Varese: prorogata la mostra “Pashed, l’artista del faraone”

L'esposizione in via Vico durerà sino al 13 marzo

02 febbraio 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
pashed03

Curata dall’egittologa Donatella Avanzo, l’esposizione organizzata con la collaborazione del Comune di Varese (e inserita nell’ambito del progetto VareseMusei, grazie al quale si sta valorizzando il prezioso patrimonio museale della città e ampliando l’offerta culturale rivolta ai cittadini) vede protagonista la ricostruzione in scala naturale della camera funeraria di una delle tombe più belle e decorate – quella di Pashed appunto – della necropoli di Deir el-Medina il villaggio che ospitava la comunità artigiana che lavorò per volere dei faraoni del Nuovo Regno (1500 – 1050 a.C.) alla realizzazione delle tombe della Valle dei Re e della Valle delle Regine.
Questa spettacolare opera, curata nei minimi particolari, suscita nei  visitatori la stessa meraviglia che prova chi ha l’opportunità di  ammirare in Egitto la vera tomba di Pashed.
Grazie all’alto valore didattico rappresentato dalla mostra e dal Museo  Castiglioni è molto numerosa anche la presenza di scolaresche  provenienti da tutta la provincia.

Gli studenti, in particolare, sono incuriositi dalle ricostruzioni di alcuni aspetti della vita quotidiana
dell’Egitto di oltre 3000 anni fa. Il percorso espositivo è arricchito da reperti provenienti da collezioni  private e da numerose sezioni parietali di altre importanti tombe della
Valle dei Nobili che portano il visitatore sulla sponda ovest del Nilo. L’agricoltura e la viticoltura  sono anch’esse ben rappresentate e  completate con la ricostruzione di un torchio per la vinificazione  dell’epoca di Ramesse II.
La sala dedicata all’antica scrittura geroglifica è arricchita dalle  opere contemporanee del Maestro Luciano Dall’Acqua, artista che ha  collaborato con Picasso e ha esposto al Guggenheim, ispirate alla  cultura egizia: magnifici oggetti in vetro uniti a dipinti e incisioni  di rara bellezza.
L’eccezionalità della mostra è sottolineata dal patrocino e dal  contributo che la Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus e il Rotary  Club Varese Verbano hanno voluto concedere all’iniziativa, evidenziando  la consueta attenzione dedicata da queste importanti organizzazioni alle
iniziative culturali del territorio.
La mostra si avvale della consulenza scientifica del prof. Alessandro Roccati, egittologo e membro dell’Accademia delle Scienze di Torino, del prof. Emanuele Ciampini, egittologo dell’Università Ca’ Foscari di  Venezia e della prof.ssa Paola Zanovello, archeologa dell’Università di
Padova.

Il Museo Castiglioni si trova in via Vico, 46 a Varese, nella  palazzina residenziale all’interno del parco di Villa Toeplitz.  L’esposizione è aperta al pubblico il giovedì, il venerdì, il sabato e
la domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare