A Ville Ponti gli specialisti mondiali del linfoma non-Hodgkin

Il simposio internazionale organizzato dalla Fondazione Ascoli vedrà protagonisti trecento luminari da ogni parte del mondo

15 ottobre 2015
Guarda anche: SaluteVarese
fondazascoli

Saranno circa trecento gli uomini di scienza e ricerca che grazie alla Fondazione Giacomo Ascoli occuperanno la città dal 22 al 24 ottobre: si stima che un 30% arriverà dagli Stati Uniti un 50% dall’Europa e il 20% dal resto del mondo.
Dopo Francoforte e New York, Varese è la città deputata, dallo statunitense Professor Mitchell S. Cairo in collaborazione con la Fondazione varesina, come sede idonea per lo svolgimento del triennale Simposio della Società Scientifica Internazionale per lo Studio e la Cura del linfoma pediatrico.
Un risultato prestigioso, ottenuto senza clamore ma con la riservata capacità professionale della Fondazione, che aggiunge prestigio internazionale alla medicina non solo varesina ma anche lombarda e italiana.
Le giornate di studio serviranno per determinare, secondo il più avanzato stato della ricerca, il protocollo di cura che verrà normalmente adottato fino al prossimo simposio.
E’ il risultato di un Ippocratico riconoscimento dovuto al valore, anche etico, di una struttura e dei suoi medici, della preparazione dei volontari nel loro lavoro di assistenza psicologica, nell’accoglienza ed ascolto dei piccoli pazienti e delle loro famiglie.
Un doveroso plauso, non solo cittadino, va dunque riconosciuto alla Fondazione Giacomo Ascoli che ha sempre operato per una Varese della realtà e non dei “reality”. Una città che può affascinare per il suo senso pratico ma che sa anche essere intrisa di generosità e infusa di altruismo.
“Fifth International Symposium on childhood, adolescent and young-adult Non-Hodgkin Lymphoma”
22-24 ottobre 2015 presso il Centro Congressi Ville Ponti
Maggiori informazioni su www.fondazionegiacomoascoli.it

Saranno circa trecento gli uomini di scienza e ricerca che grazie alla Fondazione Giacomo Ascoli occuperanno la città dal 22 al 24 ottobre: si stima che un 30% arriverà dagli Stati Uniti un 50% dall’Europa e il 20% dal resto del mondo.
Dopo Francoforte e New York, Varese è la città deputata, dallo statunitense Professor Mitchell S. Cairo in collaborazione con la Fondazione varesina, come sede idonea per lo svolgimento del triennale Simposio della Società Scientifica Internazionale per lo Studio e la Cura del linfoma pediatrico.
Un risultato prestigioso, ottenuto senza clamore ma con la riservata capacità professionale della Fondazione, che aggiunge prestigio internazionale alla medicina non solo varesina ma anche lombarda e italiana.
Le giornate di studio serviranno per determinare, secondo il più avanzato stato della ricerca, il protocollo di cura che verrà normalmente adottato fino al prossimo simposio.
E’ il risultato di un Ippocratico riconoscimento dovuto al valore, anche etico, di una struttura e dei suoi medici, della preparazione dei volontari nel loro lavoro di assistenza psicologica, nell’accoglienza ed ascolto dei piccoli pazienti e delle loro famiglie.
Un doveroso plauso, non solo cittadino, va dunque riconosciuto alla Fondazione Giacomo Ascoli che ha sempre operato per una Varese della realtà e non dei “reality”. Una città che può affascinare per il suo senso pratico ma che sa anche essere intrisa di generosità e infusa di altruismo.
“Fifth International Symposium on childhood, adolescent and young-adult Non-Hodgkin Lymphoma”
22-24 ottobre 2015 presso il Centro Congressi Ville Ponti
Maggiori informazioni su www.fondazionegiacomoascoli.it

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti