Varese: una Stagione Musicale dedicata a Monteverdi

Tanti eventi per la diciottesima edizione

21 settembre 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
stagmus

Con il 2016-17 la Stagione Musicale Comunale giunge alla sua diciottesima edizione. Un bel traguardo, non c’è che dire, per una iniziativa che, nata quasi vent’anni, si è di anno in anno consolidata fino ad entrare prepotentemente nel cuore dei varesini, e non solo: lo scorso anno ad assistere ai concerti della Stagione sono arrivati spettatori provenienti dal Veneto e dalla Toscana, e una famiglia è partita appositamente dalla Germania. A questo risultato si è giunti grazie al costante impegno di tutti ma soprattutto grazie al respiro europeo dell’iniziativa, che ha sempre privilegiato l’assoluta qualità artistica dei musicisti ospiti, e all’amore del nostro pubblico. L’anno scorso, su un totale di dieci concerti, sette sono andati esauriti in prevendita, uno la sera stessa e l’ultimo, quello presso la Basilica di San Vittore, ha visto gente sistemata un po’ ovunque, in numero superiore alla disponibilità dei posti a sedere offerti dal nostro duomo. E questa è una tendenza che si registra oramai da diversi anni, a tal punto che possedere un abbonamento è l’unica possibilità di essere certi di avere un posto in sala.

“Si annuncia un’edizione ricca di sorprese e appuntamenti imperdibili la nuova Stagione Musicale Comunale che prenderà il via il 14 ottobre 2016 – ha dichiarato Roberto Cecchi, assessore alla Cultura del comune di Varese -. Un programma di alto livello culturale e musicale che si svolgerà, come da tradizione, nell’affascinante cornice del Salone Estense. Unire musica classica di grande qualità ad un contesto eccezionale come quello offerto dal Salone Estense è da sempre il valore aggiunto di questa bellissima stagione musicale che ogni anno attrae un grande pubblico da tante parti d’Italia. I varesini si scoprono grandi appassionati di musica classica e lo dimostrano le tante serate di tutto esaurito che si registrano ogni anno in occasione dei concerti in programma per quella che è una eccellenza culturale varesina. Quando l’offerta culturale è di qualità, come è il caso della stagione di concerti di musica classica, è anche l’immagine stessa della città a beneficiarne. La sfida è quella di lavorare ancora di più in questo senso per offrire in futuro ai varesini, e non solo, eventi culturali di eccellenza che possano attrarre a Varese un pubblico sempre più interessato alla nostra città e alle nostre proposte culturali e turistiche”.

Tanti auguri al “divino” Monteverdi

Ma cosa ci offre il cartellone 2016/17? Come sempre, dieci concerti tutti di qualità altissima. Uno, però, merita una premessa e una citazione speciale perché è dedicato a un artista davvero unico, un musicista che se fosse ancora fra noi, il 9 maggio del 2017 compirebbe 450 anni. Parliamo di Claudio Monteverdi un compositore forse meno noto al grande pubblico, ma non meno importante di un Mozart, di un Beethoven, di un Verdi. E soprattutto non meno rivoluzionario. Non c’è campo in cui il “divino” Claudio non eccellesse: dalla musica vocale da camera a quella operistica, dalla musica sacra a quella, più rara ma non irrilevante, destinata “alli istromenti”. Lombardo per nascita e per cultura, Claudio Monteverdi stupisce per la forza e il pragmatismo delle sue idee, ma anche per l’arditezza di certe soluzioni armoniche o per quel rivoluzionario rapporto fra musica e parola in cui la prima doveva semplicemente mettersi al servizio della seconda. Ebbene, a 450 anni dalla sua nascita potevamo dimenticarci di lui? Evidentemente no. Ed ecco allora che, seppure con qualche mese d’anticipo rispetto al suo compleanno (il concerto varesino si terrà il 5 febbraio), abbiamo invitato a celebrare il suo genio, uno dei più grandi interpreti monteverdiani oggi sulla scena mondiale: Rinaldo Alessandrini noto, oltretutto, per aver fondato quella eccellenza strumentale che va sotto il nome di Concerto Italiano. Insieme a loro troveremo sei grandi voci, tutte di assoluto riferimento nell’esecuzione di questo repertorio. Il programma? Semplicemente il meglio di una produzione di per sé eccelsa…

Antica ma non solo

Non sarà questa, però, l’unica incursione nella musica antica prevista dal nuovo cartellone 2016/17. Ne troveremo un ulteriore, piccolo assaggio anche nel programma dei mitici King’s Singers (27 gennaio), uno degli ensemble vocali più amati di sempre. Il cui programma, organizzato in “cartoline”, ora dal Regno Unito, ora dal confine, ora addirittura dal mondo intero ecc., prevede anche una sezione intitolata “Postcards from Renaissance Europe”, ossia una breve selezione di autori fiamminghi, maestri nell’arte del contrappunto e ambitissimi dalle corti italiane ed europee fra Quattro e Cinquecento.
Ma come da tradizione, a parte queste incursioni, alle quali si aggiungerà molto probabilmente un ulteriore omaggio all’antico (Leclair e Vivaldi, gli autori in programma) anche da parte del singolarissimo duo formato dal violino di Giuliano Carmignola e dal violoncello piccolo di Mario Brunello (19 febbraio), a dominare è il grande repertorio classico-romantico, con un particolare riguardo alle formazioni strumentali dal duo al quintetto. Di Mozart, ad esempio, ascolteremo complessivamente tre dei sei Quartetti che il compositore salisburghese dedicò al collega e amico Franz Joseph Haydn: il primo, eseguito a cura del giovane Quartetto Fauves (13 gennaio), sarà preceduto da “conversazione” con esempi musicali dal vivo, a cura di Fabio Sartorelli, il secondo e il quarto della serie saranno al centro di un successivo concerto che vedrà protagonista il celeberrimo Quartetto Casals (13 gennaio). Nel corso di quest’ultima serata, il Casals si trasformerà eccezionalmente in un quintetto grazie alla partecipazione straordinaria del primo clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il meraviglioso Alessandro Carbonare. Con questa formazione ascolteremo, sempre di Mozart, il Quintetto in la maggiore per clarinetto e archi KV 581.
Parliamo ancora di strumenti a fiato e di quintetti: molti ascoltatori ricorderanno lo straordinario entusiasmo sollevato dal recital del flautista Emmanuel Pahud nel corso della passata Stagione. Ebbene, l’entusiasmo fu ricambiato anche da parte del grande musicista, che ha di buon grado accettato di tornare anche quest’anno non più insieme al suo pianista abituale ma con quattro fra i più grandi strumentisti a fiato di Francia: l’oboista François Leleux, il clarinettista Pascal Moraguès, il cornista Radovan Vlatković e il fagottista Gilbert Audin. Il quintetto così composto si presenterà col nome diLes vents française sarà nostro ospite il prossimo 8 di marzo.
Un altro quintetto, questa volta costituito da un gruppo di archi e un pianoforte, nato dall’incontro di vere e proprie stelle nei rispettivi strumenti, ci regalerà invece il Quintetto “La Trota” di Schubert dopo una prima parte di programma ancora tutta da scoprire (4 dicembre). Questi cinque musicisti, riunitisi per la prima volta insieme in occasione del celebre Festival di Lockenhaus, sono il pianista Alexander Lonquich, il violinista Pekka Kuusisto, la violinista e violista Lily Francis, il violoncellista Nicola Alstaedt e il contrabbassista Knut Erik Sundquist. Un concerto che segna anche l’incontro di musicisti appartenenti a generazioni e culture differenti.

Due recital e un finale vocale

La ricca presenza di gruppi allargati, conferma, anche per la 18a edizione della Stagione Musicale Comunale la tendenza a privilegiare gli ensemble più o meno ampi e a ridurre la presenza dei solisti. Ne abbiamo inviati, infatti, soltanto due, entrambi collocati in apertura di Stagione: si tratta della violinista norvegese Vilde Frang (14 ottobre), artista superba, già nostra ospite quattro anni or sono e protagonista di un recital rimasto indelebile nella memoria di tutti i presenti, e del pianista canadese Louis Lortie (6 novembre) assente dal nostro palcoscenico da ben quattordici anni. In verità Lortie sarebbe dovuto tornare a Varese nel 2012, ma a causa di una brutta frattura a un braccio si vide costretto ad annullare tutti gli impegni artistici presi, compreso naturalmente anche il nostro. Al Salone Estense il grande pianista è comunque tornato, ma in incognito e da spettatore, per assistere dal retropalco, al concerto di una violinista tedesca nostra ospite.
La chiusura della Stagione è prevista all’inizio della prossima primavera, mercoledì 22 marzo, con il concerto vocale dedicato a Luigi Orrigoni presso la Basilica di San Vittore, affidato allo Swedish Radio Choir diretto da Peter Dijkstra. Il programma prevede, fra l’altro, una selezione di mottetti di Brahms e Mendelssohn: una chiusura in bilico fra emozioni musicali e riflessioni spirituali, prima della Pasqua.

Tutti i concerti saranno al Salone Estense con la sola eccezione dell’ultimo appuntamento previsto nella Basilica di San Vittore. Il prezzo dei biglietti è di € 25,00 mentre quello degli abbonamenti per nove concerti è di €170,00 (meno di 19 euro a concerto). Confermato il biglietto per i gruppi di almeno 10 persone (scuole, associazioni culturali, corali ecc.) con prenotazione obbligatoria entro e non oltre cinque giorni dal concerto richiesto: € 15,00 cadauno (email info@stagionemusicale.it). I giovani fino a 26 anni potranno acquistare un abbonamento agevolato per tutta la Stagione al prezzo di € 100,00 (circa 11 euro a concerto).

Programmi, curricula, foto sono disponibili sui siti internet
www.stagionemusicale.it –www.varesecultura.it

Tag:

Leggi anche:

  • “Merende sotto l’albero”: le Piscine Manara festeggiano il Natale

    Le Piscine Manara si preparano in grande stile all’arrivo delle festività natalizie. Infatti, domenica 11 dicembre, Sport Management, la società che gestisce il Centro Natatorio, in collaborazione con Royal Time, organizzerà un evento all’insegna dello sport e del divertimento per
  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale