico” (Aragno editore), curato da Beniamino Andrea Piccone private banker presso Nextam Partners Sgr, storico dell’economia, docente di Sistema finanziario alla LIUC.
Nel volume sono raccolte le lettere più significative di Baffi con i suoi numerosi corrispondenti, ottimo punto di osservazione per comprendere il pensiero e l’azione di un uomo eccezionale e conoscerne l’ampiezza culturale e la capacità di visione.
Baffi diresse il Servizio Studi economici di Banca d’Italia dal 1944 al 1956; nel triennio 1945-47 svolse varie ricerche e missioni per conto del governo italiano e della Banca d’Italia e, in seguito, fu consigliere economico di entrambe le istituzioni. Direttore generale della Banca d’Italia dal 1960 e governatore dal 1975, si dimise nel settembre 1979 in seguito a pretestuosi attacchi giudiziari (che colpirono anche il vicedirettore generale Mario Sarcinelli) e fu nominato governatore onorario. Prosciolto, infine, da ogni accusa nel giugno 1981.
Il Professore Beniamino Andrea Piccone – che ha dedicato gli ultimi cinque anni allo studio delle Carte Baffi presso l’Archivio Storico della Banca d’Italia – si rivolge direttamente agli studenti con queste parole:
Baffi era un maestro in vita e lo resta adesso. E, quando si parla di maestri, si pensa a quelle rarissime persone la cui presenza dura, perché viene sempre da chiedersi come esse si sarebbero comportate, se avessero approvato una scelta, che cosa avrebbero pensato di un problema; a quelle persone, che, vive o morte, restano un punto di riferimento.
Baffi credeva nei giovani. Non contava chi fossi o quanti anni avessi, ma la qualità delle argomentazioni. Il metodo di Baffi deve essere preso da esempio dai giovani, se vogliono emergere in una società sempre più sfidante. Al contempo Baffi funge da esempio per le qualità morali, la probità e la sobrietà, che devono guidare l’azione di ciascuno”.

Tag:

Leggi anche:

  • Conosciamoci Meglio: a tu per tu con i docenti della LIUC

    Per fissare un appuntamento, è necessario contattare il Servizio Orientamento: 0331.572.300, orientamento@liuc.it Tra i punti di forza della LIUC ricordiamo l’internazionalizzazione con 128 accordi, di cui 90 in 25 Paesi Europei e 38 in 16 Paesi Extraeuropei e il 44% degli studenti LIUC che ha
  • Busto Arsizio e Castellanza fanno squadra per intercettare finanziamenti

    In un’epoca in cui gli enti pubblici si trovano in difficoltà economica per la progressiva diminuzione di risorse, assume un ruolo strategico la capacità di attrarre risorse e di accedere a finanziamenti regionali, nazionali ed europei o privati: sin dall’insediamento l’Amministrazione
  • Tecnologie digitali e chimica green nell’industria tessile

    Tecnologie digitali e filiere tessili sostenibili, un tema attuale ormai parte integrante delle strategie dell’industria tessile e della moda. Nell’ultimo decennio le aziende italiane del settore hanno investito in innovazione per accrescere la sicurezza chimica dei prodotti e dei processi,
  • LIUC al secondo posto tra i piccoli atenei non statali secondo il CENSIS

      Conferme, tutte positive, e molti segnali di ulteriore crescita per la LIUC – Università Cattaneo all’interno delle classifiche degli atenei italiani diffuse oggi dal CENSIS. In linea con le precedenti edizioni, le classifiche sono suddivise tra università statali e non statali e tengono