Università dell’Insubria: da mercoledì il congresso nazionale sulla sindrome di Down

Tre giorni di lavoro con i massimi esperti del settore

10 ottobre 2016
Guarda anche: SaluteVarese
insubria università

Sono trascorsi sette anni da quando a Varese si è svolto il primo congresso nazionale sulla Sindrome di Down, adesso è tempo di bilanci: che cosa è stato fatto per le persone Down, quali progetti si sono realizzati a Varese e in tutta Italia? Di questo si discuterà nel corso del IV° Convegno Nazionale, La Persona Down. Incontro con il Futuro, promosso dal Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita dell’Università degli Studi dell’Insubria, in collaborazione con Regione Lombardia, ATS Insubria, ATTS dei Sette Laghi, Comune di Varese, Provincia di Varese, e con il Patrocinio dell’Ordine dei Medici di Varese.

I lavori si svolgeranno dal 12 al 14 ottobre nell’Aula Magna dell’Università degli Studi dell’Insubria, via Ravasi 2, a Varese: l’inaugurazione è in programma mercoledì 12 ottobre alle ore 14, Sono stati invitati a partecipare: Alberto Coen Porisini, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria; Roberto Maroni, Governatore della Regione Lombardia; Paola Lattuada, Direttore Generale di ATS dell’Insubria; Davide Galimberti, Sindaco di Varese; Nicola Gunnar Vincenzi, Presidente della Provincia di Varese; Callisto Bravi, Direttore Generale di ASST Sette Laghi. La presentazione del Simposio è a cura del professor Giuseppe Armocida, Ordinario di Storia della Medicina, mentre la prolusione “Il pensiero nella comunità” è affidata al professor Fabio Minazzi, Ordinario di Filosofia della Scienza.

Oltre sessanta relatori provenienti da tutta Italia parleranno della Sindrome di Down con un approccio multidisciplinare: “Storia, filosofia, arte, architettura, musica, teatro, sport” si intrecceranno nella prima giornata, quando – per citare un esempio – il professor Andrea Spiriti racconterà di Antonio Francisco Lisboa, detto Aleijadinho (1730-1814): un grande artista “down” e il drammaturgo Gabriele Vacis parlerà di Teatro come cura alla Persona. La seconda sessione, dedicata alle “Relazioni scientifiche”, vedrà l’intervento di Neuropsichiatri, Psicologi, Pediatri, Nutrizionisti, Odontoiatri, tra gli altri il professor Francesco Pasquali, Ordinario di Genetica Medica, parlerà delle ultime scoperte in campo genetico. Nella sessione di lavori dedicata a “Scuola Università Integrazione” si approfondirà anche l’aspetto giuridico, con il professore Emanuele Boscolo, professore di Diritto Amministrativo, che parlerà di diritti prestazionali, e quello didattico-educativo, con il dottor Claudio Merletti, dirigente UST di Varese.

Come spiega la dottoressa Giovanna Brebbia, membro del Comitato scientifico del Convegno: «Abbiamo scelto come titolo Incontro con il futuro, rappresentato dalla foto del bimbo che dorme, realizzata da Carlo Meazza nel 2009, perché, rispetto al primo convegno del 2009, Progettiamo un futuro adulto, oggi forse possiamo dire di essere entrati in quel futuro menzionato sei anni fa. Il futuro è rappresentato dagli ultimi straordinari progetti che sono stati realizzati a Varese e che saranno presentati al convegno, per citarne alcuni nel settore alberghiero-ristorativo: Café 21, il bar di Palazzo Estense, sede del Comune di Varese, Il Grotto del Sorriso di Cassano Valcuvia, Amicorum a Cassano Magnago. Mille e una Notte, della Cooperativa Sociale Il Millepiedi di Varese, rappresenta, inoltre, uno dei tanti progetti presentati, durante la sessione Durante e dopo di noi. Tutti questi progetti, ed altri, ora non citati, devono essere conosciuti per l’alto valore sociale che rivestono e devono anche essere di stimolo perché altri ne possano sorgere».

Saranno tre giorni di ricerca e di aggiornamento, dove sarà possibile fare una verifica dei propri progetti, confrontare le proprie esperienze: le famiglie avranno la possibilità di esporre dubbi e difficoltà incontrati durante il loro cammino genitoriale. Infatti, saranno presenti, venerdì 14 ottobre, i rappresentanti delle Istituzioni nella Sessione Un nodo al fazzoletto, per dare loro le risposte adeguate. La Sessione Lavoro e Integrazione sarà moderata dal dott. Lucas Maria Gutierrez e dalla dott.ssa Ester Poncato, di ATS dell’Insubria di Varese. A introdurre i lavori sarà il Direttore Generale Welfare Regione Lombardia, Giovanni Daverio.

La partecipazione al Convegno è gratuita e rivolta anche alla cittadinanza, ma con iscrizione obbligatoria. L’evento partecipa al programma di Educazione Continua in Medicina ed è accreditato al Ministero della Salute per tutte le categorie professionali afferenti all’area sanitaria.

Le relazioni del Convegno sono state raccolte nel volume La Persona Down. Incontro con il futuro, a cura di Giovanna Brebbia e Fabio Minazzi, Prefazione di Giuseppe Armocida, Mimesis Edizioni, Milano-Udine 2016.

Per vedere il video di presentazione: https://www.youtube.com/watch?v=uzb0iIOZBbc.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare