Studentesse marocchine “boicottano” il minuto di silenzio, i Giovani Padani: “Vanno punite”

''Da quello che sappiamo fortunatamente non ci troviamo davanti a simpatizzanti dell’ISIS, ma il fatto che dei giovanissimi arrivino così indottrinati nelle nostre scuole ci preoccupa alquanto''

18 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Parigi attentati

“Prevenire ma anche punire chi agisce così”. È questo uno dei passaggi più forti del comunicaro che i Giovani Padani do Varese hanno diffuso, dopo il caso delle sei studentesse marocchine che all’Itc Daverio sono uscite dall’aula quando si stava oaservando un minuto di silenzio per le vittime del terrorismo. 

“Dopo i tragici attentati terroristici che hanno scandito l’ultimo periodo – scrivono i Giovani Padani – dall’attentato all’aereo russo sul Sinai, al massacro di Parigi passando per i crimini continui del Califfato in Siria, Libano, Iraq e Libia, tutto ci si poteva aspettare meno che dei distinguo, specialmente da delle ragazzine”.

E quindi: “Da quello che sappiamo fortunatamente non ci troviamo davanti a simpatizzanti dell’ISIS, ma il fatto che dei giovanissimi arrivino così indottrinati nelle nostre scuole ci preoccupa alquanto, e spero desti preoccupazione alla Questura ed al Prefetto circa la comunità islamica di Varese, che non è nuova casi di fanatismo in quel del centro islamico di via Giusti.

In un’Europa che nasconde ed estirpa le nostre identità purtroppo non ci sorprende che spesso giovani e giovanissimi vengano attratti dalle sirene di un’ideologia dell’odio, soprattutto quando oltre a nascondere i nostri valori e le nostre radici non si attuano politiche serie di immigrazione ed assimilazione. Ci sorge il dubbio su quale sia l’approccio della Sinistra varesina a questi fenomeni, creati ed alimentati dalle loro scellerate politiche immigratorie e di becero relativismo culturale, i fautori del multiculturalismo in salsa varesina dovrebbero farsi un giro per Moolenbek. Invitiamo tutte le istituzioni a riguardo ad agire per punire e prevenire situazioni simili nelle nostre scuole, che avvertono per prime i fenomeni collegati all’immigrazione. Come Studenti Padani/Giovani Padani noi proponiamo e volantineremo per un aggiornamento dei testi di storia e la diffusione nelle scuole dei testi di Oriana Fallaci, come baluardi all’islamismo e validi strumenti per comprendere la situazione che viviamo nel nostro paese e in tutta Europa ed agire a salvaguardia della nostra cultura, la nostra terra, la nostra tradizione”. Chiudono così la nota i Giovani Padani di Varese.

Sulla questione varesina è intervenuto duramente anche il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini che invita a prendere provvedimenti forti e agire di conseguenza.

Tag:

Leggi anche:

  • IUS SOLI, Angei (Giovani Padani): “I Ragazzi Del Pd Sono Fuori Dalla Realtà”

    “La legge sullo Ius soli è come il Cavallo di Troia. E fa veramente tristezza vedere alcuni, ma per fortuna non molti, miei coetanei scendere in piazza e darsi da fare per un provvedimento strumentale come questo”. Con queste parole Stefano Angei, Coordinatore cittadino dei Giovani Padani
  • Giovani per Salvini Premier a Varese

    Ha riscosso grande successo la prima serata del tour “Giovani per Salvini Premier”, promosso dal Movimento Giovani Padani del Varesotto, che si è svolta ieri sera, giovedì 18 gennaio, nella sezione leghista di Angera. Il format “Giovani per Salvini Premier”, come spiega il Coordinatore
  • Flash Mob Autonomista!

    Organizzato dai Giovani Padani del Varesotto, nella giornata di sabato 7 ottobre è in programma preso il Comune di Varese in Via Sacco 5 un Flash mob per dire si all’autonomia della Lombardia, in vista del prossimo referendum che si terrà il 22 ottobre. Tutte le info sul Referendum del
  • Orizzonte Ideale e Giovani Padani insieme per Defend Europe

    Dopo le recenti inchieste giudiziarie che hanno coinvolto le organizzazioni non governative nel traffico di migliaia di persone provenienti dall’Africa e dall’Asia, e vista l’immobilismo del nostro governo che non fa nulla per bloccare questa moderna “tratta degli