Varese, Three Steps To The Ocean – Marnero – Fatty Fatty Bombo

Venerdì 27 marzo alle Cantine Coopuf dalle 22.00 tre concerti imperdibili

25 marzo 2015
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città
Three Steps To The Ocean

L’evento, che fa parte di Convergenze ed è stato organizzato da Coopuf Iniziative Culturali, porterà sul palco tre sorprendenti realtà musicali. Ingresso a offerta libera senza tessera.

Dopo due lunghissimi anni in una città senza punk, senza HC, senza vita, si torna lì dove tutto iniziò: proprio dentro al vulcano o in fondo all’abisso.

Three Steps To The Ocean

I Three Steps to The Ocean sono una band strumentale nata a Milano nel 2006. Negli anni hanno condiviso il palco con moltissime band, tra cui: God Is An Astronaut, ZU, Maserati, Dub Trio, And So I Watch You From Afar, Callisto, Celeste, Sleepmakeswaves, Zeus!, Appaloosa e molti altri.
MIGRATION LIGHT è il loro quarto album. Quest’ultimo lavoro combina sferzanti passaggi metal ad atmosfere più dilatate, ispirate anche a sonorità eteree e desertiche di stampo USA. MIGRATION LIGHT, così come tutti i dischi precedenti, si può ascoltare e scaricare gratuitamente (o con prezzo a scelta) dalla loro pagina Bandcamp.

Marnero

Il Sopravvissuto è il terzo disco del Marnero, il secondo di una irrealizzabile, per forza di cose, trilogia del Fallimento. Il Sopravvissuto è un racconto solo, sono quattro quadranti, sono otto frammenti del diario di bordo in una notte nera nell’Oceano del Possibile. “Voghiamo in un vasto mare, sospinti da un estremo all’altro, sempre incerti e fluttuanti. Ogni termine al quale pensiamo di ormeggiarci e di fissarci vacilla e ci lascia. Per srotoloarsi serve mollare la boa. Che è solo un punto in mezzo al mare. Poi c’è tutto il mare e se proprio vuoi ficcare la testa da qualche parte fallo in mezzo al mare, dove diventa nero e fa paura, dove si apre quel mondo terribile.”

Fatty Fatty Bombo

Fatty Fatty Bombo è un progetto nato a Verbania da un’urgenza espressiva (dopo una dozzina d’anni di prove in mansarda).
E’ un basso distorto e basi di batteria/synth. E’ una one man band. E’ sperimentale, ed è ancorato a radici stoner, post-rock, post-hardcore e post “quello che ti pare”, e non è nulla di tutto questo. Concepito non per sorprendere ma per comunicare, vi sorprenderà e non vi comunicherà niente (e/o viceversa).

INGRESSO: A offerta libera, posti limitati. Non è necessaria la tessera per accedere alle Cantine.

Per informazioni: info@coopuf.org       coopuf.org

Tag:

Leggi anche:

  • I Giardini Letterari a Villa Toeplitz: il 20 luglio Silvio Raffo presenta “Corpo Segreto”

    Silvio Raffo sarà il protagonista della serata, per presentare un nuovo libro di poesie “Corpo Segreto” (Lietocolle), a cui sarà unita anche la presentazione del suo film, appena uscito negli Usa, “The voice of the stone” del regista Eric D. Howell. Modera: Linda Terziroli. Se piovesse,
  • Presentazione di Convergenze, il festival lungo un’estate

    Domani, giovedì 8 giugno 2017, alle ore 10 in sala Matrimoni del Comune di Varese si terrà la conferenza stampa di presentazione del programma dell’evento culturale varesino che si svolgerà da giugno a settembre 2017. Interverranno: Roberto Cecchi, assessore alla Cultura e al Turismo del
  • La lunga estate varesina: tre mesi di eventi culturali

    É all’insegna della qualità il calendario di eventi messo a punto per l’estate 2016 dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Varese, in collaborazione con tante associazioni e operatori della cultura del territorio (Cooperativa Sull’Arte, Cooperativa La Finestra, Filmstudio’90,
  • Cantine Coopuf: “La burocrazia rischia di farci chiudere”

    Un grido d’allarme. Perché uno dei principali luoghi che fanno cultura a Varese rischia di chiudere. Si tratta delle Cantine Coopuf, la sala seminerrata della struttura di via De Cristoforis dove vengono gestiti e organizzati eventi. E che si trova in difficoltà. “A pochi giorni dalla