A Varese i cinesi sono ormai “di casa”

La ''Nuova Via della Seta'' è giunta anche a Villa Recalcati, dopo due precedenti incontri con il Comune di Varese

02 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Foto cinesi

La delegazione cinese di Xi’an Xixian Airport New City, guidata da Mr. He Jian (Director, Airport New City Administrative Committee, Shaanxi Xixian New Area) è stata accolta questa mattina a Villa Recalcati dal Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi.
L’incontro ha rappresentato il terzo importante passo nello sviluppo delle relazioni e delle attività congiunte tra l’Italian Aerospace Network e Xi’an Xixian Airport New City. Ad accogliere la delegazione, oltre al Presidente Vincenzi, c’erano il Prefetto della Provincia di Varese Giorgio Zanzi, il Vicepresidente della Provincia di Varese Giorgio Ginelli, i consiglieri provinciali Paolo Bertocchi, Laura Cavalotti, Carmelo Lauricella; i parlamentari Daniele Marantelli e Angelo Senaldi.

“Questa visita – ha dichiarato il Presidente Vincenzi – anticipa il forum di cooperazione bilaterale “Shaanxi–Italia sulla nuova via della seta”, che si svolgerà il prossimo 11 novembre a Xian, è la conferma che in questi anni i rapporti commerciali, industriali e culturali tra l’Italia e la Cina sono molto buoni e proficui. Oggi, anche il nostro Paese guarda con interesse e ammirazione quanto avviene in Cina e la crescita economica e industriale, i cambiamenti urbanistici e sociali che vedono come protagonista il popolo cinese sono diventati anche un motivo di grande collaborazione e un’ottima opportunità per stabilire sinergie di sviluppo tra i nostri Paesi”.
Xi’an Xixian Airport New City rappresenta il punto cardine della nuova Via della Seta, proclamata dal Presidente Xi Jinping nel 2013 e che registra un investimento totale pari a 4,5 miliardi di euro in soli tre anni. Xi’an detiene infatti il primato storico per produttività nel settore aerospaziale (25% di tutta la Cina) con 10 istituzioni aeronautiche, 41 costruttori e 5 istituti di ricerca.
Il 20 Marzo 2015 Italian Aerospace Network e Xi’an Xixian Airport New City hanno siglato a Pechino, presso l’Ambasciata d’Italia nella Repubblica Popolare Cinese, un primo accordo strategico dando così formalmente vita al primo Parco Aeronautico Sino-Italiano “Sino-Italian Aviation Enterprises Valley“. Tale accordo ha avuto due padrini d’eccezione, Il Vice Ministro Carlo Calenda e il Segretario Del Partito della Provincia dello Shaanxi, Mr. Wang Jun. A tale accordo è seguito poi il 23 Maggio a Xian l’inaugurazione del primo IAN Chinese Hub.
Dopo i saluti istituzionali, avvenuti nella sala consiglio, la delegazione ha effettuato una visita a Villa Recalcati prima di partire alla volta di Malpensa e di Volandia.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio