Varese: continua a crescere il centro di prima alfabetizzazione per stranieri

La scuola Parini di via Bixio ospita i corsi rivolti ai bambini originari di altri Paesi

19 ottobre 2016
Guarda anche: Varese
Scuola

Alla scuola Parini di Varese si insegna la lingua italiana ai bambini stranieri giunti per la prima volta nel nostro Paese. L’istituto di via Nino Bixio ospita infatti il Centro di prima alfabetizzazione dedicato ai bambini che si trovano ad affrontare il mondo della scuola senza conoscere la nostra lingua: il centro ha come obiettivo quello di insegnare le basi dell’italiano proprio per accompagnare l’inserimento scolastico degli alunni neo arrivati in Italia (NAI). Il centro è dedicato ai ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Normalmente gli studenti frequentano il corso per circa un paio di mesi, il tempo necessario per apprendere le basi della lingua italiana, per poi tornare nella scuola dove sono iscritti per proseguire il normale percorso scolastico. A presentare il progetto questa mattina in conferenza stampa c’erano l’assessore ai Servizi Educativi, Rossella Dimaggio, la dirigente Mara Caenazzo della Scuola Anna Frank che è anche coordinatrice del progetto e Paola Benetti, responsabile dell’UST.

“Il progetto – ha dichiarato l’assessore Dimaggio – è un esempio di buone prassi realizzate con la collaborazione del Comune di Varese che mette a disposizione gli spazi e due educatrici comunali, l’UST che fornisce un insegnante e la rete dei 5 istituti comprensivi della città che delinea le linee organizzative”.

Questo è il settimo anno consecutivo di attività per il centro che ad oggi è frequentato da 23 alunni di scuola Primaria, provenienti dai plessi degli Istituti scolastici Varese 1, Varese 2, Varese 3, Varese 4 e Varese 5, e da 14 alunni delle Scuole secondarie di primo grado. Di questi: quattro ragazzi provengono dalla scuola Anna Frank, cinque dalla Don Rimoldi, due dalla Pellico, due dalla Vidoletti e uno dalla Dante. A seguire ragazzi delle secondarie di I grado è una docente statale e i bambini fre­quentano il centro nelle giornate di lunedì, martedì, giovedì e venerdì, mentre il mercoledì rientrano nei loro plessi e nella loro classe. Per quanto riguarda la Scuola primaria a seguire i ragazzi sono due edu­catrici comunali dal lunedì al venerdì.

“Ringrazio tutti per l’impegno profuso per questo progetto e la dirigente per la professionalità con cui sta coordinando il centro – ha concluso l’assessore – Siamo di fronte ad un lavoro di rete tra istituti e comune che consente ogni anno di realizzare un percorso formativo di alta qualità”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti