Varese, Morello prossimo candidato sindaco. E Forza Italia vuole “silurare” Cosentino e Santinon

La strategia di Liberi per Varese è quella di ”scippare” il primo cittadino al Carroccio, grazie al sostegno dell’ala maroniana del partito. I salviniani sono accerchiati. Mentre in Forza Italia parte ”l’epurazione” degli ex An

13 Febbraio 2015
Guarda anche: AperturaVarese Città
Pintimorello

Togliere alla Lega Nord il primato a Varese. Ovvero, il “diritto” di esprimere il prossimo candidato sindaco. Ponendosi quindi come principale forza politica della coalizione. E allo stesso tempo “eliminare” i contestatori interni. Che in Forza Italia sono rappresentati dagli ex An. Questa la strategia politica che i vertici del centrodestra stanno portando avanti, in vista delle elezioni comunali del 2016.

Dopo vent’anni, per la prima volta, sembrano esserci le condizioni per “scippare” il sindaco alla Lega.

Non tanto per l’indebolimento che negli ultimi anni ha avuto la Lega, o perché sarà la prima volta che Varese va al voto nell’era post Bossi. Quanto piuttosto per le dinamiche interne al partito, ovvero il dualismo Salvini-Maroni, le lotte tra queste due correnti che hanno anche due modi diversi di porsi con gli alleati: più “duro” quello dei salviniani, più “dialogante” quello dei maroniani. .

Il nome dell’ipotetico candidato sindaco, secondo indiscrezioni che circolano a Palazzo Estense, sarebbe già pronto: l’attuale vicesindaco Mauro Morello. Esponente dell’Udc, ma ufficialmente sostenuto ed espresso in giunta dal gruppo unico Liberi per Varese. Di conseguenza, se venisse messo sul tavolo il suo nome, rappresenterebbe il candidato di una forza politica che, in consiglio comunale, ha lo stesso peso del Carroccio. E potenzialmente, guardando i risultati delle ultime elezioni, conterebbe di più.

Il momento storico per Forza Italia e Udc (ed eventualmente Ncd, se tornasse in coalizione) per “scippare” il sindaco alla Lega è forse il più favorevole. Attilio Fontana sta per terminare il secondo mandato consecutivo, e non è più candidabile quindi per legge. Alla Lega manca un “uomo forte”, al momento. L’unica figura che potrebbe ribaltare la situazione sarebbe quella del deputato Giancarlo Giorgetti, il quale tuttavia non sembra intenzionato a candidarsi. E, con le sue competenze, strategicamente risulta essere anche l’uomo giusto da tenere a Roma, una figura importante per la Lega a livello nazionale.

Insomma, la partita è aperta e si giocherà nell’arco del 2015. I maroniani sarebbero pronto al compromesso. L’ultima “resistenza” è rappresentata dai salviniani, che a Varese esprimono il segretario cittadino Marco Pinti.

La “difesa di Varese”, per usare un’espressione colorita che richiama le caratteristiche lumbard, è tutta sulle sue spalle.
In questo scenario, si prospetta anche la possibilità di un nuovo rimpasto di giunta, prima della fine del mandato. Che sarebbe dovuto alla “necessità” di un “regolamento di conti” interno a Liberi per Varese. I vertici provinciali di Forza Italia e Udc non avrebbero infatti gradito le dure critiche, fatte dal consigliere comunale forzista Giacomo Cosentino, sulla scelte dei membri del cda in quota azzurra per la Fondazione Molina.

Di conseguenza, starebbero pensando ad un’espulsione, che potrebbe colpire anche altri esponenti dell’area ex An, tra i quali l’ex assessore Stefano Clerici. Per sopperire all’ulteriore assottigliamento dei numeri della maggioranza (che non avrebbe più il voto di Cosentino), si starebbe lavorando ad un accordo con il consigliere comunale di Movimento Libero Alessio Nicoletti, per portarlo nel centrodestra già oggi, senza aspettare le prossime elezioni. Non solo. Se la cosa andasse in porto, l’assessore ai Lavori pubblico Riccardo Santinon, in quota ex An, verrebbe “silurato”. E al suo posto potrebbe entrare proprio Nicoletti. Il cui seggio in consiglio verrebbe quindi occupato da Antonio Brugognone, già consigliere comunale di Movimento Libero e primo dei non eletti.

Tag:

Leggi anche:

  • Fontana mostra il robot processa tamponi H24

    “Questo e’ uno dei robot che in Lombardia processa tamponi h24. Siamo al Parco Tecnologico Padano, polo di ricerca e genetica, eccellenza lombarda”. A mostrarlo e’ il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana dalla sua pagina Facebook, oggi in visita al Parco
  • Indagine test sierologici, Guardia di Finanza a casa di Fontana

    I militari della Guardia di Finanza di Pavia si sono presentati nell’abitazione del presidente della Lombardia, Attilio Fontana, per effettuare copia forense del cellulare del governatore. Il blitz, scattato in mattinata, è stato disposto dalla Procura di Pavia che indaga sull’accordo
  • Mascherine, uso obbligatorio anche a Luglio

    Mascherine obbligatorie fino al 14 luglio in tutti i comuni del territorio lombardo. Arriva oggi l’ufficialità della notizia, già chiacchierata da diversi giorni: le mascherine rimangono obbligatorie anche all’aperto fino al 14 luglio. La nota diffusa dal presidente di Regione
  • Il Presidente Fontana incontra il Ministro Boccia “Non vanifichiamo quanto fatto finora”

    “Utile e positivo”. Così il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, e il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentano l’incontro avvenuto martedì 26 maggio a Palazzo Lombardia. “Ci siamo confrontati in termini di carattere generale, sulla situazione