Varese pronta per il recupero della ex Caserma Garibaldi

Conferenza dei Servizi questa mattina a Palazzo Estense. Gli enti coinvolti promuovono il progetto di recupero

17 Aprile 2019
Guarda anche: AperturaComune di VareseVarese Città

Si è svolta questa mattina la Conferenza dei Servizi sul recupero della ex Caserma Garibaldi di Varese in cui sono stati acquisiti i pareri degli enti competenti come ad esempio la soprintendenza e i vigili del fuoco che hanno valutato positivamente il progetto. Un passaggio importante nel percorso: nei prossimi tre mesi infatti verrà redatto il progetto esecutivo che permetterà poi di aprire la gara per l’esecuzione dei cantieri. Una tabella di marcia serrata per dare il via ai lavori in tempi brevi.

A illustrare questa mattina i dettagli del recupero dell’edificio sono stati i progettisti incaricati dall’amministrazione comunale di redigere il progetto. Alla Conferenza dei Servizi erano presenti il sindaco Davide Galimberti, l’assessore Andrea Civati, il sopraintendente Luca Rinaldi e tra gli altri tecnici anche i Vigili del Fuoco, ATS e le società che si occupano di sottoservizi. Un incontro al quale sono stati convocati tutti i soggetti che hanno il compito di pronunciarsi sul progetto al fine di acquisire, in una unica soluzione, le valutazioni di tutti gli attori in una ottica di semplificazione e riduzione dei tempi. Durante la Conferenza dei Servizi sono stati indicate le progettualità, le funzioni e i dettagli delle opere che verranno realizzate per restituire alla città un edificio finalmente riqualificato. Per quanto riguarda le funzioni dell’edificio è stato confermato quella del Polo Culturale e altri spazi multifunzionali aperti alla città.

“Il percorso del progetto prosegue in sintonia con la Regione e con il presidente Fontana che aveva posto le basi per arrivare al recupero della Caserma – ha detto il sindaco Galimberti – Questa mattina è stato un appuntamento importante in vista dell’approvazione definitiva del progetto che ha visto il pronunciamento favorevole degli enti coinvolti e in particolare della soprintendenza, il cui contributo è stato essenziale per migliorare la qualità progettuale dell’intervento. Questo per dare il via il prima possibile ad un intervento che porterà alla realizzazione di un polo culturale di altissimo livello per l’intero territorio cittadino e provinciale”.

“Una bella soddisfazione – ha spiegato l’assessore Civati – dopo anni di attesa oggi l’ultimo passaggio prima dell’approvazione definitiva del progetto che ci consentirà presto di aprire i cantieri. Quello che verrà realizzato sarà un bellissimo luogo, aperto alla cultura, ai cittadini e ai giovani, dove ci sarà spazio per aule multimediali e culturali, e anche a spazi adatti ai più piccoli. Un pensiero moderno in uno spazio antico che finalmente verrà restituito alla partecipazione dei cittadini”.

Tag:

Leggi anche:

  • Sicurezza nelle scuole: Conclusi i lavori alla San Giovanni Bosco

    Sicurezza, efficienza e maggiore confort: in sostanza una scuola più bella. Si sono conclusi i lavori alla Primaria San Giovanni Bosco dove in questi mesi sono stati sostituiti tutti gli infissi dell’edificio. L’altro intervento ha invece riguardato la palestra con la messa in
  • Strade, nuovo marciapiede in via Astico

    Un nuovo tratto di marciapiede in via Astico, dal civico 34 fino a via Lanfranconi. Opera che sarà completata anche da un nuovo impianto di illuminazione e alla quale si aggiungeranno, questa volta in via Ticino, altri due interventi: da un lato il sistema di irregimentazione delle acque bianche,
  • Stadio e Varesello, l’interesse arriva dall’Australia

    “Sarebbe utile approfondire gli aspetti inerenti allo stadio ‘Ossola’ e al centro sportivo ‘Varesello’, in aggiunta a eventuali altre strutture con destinazioni sportiva (con riferimento alle Olimpiadi Invernali 2026), alberghiera e di alloggio per studenti”. È
  • Strade, in via Bainsizza un guasto rallenta i lavori

    “Una perdita d’acqua dalle tubature sotterranee. Spesso succede quando i tubi sono vecchi o installati a una profondità non adeguata; basta anche solo una di queste due cause e, al passaggio dei mezzi per le asfaltature, le strutture cedono”. Così i tecnici comunali spiegano il