Sel attacca la dote scuola: “Troppe penalizzazioni per l’istruzione pubblica”

La sezione gallaratese di Sinistra Ecologia e Libertà critica i proclami di Maroni

28 agosto 2015
Guarda anche: GallaratePolitica
Selfoto

Sinistra Ecologia e Libertà lancia un attacco frontale alla dote scuola di Regione Lombardia, definendola inefficiente e anzi dannosa verso la scuola pubblica. Ecco il comunicato stampa rilasciato dalla sezione gallaratese:

Non solo più soldi alle scuole private, ma se vai alla scuola pubblica aspetti (e anticipi i soldi – se li hai – per i libri). E’ la ricetta
leghista della libera scelta. Libera per chi può permettersela. La dote scuola quest’anno arriveranno a fine settembre. Decisamente fuori tempo massimo, visto che i contributi sono finalizzati “esclusivamente per l’acquisto dei libri di testo e/o dotazioni tecnologiche”. Così chi può i libri li compra, chi non può aspetta. O magari prova a convincere i negozianti ad anticiparli in attesa della dote, come suggerisce l’assessora regionale. Che tanto i commercianti possono ben permettersi di questi tempi di attendere qualche mese a incassare.

Inefficienza di Regione Lombardia (alla faccia dei proclami di Maroni). Ma anche un altro colpo alla scuola pubblica, dopo la riduzione delle risorse
destinate, a tutto vantaggio delle private. Dal 2015 hanno infatti diritto a ricevere il contributo solo gli studenti frequentanti la scuola media e
percorsi di istruzione fino al compimento dell’obbligo scolastico (classi I e II delle scuole secondarie di secondo grado e dei percorsi di istruzione
e formazione professionale). Nulla da quest’anno agli studenti delle scuole elementari (che pure diverse spese le hanno, anche se i libri sono forniti
gratuitamente) e nulla soprattutto per chi continua a frequentare la scuola superiore fino al diploma. Dal terzo anno ti paghi i libri e tutto il resto.
Viceversa se frequenti una scuola privata hai diritto al buono scuola. Qui le famiglie possono avere un ISEE ben più alto (inferiore o uguale a 38.000
euro) e il contributo è ben più sostanzioso: da un minimo di 1.000 euro ad un massimo di 2.000 contro i 90 euro minimo e 240 euro massimo per chi frequenta le scuole pubbliche. In più se la scuola è privata, si ha diritto al contributo – fra 300 e 700 euro – anche per le scuole elementari.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti