“Varese città sicura”: un presidio e la richiesta di riqualificare subito piazza Repubblica

Dopo i fatti di via Medaglie d'oro di settimana scorsa, con ''l'assalto'' di 30 immigrati contro una pattuglia, i consiglieri comunali di centrodestra Cosentino e Galparoli si mobilitano. E preparano un documento con cinque punti per la sicurezza in città

30 marzo 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Sicurezzacentro

I consiglieri comunali scendono in piazza per manifestare contro l’insicurezza. Il centro cittadino si trova in uno stato di degrado da tempo, gruppi di immigrati “controllano” l’area che va da piazza Repubblica alle stazioni. 

Ma si doveva aspettare l’assalto di trenta stranieri contro una pattuglia di Polizia per vedere entrare “veramente” il problema sicurezza a Palazzo Estense. Finora, salvo la denuncia di qualche consigliere comunale, dalla giunta avevano sempre minimizzato sulla situazione di piazza Repubblica e zone limitrofe.

“Con l’aggressione di mercoledì sera contro gli agenti della Polizia di Stato che stavano procedendo all’identificazione di alcuni immigrati davanti ad un bar in via Medaglie d’oro, ennesimo episodio di violenza che ha coinvolto Varese negli ultimi tempi, è stato superato ogni limite! Adesso scendiamo in strada perché vogliamo riprenderci la nostra città – dichiara il consigliere del Comune di Varese Giacomo Cosentino (Forza Italia) – invitiamo tutti a partecipare al presidio per la sicurezza che organizziamo giovedì sera alle ore 20 davanti all’ingresso principale della Caserma Garibaldi (proprio di fronte all’imbocco di via Medaglie d’oro) non solo per esprimere solidarietà agli Agenti colpiti e denunciare nuovamente il totale fallimento di questo Governo nella gestione dell’immigrazione, ma anche per dare supporto al Prefetto affinché alzi la voce col Ministero dell’Interno per aumentare le risorse destinate alle Forze dell’Ordine varesine in modo tale da intensificare i controlli sul territorio e garantire la sicurezza in città. La situazione sta scappando di mano, crediamo sia opportuno convocare immediatamente il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Bisogna fin da subito aumentare i controlli nei luoghi di ritrovo degli extracomunitari (esercizi commerciali, piazze ecc…) e sicuramente ci saranno le condizioni per sospendere le licenze e procedere ad arresti per spaccio di droga ed altri reati”.

Il collega Piero Galparoli, consigliere comunale di Varese e capogruppo in Provincia di Liberi per la Provincia, organizzatore del presidio di giovedì sera insieme a Cosentino, rincara la dose e indica anche interventi urbanistici da realizzare nel più breve tempo possibile: “Noi siamo contro il degrado della Città Giardino e intendiamo, con tutti i mezzi a nostra disposizione, rimpossessarci dei luoghi oggi invivibili e considerati pericolosi dai cittadini, a partire dal Piazza Repubblica e dal comparto stazioni. Se un tempo Varese poteva considerarsi un’oasi felice rispetto al resto d’Italia oggi, per una scellerata politica nazionale, non è più così. La sicurezza essere sempre di più considerata come un principio non negoziabile ed è per questo stiamo predisponendo un documento che si chiamerà Varese città sicura”.

I punti principali del documento sono:

1) Riqualificazione immediata Piazza Repubblica (illuminazione potenziata, eliminazione barriere ecc.)
2) Presidio continuo, diurno e notturno, delle forze dell’ordine;
3) Progetto “Piazza in Festa” dove tutte le manifestazioni ed eventi vengono spostati in Piazza Repubblica;
4) Incentivi ed agevolazioni per iniziative ludiche e/o commerciali (mercatini, fiere ecc);
5) Costituzione tavolo permanente con Comune, associazioni categoria, rappresentanti forze politiche e esperti nel settore sicurezza.

Il presidio si svolgerà giovedì alle 20 davanti all’ingresso dell’ex Caserma Garibaldi, proprio di fronte a via Medaglie d’oro.

Invitiamo i colleghi delle Istituzioni, i cittadini e tutti coloro che tengono alla sicurezza di Varese al presidio per la sicurezza previsto per GIOVEDI 2 APRILE, ORE 20.00, DAVANTI ALL’INGRESSO PRINCIPALE DELLA CASERMA GARIBALDI.

Tag:

Leggi anche: