Studentesse marocchine “boicottano” il minuto di silenzio, i Giovani Padani: “Vanno punite”

''Da quello che sappiamo fortunatamente non ci troviamo davanti a simpatizzanti dell’ISIS, ma il fatto che dei giovanissimi arrivino così indottrinati nelle nostre scuole ci preoccupa alquanto''

18 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Parigi attentati

“Prevenire ma anche punire chi agisce così”. È questo uno dei passaggi più forti del comunicaro che i Giovani Padani do Varese hanno diffuso, dopo il caso delle sei studentesse marocchine che all’Itc Daverio sono uscite dall’aula quando si stava oaservando un minuto di silenzio per le vittime del terrorismo. 

“Dopo i tragici attentati terroristici che hanno scandito l’ultimo periodo – scrivono i Giovani Padani – dall’attentato all’aereo russo sul Sinai, al massacro di Parigi passando per i crimini continui del Califfato in Siria, Libano, Iraq e Libia, tutto ci si poteva aspettare meno che dei distinguo, specialmente da delle ragazzine”.

E quindi: “Da quello che sappiamo fortunatamente non ci troviamo davanti a simpatizzanti dell’ISIS, ma il fatto che dei giovanissimi arrivino così indottrinati nelle nostre scuole ci preoccupa alquanto, e spero desti preoccupazione alla Questura ed al Prefetto circa la comunità islamica di Varese, che non è nuova casi di fanatismo in quel del centro islamico di via Giusti.

In un’Europa che nasconde ed estirpa le nostre identità purtroppo non ci sorprende che spesso giovani e giovanissimi vengano attratti dalle sirene di un’ideologia dell’odio, soprattutto quando oltre a nascondere i nostri valori e le nostre radici non si attuano politiche serie di immigrazione ed assimilazione. Ci sorge il dubbio su quale sia l’approccio della Sinistra varesina a questi fenomeni, creati ed alimentati dalle loro scellerate politiche immigratorie e di becero relativismo culturale, i fautori del multiculturalismo in salsa varesina dovrebbero farsi un giro per Moolenbek. Invitiamo tutte le istituzioni a riguardo ad agire per punire e prevenire situazioni simili nelle nostre scuole, che avvertono per prime i fenomeni collegati all’immigrazione. Come Studenti Padani/Giovani Padani noi proponiamo e volantineremo per un aggiornamento dei testi di storia e la diffusione nelle scuole dei testi di Oriana Fallaci, come baluardi all’islamismo e validi strumenti per comprendere la situazione che viviamo nel nostro paese e in tutta Europa ed agire a salvaguardia della nostra cultura, la nostra terra, la nostra tradizione”. Chiudono così la nota i Giovani Padani di Varese.

Sulla questione varesina è intervenuto duramente anche il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini che invita a prendere provvedimenti forti e agire di conseguenza.

Tag:

Leggi anche:

  • Presentazione del campionato di serie A1 maschile della Pallanuoto Banco BPM Sport Management

    Sarà una bella giornata di Sport e Cultura quella di giovedì 19 ottobre 2017 per la città di Busto Arsizio. Alle ore 13.00 nell’aula magna del Liceo “Paolo Candiani” (Via Luciano Manara, 10, Busto Arsizio – VA) sarà presentata ufficialmente la Pallanuoto Banco BPM Sport Management
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management pareggia 11-11 contro gli ungheresi dello Miskolvic Vlc

    Sfodera una prova tutto cuore la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che acciuffa un incredibile pareggio nella prima gara del round 2 di Len Euro Cup, con il sette guidato da mister Marco Baldineti che trova in rimonta l’11-11 contro gli ungheresi del Miskolci Vlc, formazione favorita del
  • Progetto Porte Aperte allo Sport

    La Delegazione Provinciale CONI di Varese lancia l’iniziativa  PORTE APERTE ALLO SPORT. E’ una evoluzione del classico Sport in Piazza, concepita per chiamare in causa direttamente le Società Sportive che aderiranno  rendendole protagoniste, dal 14 ottobre al 16 novembre,
  • Ottobre all’insegna di sport, castagne e stelle tra Sondrio e Valmalenco

    Si parte dallo sport giovanile domenica 8 ottobre, nello splendido centro sportivo di Chiuro, dove torna il “Trofeo delle Province”: manifestazione di atletica leggera che vedrà in pista centinaia di atleti, di 12 e 13 anni, provenienti dai comitati provinciali FIDAL lombardi e non solo. Si