Varese: novità per il progetto TakeCare

Proseguono le piccole opere di abbellimento della zona stazioni

04 ottobre 2016
Guarda anche: Varese Città
takecare

TakeCare, il progetto del Comune di Varese con l’obiettivo di abbellire la zona delle stazioni di Varese, torna a creare rumors intorno a sé. Il progetto, dopo aver coinvolto una cinquantina di studenti del liceo artistico “A. Frattini” in alternanza scuola-lavoro nel mese di maggio e un gruppo di 12 ragazzi che per un anno e con la supervisione del Comune, dell’associazione Wg Art, del Cesvov di Varese e di CODICI Ricerche, ha progettato un piano esecutivo che prevede l’abbellimento di alcuni arredi urbani dell’area delle stazioni e la realizzazione di alcune azioni di tipo “sociale” sulla zona, passo dopo passo sta per essere completato.

Il 28 settembre 2016, sono stati installati due distributori automatici un po’ particolari (entrambi del colore del progetto, ovvero fucsia). Il primo contiene blister di gessetti colorati per scrivere o disegnare sulle lavagne. Il secondo, invece, contiene alcune storie che il progetto vuole diffondere gratuitamente ai passanti.

Grazie a #TakeCare sono stati dipinti alcuni edifici dell’area della stazione delle Ferrovie dello Stato e il bagno pubblico di Piazzale Kennedy; è stato ridipinto completamente il sottopassaggio di via Milano-via Morosini; le nicchie sono state trasformate in lavagne, pensate dai ragazzi stessi per disincentivare le antiestetiche tag e sulle quali i passanti possono scrivere liberamente i propri pensieri; alcuni giovani artisti varesini hanno realizzato murales a tema libero, tra cui i volti stilizzati dei Beatles (le foto: https://www.facebook.com/takecarevarese/photos/?tab=album&album_id=1599061137090700); sono stati individuati e dipinti alcuni angoli della città che diventeranno dei corner musicali, ovvero postazioni in cui i musicisti di strada potranno suonare liberamente; sono stati realizzati un “mandala” sull’asfalto e le strisce pedonali a forma di impronta; infine, è stato realizzato un orto urbano nell’aiuola di piazza XX Settembre con la supervisione dell’associazione Radici.

A giugno sono stati chiamati alcuni giovani artisti per la realizzazione di graffiti a tema libero sui muri del sottopassaggio (le foto: https://www.facebook.com/takecarevarese/photos/?tab=album&album_id=1599061137090700)

Tassello dopo tassello, il mosaico #TakeCare si compone e cerca di portare colore, un tocco d’arte e musica in un’area della città contraddistinta da un certo degrado urbano e sociale.

Quali saranno i prossimi step del progetto e gli interventi ancora da realizzare?
Tutti gli sviluppi sono visibili su Facebook: https://www.facebook.com/takecarevarese e sul blog ufficialehttp://takecarevarese.wordpress.com/

Il video: https://www.youtube.com/watch?v=8CRYei2J3cw

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta