A 50 anni dallo Statuto dei Lavoratori, la Cgil di Varese presenta la mostra “Le lotte del movimento sindacale varesino”

Il Comune di Busto Arsizio ha concesso il Patrocinio a questa mostra fotografico-documentaria promossa dalla Camera del Lavoro Territoriale di Varese, essendo una utile occasione di approfondimento culturale per la cittadinanza

14 Febbraio 2020
Guarda anche: Busto Arsizio

Dopo il successo registrato a Varese, la mostra “Le lotte del movimento sindacale varesino”, organizzata dalla Cgil di Varese, sarà riproposta a Busto Arsizio da venerdì 14 febbraio 2020, alle ore 16, presso il Museo del Tessile (Sala del Ricamo Industriale), con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Busto Arsizio.
All’inaugurazione parteciperanno Umberto Colombo, Segretario generale della Cgil di Varese, Elena Lattuada, Segretario generale Cgil Lombardia, Claudio Critelli, Direttore Archivio di Stato Como-Varese, Elisa Castellano, Fondazione Di Vittorio, Emanuele Antonelli, Sindaco di Busto Arsizio.

Il Comune di Busto Arsizio ha concesso il Patrocinio a questa mostra fotografico-documentaria promossa dalla Camera del Lavoro Territoriale di Varese, essendo una utile occasione di approfondimento culturale per la cittadinanza. Il tema della rassegna, allestita al Museo del Tessile, risulta attinente alla mission del Museo, in quanto luogo dedicato alla storia e alla memoria del lavoro artigianale e industriale nel territorio.

Una mostra sulle lotte delle lavoratrici e dei lavoratori dell’autunno caldo (1969) che, 50 anni fa, contribuirono alla nascita dello Statuto dei lavoratori. Si potranno vedere i pannelli in mostra, con immagini e documenti d’epoca relativi al territorio di Varese, oltre ad un video con filmati e testimonianze. “Una mostra che per noi è una sfida – spiega il segretario generale della Cgil di Varese, Umberto Colombo -. Abbiamo coinvolto protagonisti e testimoni, sono stati raccolte immagini e documenti, abbiamo ridato volti e voci a quella stagione di lotte nella provincia di Varese”.

Continua Colombo: “E’ passato mezzo secolo, il mondo del lavoro ha visto trasformazioni radicali. Ma molti dei problemi e delle lotte di allora da parte di lavoratori e sindacati sono ancora oggi di stringente attualità. A partire dalla questione della sicurezza sul lavoro, dell’ambiente, della parità tra uomini e donne, e più in generale dei diritti dei lavoratori”. Una mostra, dunque, che guarda al futuro ricordando il patrimonio sindacale del passato e che fa parte della ricca serie di iniziative che la Cgil provinciale sta proponendo, rivolte in particolare alle giovani generazioni.

“Siamo consapevoli – conclude il segretario Colombo – che tanto resta da fare a 50 anni dallo Statuto dei Lavoratori. Continuiamo ad impegnarci perché il lavoro sia dignitoso e tutelato, perché i diritti siano diffusi ovunque, dalle grandi alle piccole realtà produttive. La Cgil per questo ha depositato in Parlamento la Carta dei Diritti Universali del Lavoro. La Cgil di Varese continua la battaglia perché il lavoro resti al centro dell’attenzione e del dibattito politico anche sul nostro territorio”.

La mostra rimarrà aperta sino al 15 marzo, con i seguenti orari:
martedì – giovedì: 14.30-18.00; venerdì 9.30-13.00, 14.30 – 18.00;
sabato 14.30 -18.30; domenica 15.00-18.30. chiuso il lunedì.
Per gruppi e studenti, è possibile prenotare la visita contattando i numeri 33568321110 oppure 335 7185269.

Tag:

Leggi anche:

  • La Fondazione Carnaghi e Brusatori dona 150 dispositivi di protezione a medici e pediatri di base

    Anche la Fondazione Carnaghi e Brusatori scende in campo a sostegno del personale sanitario impegnato nella lotta contro il coronavirus e nei prossimi giorni consegnerà circa 150 dispositivi di protezione individuale in plexiglass ai medici e ai pediatri di base della città e al personale delle
  • Busto Arsizio chiude uffici e servizi comunali

    L’attività del Comune non è sospesa, ma riorganizzata nel rispetto dei Decreti ministeriali per il contenimento dei contagi da Coronavirus. I servizi essenziali (polizia locale, stato civile (denunce di nascita e di morte), servizi cimiteriali) sono garantiti. Per gli uffici aperti al pubblico,
  • Via al servizio di informazione telefonica “Alert System”

    L’Amministrazione Comunale di Busto Arsizio, nell’ambito delle attività svolte in convenzione con i Comuni di Legnano e Castellanza, ha attivato un importante servizio di informazione telefonica denominato “Alert System”. Tale servizio si rivelerà di assoluta utilità, in questo
  • Al Banco Alimentare le derrate non utilizzate nelle mense cittadine

    Sono state donate a chi ha più bisogno le derrate alimentari rimaste inutilizzate nelle cucine di nidi e scuole dell’Infanzia e prossime alla scadenza: si tratta di uova, yogurt, formaggi, frutta e verdura che non sono stati consumati dai bimbi a causa della chiusura delle scuole per