Varese, sotto il cipresso “della protesta” rami spezzati e disordine. E i tassi continuano a perdere la loro chioma

Alcuni cittadini hanno segnalato le condizioni del verde rovinato sotto l'albero. Mentre per la prima volta mostriamo le condizioni degli alberi secolari che stanno venendo 'fagocitati' dai cipressi

21 settembre 2014
Guarda anche: Varese Città
Tasso

Rami spezzati. E un certo “disordine” sotto il cipresso della protesta.

Se i sostenitori di Michele Forzinetti hanno ripulito buona parte del luogo che ha ospitato per una settimana non solo il ragazzo sull’albero, ma anche le numerose persone venute ad assisterlo, l’area verde attorno all’albero mostra i segni del passaggio umano che non ha, diciamo, “rispettato” la natura fino in fondo.

Come si può vedere dalle foto scattate, c’è effettivamente una certa quantità di rami tutti attorno al tronco dell’albero, e nelle immediate vicinanze. Guardando gli alberi immediatamente vicini non è presente la stessa quantità di rami, segno che si tratta molto probabilmente dei “resti” della salita e delle discesa dal cipresso. In sostanza, da parte di chi ha partecipato alla protesta contro il taglio dei cipressi e che ha supportato Forzinetti nella sua battaglia non ci sarebbe stata quella “pulizia” dell’ambiente assicurata a fine protesta. Ancora ieri, sabato 20 settembre, nel pomeriggio, era possibile vedere un nastro legato ai rami e una cordicella abbandonata vicino al tronco.

Altri rifiuti, come pacchetti vuoti di sigarette e fogli di carta, lungo il vialetto. Ma questi ultimi, naturalmente, possono essere stati abbandonati da qualcun altro, in un momento successivo alla manifestazione nella serata di giovedì.

Andando a vedere invece i tassi secolari, ovvero gli alberi monumentali che sono sotto tutela e per i quali gli uffici tecnici del Verde pubblico hanno deciso il taglio dei vicini cipressi, notiamo come l’allarme lanciato dai professionisti del Comune corrisponda effettivamente al vero. Mentre guardando i tassi dal davanti, ovvero con Palazzo Estense alle spalle, la loro chioma appare ancora abbastanza folta, da dietro gli alberi si stanno defogliando, come si può vedere nella foto di copertina.

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione