Varese, polo culturale nell’ex Caserma in piazza Repubblica

Binelli (Capogruppo Lega): “Costi aumentati da 7 a 21 milioni, si impone una pausa di riflessione”

01 Ottobre 2019
Guarda anche: Varese Città

“Le decisioni sul futuro assetto di piazza della Repubblica e sull’ex Caserma sono di esclusiva competenza del Consiglio comunale. La giunta Galimberti non può imporre la propria visione, soprattutto alla luce del notevole aumento di costi previsti per il polo culturale nell’ex Caserma, passati da 7 a 21 milioni di euro. Sarebbe decisamente poco democratico prendere una decisione così impattante per la città senza condividerla con l’organo rappresentativo dei cittadini, alla faccia del nome del partito di maggioranza che sostiene l’amministrazione”.


Così Fabio Binelli, Capogruppo della Lega in Consiglio comunale a Varese, che ha presentato una mozione durante la seduta di ieri sera per chiedere di discutere le scelte sul futuro di piazza della Repubblica, “dopo che l’amministrazione di centrosinistra ha cambiato in maniera sensibile il vecchio progetto”.

“Chiediamo innanzitutto di predisporre un nuovo masterplan così da far esprimere il consiglio comunale sulla diversa ricollocazione, decisa dalla giunta del PD, delle funzioni previste in piazza della Repubblica. Scegliendo il Politeama come sede teatrale – spiega Binelli – la giunta Galimberti, invece che costruire un teatro che tenga conto delle esigenze culturali della città e del mix di offerta necessario a garantire l’economicità della gestione, adatta l’offerta culturale alle asfittiche dimensioni dell’ex cinematografo, edificio inadeguato ad ospitare grandi spettacoli e per di più architettonicamente bruttino. Il rischio è quello che le prossime stagioni teatrali costituiscano una voragine finanziaria per le future amministrazioni” . 

 
Di qui la richiesta di  un piano economico-finanziario sulla sostenibilità dell’attività teatrale nella nuova collocazione ipotizzata. La mozione della Lega chiede quindi di “sospendere qualsiasi provvedimento finalizzato all’attuazione del vecchio masterplan e in particolare l’assunzione di spese finalizzate alla trasformazione della caserma” e di “predisporre un nuovo masterplan perché il consiglio comunale si esprima sulla diversa ricollocazione delle funzioni previste in piazza della Repubblica dalla delibera CC76/2014 che stabiliva l’ubicazione del nuovo teatro in piazza Repubblica”.

“Ad oggi – sottolinea il Capogruppo della Lega – quella delibera del Consiglio comunale rappresenta l’unico documento ufficiale del Comune; sostenere posizioni diverse ai tavoli istituzionali con Regione Lombardia senza modificare quell’atto costituisce una grave offesa alle prerogative del consiglio”. 

Tag:

Leggi anche:

  • Bando per l’acquisto di bici elettriche. Cento richieste finanziate

    Cento biciclette elettriche sono già pronte a circolare per Varese. È il risultato del bando per la mobilità sostenibile promosso lo scorso gennaio dal Comune di Varese. L’amministrazione ha pubblicato oggi la graduatoria di quanti sono stati ammessi al finanziamento. Le risorse,
  • TramTreno da Varese al Lago Maggiore

    Il progetto, già definito nei contenuti anche in termini di sostenibilità economica e nelle prospettive di sviluppo del tessuto urbano del territorio interessato, prevede: realizzazione di nove nuove fermate sulle linee delle Ferrovie dello Stato e delle Ferrovie Nord Milano; trasformazione
  • Movida e sicurezza, nuovo incontro a Palazzo Estense

    Movida e sicurezza. Quest’ultima sia in termini di contrasto alla pandemia da coronavirus, sia in un’accezione più ampia, da studiare e mettere in pratica anche per il dopo emergenza. Questi i temi che domani, a mezzogiorno, saranno sul tavolo di una nuova videoconferenza cui parteciperanno
  • Progettiamo insieme gli anfibi di Villa Toepliz

    Legambiente, Lipu, GEV e Royal Wolf Rangers lanciano un appello ai varesini: “Proteggiamo insieme gli anfibi e la biodiversità del parco di Villa Toeplitz”. I volontari sono al lavoro per tutelare rane e rospi, ma il contributo e – soprattutto – il rispetto di tutti è