Varese, polo culturale nell’ex Caserma in piazza Repubblica

Binelli (Capogruppo Lega): “Costi aumentati da 7 a 21 milioni, si impone una pausa di riflessione”

01 Ottobre 2019
Guarda anche: Varese Città

“Le decisioni sul futuro assetto di piazza della Repubblica e sull’ex Caserma sono di esclusiva competenza del Consiglio comunale. La giunta Galimberti non può imporre la propria visione, soprattutto alla luce del notevole aumento di costi previsti per il polo culturale nell’ex Caserma, passati da 7 a 21 milioni di euro. Sarebbe decisamente poco democratico prendere una decisione così impattante per la città senza condividerla con l’organo rappresentativo dei cittadini, alla faccia del nome del partito di maggioranza che sostiene l’amministrazione”.


Così Fabio Binelli, Capogruppo della Lega in Consiglio comunale a Varese, che ha presentato una mozione durante la seduta di ieri sera per chiedere di discutere le scelte sul futuro di piazza della Repubblica, “dopo che l’amministrazione di centrosinistra ha cambiato in maniera sensibile il vecchio progetto”.

“Chiediamo innanzitutto di predisporre un nuovo masterplan così da far esprimere il consiglio comunale sulla diversa ricollocazione, decisa dalla giunta del PD, delle funzioni previste in piazza della Repubblica. Scegliendo il Politeama come sede teatrale – spiega Binelli – la giunta Galimberti, invece che costruire un teatro che tenga conto delle esigenze culturali della città e del mix di offerta necessario a garantire l’economicità della gestione, adatta l’offerta culturale alle asfittiche dimensioni dell’ex cinematografo, edificio inadeguato ad ospitare grandi spettacoli e per di più architettonicamente bruttino. Il rischio è quello che le prossime stagioni teatrali costituiscano una voragine finanziaria per le future amministrazioni” . 

 
Di qui la richiesta di  un piano economico-finanziario sulla sostenibilità dell’attività teatrale nella nuova collocazione ipotizzata. La mozione della Lega chiede quindi di “sospendere qualsiasi provvedimento finalizzato all’attuazione del vecchio masterplan e in particolare l’assunzione di spese finalizzate alla trasformazione della caserma” e di “predisporre un nuovo masterplan perché il consiglio comunale si esprima sulla diversa ricollocazione delle funzioni previste in piazza della Repubblica dalla delibera CC76/2014 che stabiliva l’ubicazione del nuovo teatro in piazza Repubblica”.

“Ad oggi – sottolinea il Capogruppo della Lega – quella delibera del Consiglio comunale rappresenta l’unico documento ufficiale del Comune; sostenere posizioni diverse ai tavoli istituzionali con Regione Lombardia senza modificare quell’atto costituisce una grave offesa alle prerogative del consiglio”. 

Tag:

Leggi anche:

  • A Varese due bandi per il sostegno a chi organizza eventi in città

    Centottantamila euro per il 2020 e altrettanti per ogni anno fino al 2022. Sono le risorse contenute in due avvisi pubblici che Palazzo Estense ha stanziato alla voce cultura per il prossimo triennio. Si tratta di due bandi distinti: uno relativo a partenariati che il Comune potrà stipulare con le
  • Intercettato e fermato il conducente del veicolo dell’incidente in Via Sant’Imerio

    È stato intercettato e fermato il conducente del veicolo che questa mattina ha causato un incidente mortale in via Sant’Imerio a Varese. Gli agenti della Polizia Locale di Varese, grazie alle immagini delle telecamere posizionate in largo Flaiano, hanno potuto accertare la targa e il
  • Lo Chalet Martinelli riapre le porte per l’inverno

    Le porte che riaprono prima dell’arrivo del grande freddo, lo Chalet Martinelli che a partire da stasera torna casa per i senzatetto durante la stagione invernale. Un progetto portato avanti, come gli scorsi anni, dai Servizi sociali del Comune di Varese e dall’associazione Angeli
  • Scuole, al via la sostituzione delle caldaie

    Cambiare le caldaie per avere nuovi sistemi efficienti e garantire il massimo confort dei ragazzi nelle scuole. Un doppio intervento prima che arrivi il freddo quello che riguarderà le primarie “Ugo Foscolo” e “Luigi Sacco”, per sostituire impianti che non funzionano