Varese Design Week, il concorso di quest’anno “Progettare una panchina”

Il tema del concorso è stato ispirato dal libro “Sulla panchina – Percorsi dello sguardo nei giardini e nell’arte” di Michael Jakob

05 Aprile 2017
Guarda anche: Varese Città

 

“Quando ci sediamo su una panchina in cerca di un momento di riposo o per godere della vista di un paesaggio, quasi mai ci rendiamo conto di quanto questo oggetto, in apparenza banale e insignificante, funzioni come una vera e propria macchina visiva, «intelligente e visionaria», in grado di farci comprendere la realtà che abitiamo. Obbedendo a una semplice quanto efficace strategia visiva, la panchina, mentre apparta dal flusso del mondo, crea situazioni e paesaggi particolari, insegna, suscita, cita. Orienta il nostro sguardo e modella il nostro stato d’animo.” Michael Jakob

E’ questo il tema del concorso che avrà luogo durante la settimana varesina dedicata al design: dal 7 al 13 aprile per le vie del centro città e non solo avranno luogo tantissime installazione legate al tema dell’arte e del design, tantissimi sono gli eventi in programma nel ricco calendario e tante novità saranno svelate giorno per giorno.

Per l’edizione 2017 c’è una sezione dedicata al design green e in quest’ambito è stato organizzato un divertente concorso aperto a tutti: l’obiettivo è quello di rivitalizzare alcune parti outdoor della città che vanta uno speciale connubio tra arte e natura con la presenza di importanti parchi cittadini e ville già a partire dal settecento.  L’Associazione culturale Wareseable ha quindi organizzato questo concorso che ha la finalità di proporre nuove tipologie di panchine per esterno, con forme e materiali innovativi, ragionando sul ruolo che hanno nei parchi, nello spazio cittadino e in quello più intimo di spazio privato.

Il tema del concorso è stato ispirato dal libro di Michael Jakob “Sulla panchina” edito nel 2014 da Einaudi, in cui lo scrittore ci guida in un viaggio sorprendente attraverso i giardini e le epoche, dalla Toscana rinascimentale alla Francia del Settecento, dalla Russia degli anni Venti ai paesaggi industriali della contemporaneità, provando a ricostruire le molteplici vite di un’entità desueta: dalle panchine reali, come le «panche di via» di Firenze o Pienza e quelle stravaganti di Bomarzo, a quelle letterarie (Rousseau, Stifter, Sartre), artistiche (Manet, Monet, Van Gogh, Liebermann) o cinematografiche (Vertov, Antonioni). Un saggio di cultura visuale colto e raffinato, accessibile – per il fascino dei temi, l’originalità dell’impostazione, l’eleganza della scrittura e la ricchezza dell’apparato iconografico – anche al lettore curioso.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Cortisonici 2019, al via le primarie

    E’ tempo di elezioni europee e anche il festival Cortisonici invita il suo pubblico al voto: appuntamento con le Primarie di Cortisonici per sabato 19 gennaio, ore 20.30 presso le Cantine Coopuf, per votare e selezionare uno o due dei cortometraggi che saranno presentati alla XVI edizione
  • Il caso del Grand Hotel Campo dei Fiori arriva ai tavoli di Regione Lombardia

    In Commissione regionale cultura il M5S Lombardia ha portato il caso del recupero del Grand Hotel Campo dei Fiori di Varese con una interrogazione all’Assessore regionale alla Cultura e Autonomia Stefano Bruno Galli. L’Assessore ha spiegato che la Direzione Autonomia e Cultura
  • Varesini all’Estero: sempre più negli ultimi anni

    Sono 55mila i varesini che, per ragioni di lavoro o di ricongiungimento famigliare, si sono trasferiti stabilmente all’estero e che risultano iscritti all’Aire (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) secondo gli ultimi dati resi disponibili dal Ministero dell’Interno:
  • VILLA PANZA KIDS: una giornata del Fai per i bambini

    Il primo di tre appuntamenti presso la Villa Panza a Varese, proprietà del Fondo Ambiente italiano, è per il prossimo 20 gennaio. Una rassegna di laboratori creativi per accompagnare i bambini e le loro famiglie alla scoperta dei linguaggi dell’arte contemporanea in modo coinvolgente e