Un cuore sul Cervino: il messaggio di speranza proiettato sulla montagna

Lo spettacolo è visibile anche a distanza grazie alle webcam attorno al Cervino che trasmetteranno live l’illuminazione

30 Marzo 2020
Guarda anche: Italia

Un cuore sul Cervino: fino al 19 aprile prossimo, tutte le sere dal tramonto alle 23, un fascio di luce orientato sulla cima della montagna trasmetterà messaggi di speranza al mondo colpito dal coronavirus.

Sarà visibile ogni sera fino al 19 aprile, anche da casa grazie alle webcam. 

L’iniziativa, promossa dal Comune elvetico di Zermatt nel Canton Vallese è opera dall’artista Gerry Hofstetter, già autore di un progetto simile a Saint Maurice, sempre nel Vallese.

“La società deve essere forte come il Cervino – dicono le autorità di Zermatt – per poter superare la tempesta che sta attraversando. La luce è stata scelta poiché rappresenta la speranza”. 

Tag:

Leggi anche:

  • Via al progetto “Una spesa per ricominciare”

    “Dare una mano colora la vita”. E’ questo lo slogan della Società di San Vincenzo de Paoli, e in questo periodo di emergenza dovuta al Covit-19 “dare una mano” concreta alle famiglie in difficoltà viene richiesto a tutti. Per far fronte a questa missione, la società ha deciso di
  • Spese a domicilio, a Varese aiutate più di 900 famiglie

    Varese chiama, i volontari rispondono. Sono oltre 900 le famiglie che, nell’ultimo mese, hanno richiesto uno dei servizi di spesa a domicilio attivati in città e resi possibili da quanti, in questi giorni di emergenza, stanno mettendo a disposizione il loro tempo per aiutare gli altri. Sono,
  • Corsa virtuale per solidarietà domenica 26 aprile, “Roccolo in the House”

    Sport, solidarietà e soprattutto tanta inventiva. Si svolge domenica 26 aprile la prima edizione della Roccolo in the House: una corsa virtuale che, più che una prova sportiva, è la volontà di dare un segnale di impegno civico e di approfittare del tempo a casa per divertirsi. L’Atletica PAR
  • Il coordinamento feste in prima linea contro il covid

    In questi giorni di emergenza, alcune associazioni non sono rimaste con le mani in mano e hanno “riconvertito” le loro attività adattandole alle esigenze del momento di crisi, con un occhio di riguardo alle necessità dei più fragili. Tra queste, come sottolinea il sindaco Emanuele Antonelli,