Varese “Città che Legge”

Alla città giardino l’importante riconoscimento e un finanziamento per realizzare un progetto per la diffusione della lettura

02 Dicembre 2019
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città

Varese si aggiudica il titolo di “Città che Legge”. Il capoluogo varesino è tra i 29 comuni italiani, e nei 5 compresi tra i 50 e i 100mila abitanti, vincitori del bando promosso da Anci e dal Centro per il libro e la lettura, l’Istituto autonomo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il Centro ha l’obiettivo di attuare politiche di diffusione del libro e della lettura in Italia. Grazie a questo riconoscimento a Varese andranno anche cinquantamila euro che verranno impiegati nelle attività previste dal progetto che ha permesso alla città di affermarsi tra le realtà vincitrici.

«La nostra biblioteca si conferma sempre di più protagonista della cultura varesina – afferma soddisfatto il sindaco di Varese Davide Galimberti – Grazie a questa grande vivacità siamo riusciti ad ottenere questo importante riconoscimento e a vincere il bando promosso da Anci e Cepell. Nel prossimo periodo dunque, grazie anche al finanziamento, realizzeremo una serie di iniziative per diffondere sempre di più l’importanza, ma soprattutto il piacere, di leggere. Inoltre il progetto che abbiamo studiato avrà anche importanti ricadute sociali e lavorerà sull’inclusione delle persone più deboli o con disabilità».

Il progetto del Comune di Varese prevede la costituzione dei “The Readers”, 60 giovani varesini che diventeranno ambasciatori della lettura. Verranno inoltre organizzate notti bianche dei lettori, eventi nei quartieri, iniziative di inclusione sociale e il potenziamento delle aperture delle biblioteche rionali e centrale. Queste sono alcune delle azioni che l’amministrazione è pronta a mettere in pista grazie al finanziamento ottenuto nel bando di Città che Legge 2019.

In particolare il progetto “The Readers” avrà l’obiettivo di coinvolgere direttamente giovani delle scuole superiori al ruolo di ambasciatori della lettura per la città. Il gruppo di ragazzi e ragazze verrà in un primo momento formato per poi diventare protagonista di incursioni letterarie in luoghi insoliti e in orari particolari (centri commerciali, movida…), così come nei quartieri periferici dove sono presenti le biblioteche rionali. Inoltre verranno organizzati laboratori di lettura come motivo di socializzazione e di riflessione. A coronamento del progetto si organizzerà la “Notte Bianca dei Lettori”: la biblioteca civica e i suoi dintorni (via Sacco e i Giardini Estensi) si trasformeranno in un grande palcoscenico per il libro, una notte dedicata alla presentazione di autori, concerti, reading, stand e molto altro, il tutto mirato alla promozione della lettura e alla conoscenza della Biblioteca Civica e dei suoi tesori.

 

Fonte: vareseinforma

Tag:

Leggi anche:

  • Insubria, Economia e Management sceglie il numero chiuso

    Diventa a numero chiuso il corso di laurea triennale in Economia e Management dell’Università dell’Insubria. Per il prossimo anno accademico saranno disponibili 640 posti, che potranno essere occupati sulla base dell’ordine cronologico di immatricolazione, a partire dal 16 luglio,
  • Masterplan stazioni, il Centrodestra “boicotta” la Commissione Urbanistica

    La minoranza di centrodestra ha deciso di non presentarsi, questa sera, alla seduta della Commissione Urbanistica del Comune di Varese. “Un segno di protesta per lo scarsissimo tempo che la giunta ci ha dato per analizzare la fitta documentazione sul masterplan dell’area delle
  • Varese cultura: un bando per eventi attrattivi

    Tra le linee guida di una ripartenza sostenibile, l’Organizzazione Mondiale del Turismo pone la valorizzazione delle identità e delle iniziative culturali a livello locale e Otto Scharmer, esperto di change management e professore al MIT- Massachusetts Institute of Technology di Boston, ha
  • 56.500 euro per altri sei progetti finanziati da fondazione comunitaria del varesotto

    La fase acuta dell’emergenza sanitaria è finita, ma sono tanti gli strascichi in termini di bisogni sociali ed educativi pregressi e di nuova insorgenza. Fondazione Comunitaria del Varesotto continua a lavorare alacremente per sostenere gli Enti del Terzo Settore che si occupano delle