Via Giordani. Dal 13 gennaio la sostituzione del ponte

I piani speciali con le modifiche alla viabilità, al trasporto pubblico e allo scuolabus nei mesi di chiusura del tratto di strada

07 Gennaio 2020
Guarda anche: Varese Città

I lavori in via Giordani stanno per entrare nella loro fase più importante con la sostituzione del vecchio ponte a corsia unica con quello nuovo a due sensi di marcia dotato di marciapiedi. Queste operazioni inizieranno a partire dal 13 gennaio 2020 e dunque, come già ampiamente comunicato, a partire da quella data sarà necessario chiudere quel tratto di strada al traffico veicolare, nel punto dove sono in corso di esecuzione i lavori di sostituzione del ponte. Il resto di via Giordani continuerà a essere sempre transitabile ma di fatto la strada verrà tagliata in due.

Al termine dell’intervento, previsto indicativamente prima dell’estate, la strada sarà più accessibile e sicura, senza pericolose strettoie e rallentamenti. Via Giordani avrà dunque un nuovo ponte moderno e più largo, al posto di quello che oggi è un ponticello che di fatto taglia in due la città perché consente il passaggio solo di un veicolo alla volta. Inoltre, grazie ai lavori, verrà aumentata anche la sicurezza della strada grazie a nuovi marciapiedi, attraversamenti protetti e dissuasori della velocità che verranno realizzati in corrispondenza del nuovo ponte.

In questi mesi gli uffici comunali, in sinergia con Ferrovie Nord Milano e gli attori del trasporto pubblico, hanno lavorato per predisporre tutte le alternative per cittadini, residenti, studenti e utenti del trasporto. A partire dal 13 gennaio dunque sarà operativo il piano straordinario messo a punto per modificare la mobilità che resterà attivo per tutta la durata dell’intervento che secondo le previsioni dovrebbe durare circa 5 mesi. Un periodo di tempo che potrebbe anche ridursi in base alla velocità di realizzazione dei lavori. Già alla fine delle prima settimana di gennaio verranno installati anche i cartelli di cantiere lungo le arterie principali che si intersecano con la via Giordani. In questo modo gli automobilisti saranno informati del cantiere presente sulla strada individuando così tempestivamente l’alternativa migliore.

COSA CAMBIA:

Per i residenti per tutta la durata della chiusura della strada sarà aperta una passerella pedonale che si potrà percorrere a piedi. Si ricorda che gli esercizi commerciali e le attività presenti su via Giordani saranno sempre raggiungibili in quanto il tratto chiuso si limita solo al punto dove verrà sostituito il nuovo ponte. Il resto della strada, a valle e a monte, sarà sempre percorribile in auto e a piedi.

Per gli automobilisti che dalla Sp1 del lago dovranno recarsi in centro a Varese si consigliano i tanti percorsi alternativi come la salita di Bobbiate o via Corridoni (Ronchi) o da Calcinate/Morosolo. Per chi invece dal centro deve scendere verso il lago si potranno percorrere le altre strade che scendono verso la Schiranna.

Tag:

Leggi anche:

  • Bando per l’acquisto di bici elettriche. Cento richieste finanziate

    Cento biciclette elettriche sono già pronte a circolare per Varese. È il risultato del bando per la mobilità sostenibile promosso lo scorso gennaio dal Comune di Varese. L’amministrazione ha pubblicato oggi la graduatoria di quanti sono stati ammessi al finanziamento. Le risorse,
  • TramTreno da Varese al Lago Maggiore

    Il progetto, già definito nei contenuti anche in termini di sostenibilità economica e nelle prospettive di sviluppo del tessuto urbano del territorio interessato, prevede: realizzazione di nove nuove fermate sulle linee delle Ferrovie dello Stato e delle Ferrovie Nord Milano; trasformazione
  • Movida e sicurezza, nuovo incontro a Palazzo Estense

    Movida e sicurezza. Quest’ultima sia in termini di contrasto alla pandemia da coronavirus, sia in un’accezione più ampia, da studiare e mettere in pratica anche per il dopo emergenza. Questi i temi che domani, a mezzogiorno, saranno sul tavolo di una nuova videoconferenza cui parteciperanno
  • Progettiamo insieme gli anfibi di Villa Toepliz

    Legambiente, Lipu, GEV e Royal Wolf Rangers lanciano un appello ai varesini: “Proteggiamo insieme gli anfibi e la biodiversità del parco di Villa Toeplitz”. I volontari sono al lavoro per tutelare rane e rospi, ma il contributo e – soprattutto – il rispetto di tutti è