Studentesse marocchine “boicottano” il minuto di silenzio, i Giovani Padani: “Vanno punite”

''Da quello che sappiamo fortunatamente non ci troviamo davanti a simpatizzanti dell’ISIS, ma il fatto che dei giovanissimi arrivino così indottrinati nelle nostre scuole ci preoccupa alquanto''

18 novembre 2015
Guarda anche: Varese
Parigi attentati

“Prevenire ma anche punire chi agisce così”. È questo uno dei passaggi più forti del comunicaro che i Giovani Padani do Varese hanno diffuso, dopo il caso delle sei studentesse marocchine che all’Itc Daverio sono uscite dall’aula quando si stava oaservando un minuto di silenzio per le vittime del terrorismo. 

“Dopo i tragici attentati terroristici che hanno scandito l’ultimo periodo – scrivono i Giovani Padani – dall’attentato all’aereo russo sul Sinai, al massacro di Parigi passando per i crimini continui del Califfato in Siria, Libano, Iraq e Libia, tutto ci si poteva aspettare meno che dei distinguo, specialmente da delle ragazzine”.

E quindi: “Da quello che sappiamo fortunatamente non ci troviamo davanti a simpatizzanti dell’ISIS, ma il fatto che dei giovanissimi arrivino così indottrinati nelle nostre scuole ci preoccupa alquanto, e spero desti preoccupazione alla Questura ed al Prefetto circa la comunità islamica di Varese, che non è nuova casi di fanatismo in quel del centro islamico di via Giusti.

In un’Europa che nasconde ed estirpa le nostre identità purtroppo non ci sorprende che spesso giovani e giovanissimi vengano attratti dalle sirene di un’ideologia dell’odio, soprattutto quando oltre a nascondere i nostri valori e le nostre radici non si attuano politiche serie di immigrazione ed assimilazione. Ci sorge il dubbio su quale sia l’approccio della Sinistra varesina a questi fenomeni, creati ed alimentati dalle loro scellerate politiche immigratorie e di becero relativismo culturale, i fautori del multiculturalismo in salsa varesina dovrebbero farsi un giro per Moolenbek. Invitiamo tutte le istituzioni a riguardo ad agire per punire e prevenire situazioni simili nelle nostre scuole, che avvertono per prime i fenomeni collegati all’immigrazione. Come Studenti Padani/Giovani Padani noi proponiamo e volantineremo per un aggiornamento dei testi di storia e la diffusione nelle scuole dei testi di Oriana Fallaci, come baluardi all’islamismo e validi strumenti per comprendere la situazione che viviamo nel nostro paese e in tutta Europa ed agire a salvaguardia della nostra cultura, la nostra terra, la nostra tradizione”. Chiudono così la nota i Giovani Padani di Varese.

Sulla questione varesina è intervenuto duramente anche il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini che invita a prendere provvedimenti forti e agire di conseguenza.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.
  • Calcio – Il Varese si presenta ufficialmente e va in ritiro

    Oggi è il giorno del raduno, ieri sera si sono tenute le presentazioni ufficiali della nuova dirigenza biancorossa: è così che il Varese si appresta a vivere da protagonista la prossima stagione in serie D. Primo acquisto fra tutti mister Salvatore Iacolino, lo specialista di questa categoria:
  • Il Mastino della BPM Sport Management Valentino Gallo ha quasi sconfitto il Morbillo: a breve il ritorno a casa

    Negli scorsi giorni l’atleta della Pallanuoto BPM Sport Management Valentino Gallo, durante il ritiro con la Nazionale Italiana in preparazione ai Mondiali di pallanuoto in corso di svolgimento a Budapest in Ungheria, era stato colpito dal Morbillo una malattia infettiva che aveva messo k.o.