Servizio idrico integrato, preoccupate le Rsu

I sindacati sottolineano la mancanza di investimenti per impianti e strutture

26 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
acqua rubinetto

Le RSU delle maggiori aziende operanti nella provincia di Varese esprimono la propria preoccupazione per la situazione che si è venuta creare nel percorso di gestione del Servizio Idrico Integrato.
Da tempo riscontriamo la mancanza di investimenti già previsti dal Piano d’ambito elaborato dall’ATO.
Questo sta creando una situazione molto grave a causa del mancato adeguamento di impianti e strutture (acquedotti, fognature e depuratori) che in gran parte necessitano di interventi per garantire livelli essenziali del servizio ai cittadini, livelli peraltro regolamentati da normative europee e nazionali, con il rischio concreto dell’erogazione di sanzioni economiche previste dalle procedure d’infrazione europee.
Il cammino per arrivare alla definizione di un gestore unico del Servizio Idrico Integrato è stato lungo e non si è ancora concluso.
A parole tutti o quasi dichiarano che la soluzione è nell’entrata in funzione del gestore unico, Alfa Srl, ma nei fatti assistiamo a una situazione di stallo.
Noi chiediamo a tutti i soggetti politici ed istituzionali coinvolti di collaborare nel superamento delle divergenze ad oggi presenti per far sì che l’interesse verso i cittadini e il servizio siano una reale priorità.
Per queste ragioni crediamo necessario aprire un tavolo di discussione con tutte le realtà coinvolte per la definizione di tempi certi per l’avvio della gestione del Servizio Idrico Integrato in provincia di Varese.

Tag:

Leggi anche: