Sono varesini i campioni mondiali di pizza

Leo Coppola e Matteo Pisciotta sul podio più alto

15 aprile 2016
Guarda anche: Varese Città
Schermata 04-2457494 alle 16.48.40

Il pluricampione del mondo di pizza Leone Coppola ha trionfato anche nell’edizione 2016 del campionato mondiale di Parma, tornando a Varese con la medaglia d’oro.
Il presidente dell’Associazione Pizzaioli Varesini, in coppia con un altro campione, lo chef Matteo Pisciotta, ha conquistato il primo posto. Una vittoria non facile, quella dei due “grandi maestri di cucina”. Coppola e Pisciotta sono comunque riusciti a superare gli avversari, ottenendo il primo premio nella sezione PIZZA A DUE, che unisce la capacità tecnica del pizzaiolo con la creatività gastronomica dello chef.

Leone Coppola è titolare del Vecchio 800 e Presidente di APV, Matteo Pisciotta chef del ristorante Luce di Villa Panza, ideatore di Jarit “Lo chef sottotetto” e giudice televisivo.
La pizza della strana coppia, Coppola/Pisciotta presentata ai giudici si chiama NUVOLA DI PRIMAVERA.

Ma non ci siamo fermati qui i pizzaioli iscritti all’ASSOCIAZIONE PIZZAIOLI VARESINI conquistano importanti posizioni in tutte le categorie.
Al terzo posto, sempre per pizza a due si piazzano Nazir Giorgio e Ignazio Di Marzo, all’11° il Vice Presidente dell’A.p.v, Valerio Torre in coppia con Roberto Valbuzzi chef del Ristorante Crotto Valtellina di Malnate.
Valerio Torre conquista anche l’oro nella categoria TRIATHON.

Un altro iscritto ad APV conquista il primo posto PIZZA IN PALA, si tratta del pizzaiolo Pasquale Moro.

Ancora: al 4° posto per la categoria STG si piazza il nostro socio Christian De Rosa, AL 21° posto del settore senza glutine Paolino Bucca e alla 30° posizione, sempre della categoria senza glutine, Katiuscia Di Marzo, per finire con un 38° posto del nostro Attilio Vitaliano per la categoria Pizza in Pala.

Risultati importanti che hanno visto la nostra Provincia ed in particolare i pizzaioli di Apv protagonisti di questa straordinaria gara che da decenni mette davanti ai forni migliaia di pizzaioli provenienti da tutto il mondo.
L’abbinata tra grandi pizzaioli e chef stellati è la dimostrazione che anche attraverso la cucina è possibile promuovere il nostro territorio. Varese deve fare tesoro di queste conquiste, le deve valorizzare per promuoversi nel mondo.
Varese è stata protagonista in tutto il mondo per queste straordinarie vittorie dei nostri maestri di cucina e campioni di pizza.

L’Associazione pizzaioli varesini, dopo il successo di Expo, si è dimostrata una associazione autorevole capace di valorizzare la professione di pizzaiolo e nel contempo portare il nome di Varese in tutto il Mondo.
Adesso, qualche giorno di riposo e poi Coppola sarà protagonista dei corsi Tigros a Busto Arsizio. Mentre a maggio si terrà il tradizionale GRAN GALA’ DELLA PIZZA presso l’Istituto Alberghiero De Filippi.

Schermata 04-2457494 alle 16.51.24

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta