Varese, Wine Festival 2015. Dai grandi Rossi italiani allo Champagne

Sabato 6 e domenica 7 giugno al Palace Grand Hotel dalle 11.00 alle 19.00 la seconda edizione

02 giugno 2015
Guarda anche: Varese Città

Torna per il secondo anno la rassegna vinicola varesina, che fa il pieno di adesioni, con ottanta prestigiose aziende partecipanti.


L’idea di portare il Wine Festival a Varese è di due professionisti del settore, che da tempo avrebbero voluto organizzare nella propria città un appuntamento dedicato al vino e alle realtà più rappresentative del panorama enoico italiano. Si tratta di Valerio Bergamini, ex Delegato AIS Varese, e di Luca
Savastano, consulente di marketing e comunicazione e fondatore di Winemobile.it (la prima applicazione che permette la localizzazione del consumo di vino al bicchiere).

La loro idea è stata talmente apprezzata, che ha raggiunto in poco tempo il più ambizioso target di adesioni, riconfermando e migliorando il numero di Aziende partecipanti all’edizione 2015.

Per quest’anno la manifestazione si svolgerà su due giornate. Il 6 ed il 7 giugno 2015; dove la giornata di sabato sarà dedicata a due degustazioni, solo su prenotazione, che riguarderanno i Grandi Rossi Italiani e lo Champagne. Mentre il banco di degustazione a pagamento, sarà aperto a tutti e si svolgerà nell’arco di una giornata, l’7 giugno p.v., e presenterà 80 aziende vinicole.

Un tour dell’Italia attraverso i territori più vocati della viticoltura, con oltre 200 vini in degustazione. Per scelta, non ci saranno solo case affermate, ma anche realtà emergenti, unite tra loro essenzialmente da due costanti: l’attenzione alla qualità e la valorizzazione del proprio territorio.
Accoglienza ai massimi livelli e una location prestigiosa, saranno il biglietto di benvenuto di questo appuntamento, organizzato in un luogo dalla valenza storica e culturale. La location è, infatti, il Palace Grand Hotel Varese, progettato da Giuseppe Sommaruga agli inizi del ‘900, è uno dei migliori esempi
di Liberty lombardo, una dimora che ha saputo rinnovarsi preservando il suo fascino senza tempo.

Inoltre, per rendere ancora più coinvolgente il VWF, è in programma una giornata dedicata alle degustazioni guidate dal Master of Wine Severino Barzan presente in entrambe le giornate del 6 e 7 Giugno. Icona dell’Enologia Nazionale, insignito negli anni dei più prestigiosi premi nel mondo del vino, ancora oggi è Presidente della Giuria del Concorso Internazionale di World Method Traditionelle e
molto altro.

Roberto Valbuzzi, già presente lo scorsa edizione si ripeterà anche quest’anno con uno show cooking legato ai prodotti del territorio varesino.

Alessandro Ali, rinomato Enologo di caratura nazionale, Docente di corsi di Sommellerie e Critico Enogastronomico .

Per maggiori informazioni: ufficio.stampa@varesewinefestival.it

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio