VDW – a Villa Recalcati si parla dei Pet

Un incontro che verte sull'analisi di un nuovo mercato, che si è sviluppato per un fenomeno di parentizzazione, intesa come genitorialità per i nostri animali

15 aprile 2018
Guarda anche: AperturaVarese Città

4miliardi di €, 2 miliardi legati al Pet Food e 2 miliardi legati al Care

Questi i dati snocciolati dal Prof. Guido Guerzoni, ospite questa mattina a Villa Recalcati nell’incontro di approfondimento a tema: “i nostri Pets”. Per la promozione del concorso indetto dall’associazione culturale Wareseable: “Pet design”, che è stato prorogato per il numero di richieste ricevute, facendo quindi slittare la premiazione in autunno.
Un incontro che verte sull’analisi di un nuovo mercato, che si è sviluppato per un fenomeno di parentizzazione, intesa come genitorialità per i nostri animali.
Questo ha sviluppato un mercato parallelo sulle operazioni commerciali e che è sicuramente da monitorare con attenzione.
Dario Croci, presente all’incontro ha portato la sua  esperienza di titolare di un’azienda varesina, che lavora solo nell’accesoristica e che è presente in quasi tutto il mondo, spaziando a 360* nel Pet, con una filiale negli Stati uniti ed una in Germania (quello tedesco è infatti il mercato più avanzato sotto l’aspetto economico dell’accessoristica del Pet) con un fatturato di 35milioni di €
La ricercatezza del prodotto è sicuramente l’esigenza da tenere presente per i padroni dei Pet, che sono sempre più attenti agli aspetti di qualità per i loro animali domestici e sempre più esigenti.” Ha dichiarato Croci.
Prova ne è anche il sodalizio nato con una stilista, Anastasia Bessarab, che ha presentato a Varese la sua collezione Anada, che veste cani e padroni, con ricercatezza e classe, nata da una profonda conoscenza degli animali, che ha permesso di sviluppare anche una linea che stesse bene al proprio cane, anche sotto l’aspetto della comodità, oltre che dell’estetica
Il Design per i cani ha dimostrato che ciò che sembra essere una piccola nicchia, in realtà è un mercato enorme, un esempio per tutti è dato da Louis Vuitton, che ha creato i sacchettini firmati per la raccolta dei bisogni dei propri cuccioli.
In Giappone esistono da decenni centinaia di pasticcerie per cani, uno degli spunti dal quale sono partito per raccontare la modifica del nostro rapporto con i nostri animali domestici, che sono diventati a tutti gli effetti membri ufficiali delle nostre famiglie. Da qui la nascita del mio libro, iniziato con l’arrivo di un cane in casa, su richiesta di mia figlia per il suo 7° compleanno, che ha rivoluzionato la vita della nostra famiglia” ha continuato Guerzoni.
Importante la presenza di un animale, che tende a rasserenare la vita delle persone” ha dichiarato Chiara Maggiolini, pedagogista clinica “spero che anche in Italia si comprenda quanto sia importante la compagnia di un animale domestico. Attraverso il progetto con Villa Rovera Molina a Barasso abbiamo verificato quanto la presenza del cane possa aiutare l’anziano, suscitando emozione e ricordi, sul quale educatore e professionisti possono poi lavorare. 
Così anche nel reparto di pediatria di Cittiglio, dove è partito un progetto pilota, che deve fare i conti ovviamente con il setting, per creare progetti mirati a migliorare il tono dell’umore, laddove ci siano periodi di media lunga degenza, per creare aspetti di serenità immediata”.
 
Come cambia quindi il nostro modo di vivere dopo 20 anni di condivisione di spazi e vita con un animale domestico? Il 90% dei millenier intervistati negli Stati Uniti hanno dichiarato di essere più affezionati ai propri cani, che ai propri genitori – ha dichiarato Guerzoni – cosa che come  padre di un millenier non mi rende particolarmente felice, però comprendo che la condivisione  con un animale domestico sviluppa un aspetto emotivo moto forte, che si può vedere anche nelle coppie che prima di avere un figlio, a volte sperimentano l’adozione di un animale domestico.”
 
L’incontro ha lanciato molti stimoli alla platea, che si è confrontata con i relatori con un’analisi stimolante sul futuro di convivenza tra animali ed esseri umani.
Ora non resta che attendere con curiosità le opere presentate dai Designer per il concorso “Per Design” che potranno essere presentate ancora fino al 10 maggio, con la presentazione dei progetti entro il 31 maggio.
Le informazioni possono essere reperite nella sezione dedicata del sito della Varese Design Week http://www.varesedesignweek-va.it/edizione-2018/il-concorso/

Tag:

Leggi anche:

  • Varese, torna la polemica per il passeggio Dandolo dedicato al fondatore del LCI

    Lo storico passeggio Dandolo, più noto oggi come il viale alberato del centro cittadino, è stato il primo passeggio pubblico della città. Dopo oltre due secoli, la nuova amministrazione comunale con a capo Davide Galimberti ha deciso di modificare l’intestazione, dedicando questo passeggio ad
  • Sulla Torre civica la bandiera italiana accompagnerà le celebrazioni delle feste nazionali

    Il tricolore resterà sulla cima della torre da oggi e fino al 2 giugno, accompagnando le ricorrenze nazionali che dal 25 aprile proseguiranno fino alla Festa della Repubblica italiana. L’iniziativa parte su decisione della Giunta che ha deliberato che la bandiera nazionale sarà posizionata
  • Scuola Formazione Lavoro: in Provincia un tavolo unico per favorire lo sviluppo

    E’ stato firmato questa mattina a Villa Recalcati il regolamento che dà vita al Tavolo unico provinciale Scuola Formazione Lavoro. All’atto ufficiale di sottoscrizione erano presenti tutti i principali attori coinvolti sul tema: Provincia di Varese, Usr Lombardia dell’Ambito territoriale di
  • Arte & Natura a Villa Panza il 25 aprile

    Speciali giornate di festa ricche di attività per adulti e bambini, da passare immersi nella bellezza del parco di Villa Panza. Un nuovo appuntamento è in programma per mercoledì’ 25 aprile, con un ricco calendario per tutta la giornata dalle 10:00 alle 18:00. Il giardino sarà la perfetta