Varese: musica di fine estate con la banda di Capolago

Domenica sera ai Giardini l'appuntamento con un pensiero ai terremotati

02 settembre 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese Città
bandacapolago

La banda Giuseppe Verdi di Capolago suonerà domenica 4 settembre alle ore 21. Ci sarà anche una raccolta fondi per i terremotati.

 

La pioggia costrinse i musicanti della Verdi a sospendere il Concerto D’Estate dello scorso 26 giugno. Ora il corpo musicale varesino ci riprova. L’evento, organizzato dalla banda con la collaborazione del Comune di Varese, si svolge il 4 settembre ai Giardini Estensi. L’ingresso è gratuito e ci sarà la possibilità di fare anche una donazione per le popolazioni terremotate.

Il Concerto d’Estate è la tappa più importante dopo un anno di festeggiamenti per il novantesimo che ha per protagonista la Verdi. «È stato un anno bellissimo e ricco di soddisfazioni – commenta Marco Ambrosetti, presidente della banda – abbiamo suonato al teatro, realizzato un libro e una mostra, abbiamo sfilato a Villach in Austria e, per chiudere in bellezza, abbiamo suonato anche da Papa Francesco». Nonostante questo «abbiamo continuato a lavorare per offrire uno spettacolo degno di nota a tutti coloro che vengono ad ascoltarci ai concerti – continua Marco Ambrosetti – dove non c’è solo la musica ma anche tanta solidarietà». La banda ha deciso, infatti, di aiutare le popolazioni terremotate. Il corpo musicale istituirà un banchetto per raccogliere fondi da destinare alle persone colpite dal sisma: «È il nostro modo per aiutarli – conclude Marco Ambrosetti –. Faremo un bonifico sul conto pubblico dell’Anci perché siamo sostenitori dell’aiuto verso il prossimo. Già nel 2012 donammo i nostri leggii alla banda di Monterosso che fu colpita da una tremenda alluvione».

 

Sull’aspetto musicale, i musicanti diretti da Giuliano Guarino sono molto determinati: «Abbiamo l’intenzione di suonare sia per il nostro pubblico che per i nostri fratelli in difficoltà – spiega Giuliano Guarino –. Questo è uno stimolo a tutta la banda per cercare di offrire una musica ancora più compatta: quella dell’unità e della solidarietà. Noi questo sappiamo fare: suonare. Il nostro aiuto sarà una goccia nel mare. Una goccia piena di musica». È con questo spirito che la banda si appresta a esibirsi in uno spettacolo dove ai brani classici vengono affiancate alcune novità con l’idea di «far emergere sonorità di gruppo creando un legame forte e positivo col pubblico che ci verrà ad ascoltare . Perché – conclude Giuliano Guarino – il nostro vero obiettivo è divertirci facendo divertire chi ci segue».

 

In caso di maltempo il concerto si svolgerà nelle tensostruttura allestita ai Giardini Estensi.

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/1177992695555194/

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta