Un robot all’Ospedale del Ponte per i bambini che non possono andare a scuola

Il suo nome è Ivo ed un robottino costruito per aiutare i bambini che, per ragioni di salute, non possono frequentare la scuola

04 Maggio 2020
Guarda anche: AperturaVarese Città

Da lunedì, 4 maggio, Ivo è entrato in servizio nel Day Center onco-ematologico pediatrico Giacomo Ascoli, al quinto piano dell’Ospedale del PonteLa sua missione sarà quella di proseguire il compito dei volontari della Fondazione Giacomo Ascoli – che sostengono i bambini affetti da patologie onco-ematologiche e le loro famiglie – e le consulenze degli psicologi, dietologi e professionisti specializzati. Due esemplari Ivo sono già in servizio nel reparto Covid dell’Ospedale di Circolo, a sostegno del personale sanitario.

«La tecnologia ci viene in aiuto – commenta Massimo Agosti, direttore del Dipartimento materno infantile di Asst Sette Laghi,  – ci consente di continuare ad erogare in modo quasi completo la totalità delle cure di pazienti così complessi e delicati, come i pazienti oncoematologici pediatrici, che hanno bisogno non solo di cure mediche e infermieristiche ma di attenzioni che vanno a curare l’integrità psicofisica.”

Ivo ha una struttura semplicissima: un tablet sostenuto da un’asta montata su ruote periscopiche. Viene comandato a distanza dagli psicologi e dai volontari della Fondazione Ascoli tramite un Pc o uno smartphone. Entra nelle stanze e, con un sistema di videochiamata, mette in comunicazione i volontari della Fondazione Giacomo Ascoli con i pazienti, consente di vedere il piccolo paziente e di interagire con lui da remoto, tutto evitando l’accesso diretto al reparto.

Il robot nasce da un progetto americano come strumento per la videoconferenza aziendale. In Italia è stato prodotto dalla società varesina Elmec Informatica spa, che ha donato 10 unità alla Fondazione Giacomo Ascoli per sostenere scolasticamente e psicologicamente i bambini malati di cancro che già prima del Covid-19 vivevano in una sorta di lockdown tra ospedale e le loro case.

«Ivo ci consente di mantenere una finestra aperta in tempo reale sui nostri pazienti e sulle loro famiglie – spiega la psicoterapeuta Maria Cristina Morresi.  – Ci offre la possibilità di rilevare bisogni psicologici ed emotivi ed intervenire nell’immediato guardandoli negli occhi, accorciando la distanza fisica che in questo periodo ci sta dividendo».

Il costo della SIM che permetterà a Ivo di attivarsi e le spese del traffico dati sono offerte da Alessandro Pozzi, il vespista varesino che ogni anno compie viaggi di beneficenza in sella a una vespa degli anni ’60 denominata. Quest’anno, Pozzi avrebbe dovuto partire per un viaggio di 20.000 km, visitando le cliniche onco-ematologiche del nord Europa. “Due ruote per la vita”, questo il nome del viaggio dedicato alla Fondazione Giacomo Ascoli. Un viaggio che sarà posticipato a causa del Coronavirus, ma la raccolta fondi continua.

Tag:

Leggi anche:

  • Bando per l’acquisto di bici elettriche. Cento richieste finanziate

    Cento biciclette elettriche sono già pronte a circolare per Varese. È il risultato del bando per la mobilità sostenibile promosso lo scorso gennaio dal Comune di Varese. L’amministrazione ha pubblicato oggi la graduatoria di quanti sono stati ammessi al finanziamento. Le risorse,
  • TramTreno da Varese al Lago Maggiore

    Il progetto, già definito nei contenuti anche in termini di sostenibilità economica e nelle prospettive di sviluppo del tessuto urbano del territorio interessato, prevede: realizzazione di nove nuove fermate sulle linee delle Ferrovie dello Stato e delle Ferrovie Nord Milano; trasformazione
  • Movida e sicurezza, nuovo incontro a Palazzo Estense

    Movida e sicurezza. Quest’ultima sia in termini di contrasto alla pandemia da coronavirus, sia in un’accezione più ampia, da studiare e mettere in pratica anche per il dopo emergenza. Questi i temi che domani, a mezzogiorno, saranno sul tavolo di una nuova videoconferenza cui parteciperanno
  • Progettiamo insieme gli anfibi di Villa Toepliz

    Legambiente, Lipu, GEV e Royal Wolf Rangers lanciano un appello ai varesini: “Proteggiamo insieme gli anfibi e la biodiversità del parco di Villa Toeplitz”. I volontari sono al lavoro per tutelare rane e rospi, ma il contributo e – soprattutto – il rispetto di tutti è