Università dell’Insubria: successo per la giornata di orientamento alle Biotecnologie

Tanti studenti delle scuole superiori attratti da questo settore

05 ottobre 2016
Guarda anche: Varese Città
biotec

È stata un successo la giornata di orientamento dedicata alle Biotecnologie organizzata il 27 settembre scorso nell’ambito della European Biotec Week 2016 dalla Commissione Orientamento del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita, in collaborazione con docenti e studenti dei Corsi di Laurea Triennale in Biotecnologie e Magistrale in Biotecnologie Molecolari ed Industriali dell’Università degli Studi dell’Insubria.

L’incontro “What’s the Future of Biotechnology” rivolto alle scuole superiori e alle matricole ha avuto come obiettivo quello di far conoscere le biotecnologie e le opportunità di formazione e professionali in questo settore in continua crescita.

 

In un’Aula Magna del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita gremita di studenti e docenti delle scuole secondarie superiori di Varese e provincia, dopo i saluti del Direttore del Dipartimento, professor Giovanni Bernardini, si è entrati nel vivo dei lavori, articolati in due momenti dedicati alladidattica e alla ricerca. La professoressa Flavia Marinelli, Presidente dei corsi di studio triennale e magistrale in Biotecnologie, ha illustrato il percorso formativo di un biotecnologo all’Università degli Studi dell’Insubria, mentre la professoressa Elena Bossi, coordinatrice della Commissione Orientamento, ha descritto le iniziative che sono state programmate nell’ambito del nuovo Piano Nazionale Lauree Scientifiche per incrementare la collaborazione tra l’Università degli Studi dell’Insubria e le scuole superiori del territorio.

 

La dottoressa Mariagrazia Pizza, ricercatrice del centro di ricerca GSK di Siena, ha fatto una panoramica sugli approcci più recenti volti alla scoperta di nuovi vaccini per la prevenzione di patologie talvolta letali come nel caso della meningite: l’intervento – molto apprezzato dagli studenti – ha aperto una discussione sull’importanza delle campagne vaccinali. Il dottor. Daniele Colombo dell’Associazione Nazionale Biotecnologi Italiani e il dottor Gabriele Fontana, consulente Assobiotec, hanno illustrato il ruolo e le possibilità occupazionali dei biotecnologi, evidenziando la continua crescita occupazionale e di investimenti in questo settore a livello italiano e, soprattutto, lombardo.

 

A conclusione dei lavori il professor Loredano Pollegioni, responsabile del coordinamento della didattica del Dipartimento, ha presentato un Premio destinato agli studenti della scuola secondaria di II grado, per l’ideazione di un prodotto multimediale, divulgativo e originale sulle Biotecnologie.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Presentazione del campionato di serie A1 maschile della Pallanuoto Banco BPM Sport Management

    Sarà una bella giornata di Sport e Cultura quella di giovedì 19 ottobre 2017 per la città di Busto Arsizio. Alle ore 13.00 nell’aula magna del Liceo “Paolo Candiani” (Via Luciano Manara, 10, Busto Arsizio – VA) sarà presentata ufficialmente la Pallanuoto Banco BPM Sport Management
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management pareggia 11-11 contro gli ungheresi dello Miskolvic Vlc

    Sfodera una prova tutto cuore la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che acciuffa un incredibile pareggio nella prima gara del round 2 di Len Euro Cup, con il sette guidato da mister Marco Baldineti che trova in rimonta l’11-11 contro gli ungheresi del Miskolci Vlc, formazione favorita del
  • Progetto Porte Aperte allo Sport

    La Delegazione Provinciale CONI di Varese lancia l’iniziativa  PORTE APERTE ALLO SPORT. E’ una evoluzione del classico Sport in Piazza, concepita per chiamare in causa direttamente le Società Sportive che aderiranno  rendendole protagoniste, dal 14 ottobre al 16 novembre,
  • Ottobre all’insegna di sport, castagne e stelle tra Sondrio e Valmalenco

    Si parte dallo sport giovanile domenica 8 ottobre, nello splendido centro sportivo di Chiuro, dove torna il “Trofeo delle Province”: manifestazione di atletica leggera che vedrà in pista centinaia di atleti, di 12 e 13 anni, provenienti dai comitati provinciali FIDAL lombardi e non solo. Si