Varese: arrestato un marocchino per detenzione di stupefacenti

Avviate le procedure necessarie all'espulsione: la retata avvenuta in prossimità di una fabbrica abbandonata

16 luglio 2015
Guarda anche: Varese
spaccio

Nella tarda serata del 11 luglio, il personale della Squadra Mobile di Varese , nel corso di un servizio mirato a contrastare il crimine diffuso e lo spaccio di droghe in questo centro cittadino, ha tratto in arresto un cittadino marocchino, S.R. di anni 33, perché colto nella flagranza del reato di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di circa 100 grammi di hashish.
In particolare, gli Agenti notavano transitare un auto sospetta, condotta da una ragazza, con all’interno due nordafricani di cui uno, S.R., riconosciuto quale spacciatore di hashish. L’auto veniva seguita fino al momento in cui, fermatasi in prossimità di una fabbrica abbandonata, ne scendeva S.R.. Questi, dopo aver scavalcato la recinzione, scompariva alla vista di tutti, addentrandosi nella fabbrica. Dopo alcuni minuti l’uomo ritornava all’auto ed il mezzo ripartiva.
Con l’ausilio di una pattuglia della Squadra Volante, l’auto veniva bloccata e i suoi occupanti sottoposti a controllo. Immediatamente la ragazza consegnava una dose di hashish e uno spinello, confermando di averli acquistati dallo straniero in oggetto; il secondo occupante, anch’egli marocchino, consegnava 20 grammi di hashish, possesso che gli costava una denuncia a piede libero per detenzione ai fini di spaccio, dichiarando di averli appena ricevuti dal connazionale S.R.. Quest’ultimo, ammettendo le sue responsabilità, consegnava a sua volta altre due stecche della medesima droga, che deteneva in tasca. Gli operanti, sicuri che all’interno della fabbrica ci potesse essere altra droga, entravano all’interno accompagnati dallo straniero il quale, avendo ormai capito di essere stato scoperto, indicava il suo personale deposito di stupefacente. Nascosti in un vecchio cassonetto a muro, venivano rinvenuti altri 60 grammi circa di hashish e vario materiale per il dosaggio e il confezionamento delle dosi.
R.S., che risulta trovarsi sul territorio nazionale come clandestino sin dal 2004, con a carico numerose denunce sia per spaccio di droga che per violazione delle norme che regolano la permanenza degli stranieri in Italia, è stato tratto in arresto e condotto presso la locale Casa Circondariale.
Mentre sono in corso una serie di accertamenti atti ad identificare altri clienti ed eventuali fornitori dello spacciatore, tramite il locale Ufficio Immigrazione, sono state avviate le procedure necessarie all’espulsione del soggetto dal Territorio Italiano.

Tag:

Leggi anche:

  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.
  • Calcio – Il Varese si presenta ufficialmente e va in ritiro

    Oggi è il giorno del raduno, ieri sera si sono tenute le presentazioni ufficiali della nuova dirigenza biancorossa: è così che il Varese si appresta a vivere da protagonista la prossima stagione in serie D. Primo acquisto fra tutti mister Salvatore Iacolino, lo specialista di questa categoria: