Young & Road: il Giro d’Italia della sicurezza stradale a Varese

All'evento, che si è svolto in piazza Repubblica lunedì 18 gennaio, hanno partecipato oltre 200 studenti

18 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
inviato alla stampa 180116

 

Si è svolto oggi , lunedì 18 gennaio 2016 dalle ore 10.00 alle ore 13:00, in Piazza Repubblica, alla presenza delle autorità locali in particolare il Prefetto, il Questore, il Sindaco, del Provveditore agli Studi, del Presidente ACI Varese, del Direttore ACI-PRA, del Direttore Motorizzazione, del Dirigente della Sezione di Polizia Stradale di Varese, una tappa del progetto “Young & Road” a cui hanno partecipato oltre 200 studenti di due Istituti Superiori di Varese.

Il Progetto “Young & Road” finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, è stato approvato nell’ambito del Bando di concorso per la sicurezza stradale.

L’obiettivo è stato contribuire alla trasformazione dei comportamenti errati che costituiscono la prima causa d’incidente stradale, implementare la percezione del rischio e la consapevolezza delle norme. Questo al fine di ridurre il numero degli incidenti stradali (oltre 181000 nel 2013), dei feriti (quasi 260.000 nel 2013), dei feriti gravi e dei morti (oltre 3000 nel 2013) e per trasformare l’insicurezza stradale, che è anche attuale emergenza sociale, in sicurezza e opportunità di conoscenza, condivisione delle norme, libertà responsabile e rispetto di se stessi e degli altri.

Questa mattina in Piazza Repubblica, su un TIR che si trasforma in un palco attrezzato sono stati montati un simulatore di ribaltamento auto, un simulatore d’impatto, un maxischermo, una regia audio e video, un gruppo elettrogeno da 25 kw e 6 telecamere che riprendono il comportamento dei formati durante lo svolgimento degli esercizi (simulatore di auto e di ribaltamento).

Grazie ad una presentazione multimediale condita con musiche, filmati di crash test e semplici spiegazioni, e la partecipazione attiva attraverso prove pratiche e simulazioni degli studenti intervenuti, sono stati comunicati in modo diretto e facilmente comprensibile, concetti complessi quali l’incremento quadratico delle forze fisiche agenti su un corpo in movimento, il funzionamento di airbag e pretensionatori, l’importanza dei seggiolini per i bambini e di quanto sia importante per l’incolumità di chi è alla guida, che il passeggero seduto dietro usi i sistemi di ritenuta.

Considerato l’esito positivo dell’evento svoltosi, per afflusso e coinvolgimento degli studenti presenti, l’intento delle Autorità Locali è quello di poter in futuro riproporre progetti di questo genere sul territorio di Varese.

inviata stampa 180116

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio