Sanità lombarda: aperto il tavolo di lavoro tra maggioranza e opposizione

Ottimismo per il raggiungimento dell'intesa da parte dei relatori Rizzi e Capelli

22 luglio 2015
Guarda anche: Salute
Ospedale

Si è riunito questa mattina il tavolo di lavoro sulla riforma della governance sociosanitaria lombarda tra maggioranza e minoranza: vi hanno preso parte i relatori Fabio Rizzi (Lega Nord) e Angelo Capelli (NCD), il Presidente della Giunta regionale Roberto Maroni, la Vice Presidente del Consiglio Sara Valmaggi, Enrico Brambilla, Marco Carra e Carlo Borghetti del Partito Democratico, Umberto Ambrosoli per il Patto Civico, Dario Violi e Stefano Buffagni per il M5Stelle.

Ottimismo sulla possibilità di trovare un’intesa su molti dei punti che erano stati sollevati dalle minoranze è stata espressa alla fine della riunione dai relatori Fabio Rizzi e Angelo Capelli: “L’unico no fermo e convinto lo abbiamo manifestato sulla richiesta dell’ATS unica. Piena condivisione invece è stata evidenziata sulla necessità della rimodulazione progressiva dei tickets in funzione del reddito; sullo sviluppo e sul potenziamento degli strumenti dedicati alla prevenzione a cui sarà dedicato un apposito capitolo nel progetto di legge 228bis attualmente in Commissione; sull’eliminazione della legge Daccò e sulla riduzione delle funzioni non tariffabili; sulla necessità di scorporare dal futuro Assessorato unico al Welfare le deleghe al volontariato e alle pari opportunità; sulla semplificazione procedurale e l’incentivazione delle prenotazioni online di visite e esami; sulla pubblicazione dei dati inerenti le verifiche dell’agenzia di controllo. Siamo d’accordo –aggiungono Rizzi e Capelli- anche con la necessità di procedere alla stabilizzazione dei precari, al riconoscimento del ruolo delle autonomie locali e dei distretti all’interno del nuovo modello di governance e sul fatto che l’Agenzia di controllo dovrà fungere da collegamento funzionale con le singole Ats, ma su questi ultimi temi bisognerà ora approfondire il percorso migliore per renderli concreti e declinarli nel testo della riforma”.

“Che le proposte da noi poste alla maggioranza fossero giuste e ragionevoli lo sapevamo già –sottolineano congiuntamente i rappresentanti dei gruppi di minoranza-. Constatiamo però che la strada per passare dalle enunciazioni di principio alla scrittura in legge è ancora molto in salita. Pesa in particolare il no alla revisione delle funzioni di Ats e Asst e su questo si dimostra che tra noi e il centrodestra c’é ancora molta distanza. Il confronto comunque resta aperto”.

Come annunciato da Rizzi e Capelli, il tavolo di lavoro continuerà a riunirsi nei prossimi giorni con l’obiettivo di arrivare entro martedì alla condivisione dei punti in esame all’interno del testo in discussione, su cui in Aula il confronto riprenderà giovedì 30 luglio dopo la sessione di Bilancio.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta