40° Rassegna di Musica Sacra

Il via domenica 11 novembre, nell’ambito di BA Musica

09 Novembre 2018
Guarda anche: Busto ArsizioCultura Musica Spettacolo

Prende il via domenica 11 novembre la 40˚ rassegna di Musica Sacra, manifestazione che raccoglie l’eredità e porta avanti la tradizionale proposta della rassegna di Musica Organistica e Polifonica conclusasi nel 2008 con la XXX° edizione.

Organizzata dal maestro Sergio Paolini con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale, la rassegna propone tre concerti, in programma nel Santuario di Santa Maria, nella Chiesa di San Michele e nella Chiesa del Sacro Cuore (Frati), le domeniche 11, 18 e 25 novembre alle ore 16.00.
Ai concerti si aggiungono delle lezioni riservate agli studenti delle scuole medie che si svolgono nell’abside della basilica, in modo che i ragazzi possano seguire i movimenti del musicista e dello strumento: “ho visto la meraviglia negli occhi dei giovani” ha ricordato ieri, in occasione della presentazione, l’assessore all’Educazione Gigi Farioli, che più volte ha assistito alle lezioni (negli anni hanno partecipato più di 4.500 bambini, quest’anno saranno 400 circa).
Come ha infatti ricordato l’assessore alla Cultura Manuela Maffioli, l’aspetto didattico ed educativo è parte integrante e sostanziale degli eventi culturali, allo scopo di far crescere il pubblico di domani e abituarlo alla bellezza.
I concerti della rassegna di musica sacra sono parte inoltre del calendario BA Musica, un nuovo pieghevole presentato ieri, che comprende gli eventi musicali delle realtà del territorio che siedono al “tavolo musica”, coordinato dall’assessore Maffioli. Si tratta del numero zero che presenta gli eventi previsti fino a fine dicembre, poi sarà realizzata l’edizione 2019, con gli eventi dei primi sei mesi dell’anno.
“E’ uno strumento che consente di conoscere quali sono i concerti e gli eventi musicali che si svolgono in città e che permette al pubblico di questi eventi, di solito molto fidelizzato verso un unico organizzatore, di seguire anche le proposte di altre realtà e di sperimentare anche generi musicali diversi dal solito” ha osservato Maffioli.

Di seguito il programma di domenica 11 novembre ore 16.00 – Santuario S. Maria e i curricula degli artisti

Irene De Ruvo organo
Michele Santi tromba
Musiche di Charpentier, Pachelbel, Bach,Verdi, Dubois.

MARC-ANTOINE CHARPENTIER (1634-1704)
Prelude (dal Te Deum)

JEREMIAH CLARKE (1674 – 1707)
The prince of Denmark’s March (dalla Suite for Trumpet)

JOHANN PACHELBEL (1653-1706)
Ciacona in re minore

JOHANN ADAM REINCKEN (1623-1722)
Fuga in sol minore

GIUSEPPE VERDI (1813-1901)
Adagio per tromba

JOHANN SEBASTIAN BACH (1685-1750)
Canzona in re minore

THÉODORE DUBOIS (1837-1924)
Toccata in Sol maggiore

JEAN BAPTISTE ARBAN (1825-1889)
Fantasia sull’opera Carmen di George Bizet.

Tag:

Leggi anche:

  • Busto Arsizio pensa agli anziani. Numero dedicato agli over 75

    L’assessorato all’Inclusione Sociale, in collaborazione con la cooperativa sociale Solidarietà e Servizi, che da oltre 40 anni si prende cura delle persone più fragili, ha attivato un numero di telefono dedicato agli over 75 residenti a Busto Arsizio. L’iniziativa vuole essere un segnale di
  • Il coordinamento feste in prima linea contro il covid

    In questi giorni di emergenza, alcune associazioni non sono rimaste con le mani in mano e hanno “riconvertito” le loro attività adattandole alle esigenze del momento di crisi, con un occhio di riguardo alle necessità dei più fragili. Tra queste, come sottolinea il sindaco Emanuele Antonelli,
  • La Fondazione Carnaghi e Brusatori dona 150 dispositivi di protezione a medici e pediatri di base

    Anche la Fondazione Carnaghi e Brusatori scende in campo a sostegno del personale sanitario impegnato nella lotta contro il coronavirus e nei prossimi giorni consegnerà circa 150 dispositivi di protezione individuale in plexiglass ai medici e ai pediatri di base della città e al personale delle
  • Busto Arsizio chiude uffici e servizi comunali

    L’attività del Comune non è sospesa, ma riorganizzata nel rispetto dei Decreti ministeriali per il contenimento dei contagi da Coronavirus. I servizi essenziali (polizia locale, stato civile (denunce di nascita e di morte), servizi cimiteriali) sono garantiti. Per gli uffici aperti al pubblico,