Varese, Michele Forzinetti scende dall’albero dopo una settimana di protesta

Il ragazzo ha terminato la sua 'battaglia' poco prima delle 13. Questa sera lui e i suoi sostenitori porteranno al sindaco la raccolta firme contro il taglio. Al suo posto, per le prossime ore, un altro ragazzo è salito sull'albero

18 settembre 2014
Guarda anche: AperturaVarese Città
Cipressisindaco

Michele Forzinetti è sceso dall’albero. Il giovane ragazzo ha terminato la sua protesta poco prima delle 13 di oggi, giovedì 18 settembre.

La prima cosa che ha fatto è stata quella di cercare un bagno, dal momento che dopo quasi una settimana sull’albero non ha potuto scaricarsi bene.

Quindi è rimasto vicino all’albero, circondato dalle persone che lo hanno sostenuto. Al momento della discesa c’erano circa una cinquantina di varesini, che lo hanno aiutato.

Le Guardie ecologiche volontarie gli hanno notificato, come prevede la legge, la sanzione di circa cinquanta euro per aver di fatto compiuto un gesto illegale, dal momento che si tratterebbe di manomissione del verde pubblico.

“Lo prevede la legge e non potevamo non farlo, del resto il ragazzo ha detto di esserne consapevole. Dobbiamo anche evitare che ci siano gesti emulativi. I giardini sono di tutti, quindi ci sono delle regole da rispettare” spiega il capoattività del Verde pubblico Pietro Cardani.

L’assessore Stefano Clerici accoglie la notizia della discesa con favore. “Michele è un bravo ragazzo. L’unica cosa, come del resto pare se ne sia accorto anche lui leggendo le sue dichiarazioni, è che si è fatto strumentalizzare”.

Intanto, è salito dopo le 13 un altro ragazzo sull’albero, Manuel, che darà il cambio a Forzinetti fino a stasera. Un gesto dimostrativo fino al consiglio comunale, quando il gruppo che ha sostenuto Forzinetti porterà al sindaco Attilio Fontana le firme raccolte contro il taglio degli alberi.

Tag:

Leggi anche:

  • Parco Mantegazza, Clerici e Cosentino su Varese 2.0 “Governare da due anni e non saperlo”

    I rappresentanti della lista civica Varese 2.0 che da ormai due anni governano la città di Varese, commentano con delusione lo stato di degrado del parco Mantegazza. Contro le loro affermazioni intervengono due esponenti della precedente amministrazione varesina: in primo luogo l’ex assessore
  • Varese diventa il deserto dei tartari

    “Prosegue la sperimentazione della pedonalizzazione del centro varesino” annuncia il Comune di Varese presentando le iniziative pensate per il venerdì sera varesino, eppure la Via Sacco chiusa al traffico non attira turisti ma resta completamente deserta. La sperimentazione funziona? Contro la
  • Nasce da Orizzonte Ideale il primo comitato provinciale per il SI alla Lombardia Autonoma

    Finalmente il prossimo 22 ottobre – data fissata per il Referendum consultivo per l’autonomia della Lombardia – avremo la possibilità di far giungere al Governo centrale chiara e forte la voce del nostro territorio. Fino ad oggi la maggior parte dei 53 miliardi di euro di tasse versate
  • Stefano Clerici inaugura il cippo per i Caduti di El Alamein

    Questa mattina, 28 maggio 2016, alle ore 11.00, alla presenza dei cittadini del borgo, del sindaco Attilio Fontana e dell’ex assessore Stefano Clerici, con il presidente dei Paracadutisti di Varese Massimo Bianchi, presso l’area verde posta al termine di via Vannucci (già denominata