Sacro Monte, il Comune incontrerà i commercianti

Obiettivo valorizzare ulteriormente il patrimonio UNESCO. La sinergia verrà estesa anche a residenti e associazioni del borgo

03 Settembre 2019
Guarda anche: AperturaVarese Città

Valorizzare ulteriormente il Sacro Monte, in sinergia con i commercianti, con i residenti e con le associazioni che vi operano. Il Comune di Varese incontrerà con questo scopo gli esercenti del borgo, ai quali è stata inviata questa mattina una lettera in cui si manifesta la piena disponibilità al confronto da parte dell’Amministrazione.

Qui di seguito il testo firmato dal sindaco Davide Galimberti e dall’assessore allo Sviluppo di Palazzo Estense Ivana Perusin.

Buongiorno,

Le scriviamo in risposta all’appello “Tutti al Sacro Monte!” e alla relativa raccolta firme promossa dagli esercenti del borgo in merito a una maggiore accessibilità dell’area e a una sua ulteriore valorizzazione. Raccogliamo con grande attenzione la Vostra disponibilità a diventare sempre più parte attiva, assieme all’Amministrazione comunale, nel trovare soluzioni che migliorino la fruibilità del patrimonio UNESCO varesino; per dare seguito a questa sinergia, quindi, diamo la nostra disponibilità a una serata di incontro riservata ai titolari di attività commerciali al Sacro Monte.

La finalità di questo primo confronto potrebbe essere quella di analizzare la situazione attuale e le iniziative portate avanti in questi anni per la valorizzazione del Sacro Monte, arrivando quindi a ipotizzare eventuali miglioramenti futuri. Non partiamo certo da zero e questo lo si vede anche nel vostro appello, del quale abbiamo apprezzato l’oggettiva analisi sul fatto che il borgo è già fortemente attrattivo e richiama molti turisti.

Tante sono le novità che hanno già visto la luce nel borgo durante l’attività della nostra Amministrazione: pensiamo alla fiaccolata notturna, all’illuminazione e alle attività durante il periodo natalizio, alla mobilità sostenibile introdotta per eventi con grande partecipazione di pubblico come la Festa della montagna, ai lavori di messa in sicurezza del versante di via del Ceppo o, ancora, alle nuove asfaltature che hanno interessato le vie di accesso al Sacro Monte e al Campo dei Fiori. Da parte nostra c’è tutto l’interesse a continuare su questa strada, rendendo sempre più fruibile quella che è una delle principali ricchezze di Varese e, al contempo, migliorando la sinergia con quanti nel borgo vivono e lavorano ogni giorno. Per questo motivo, dopo aver incontrato i titolari delle attività commerciali, vorremmo confrontarci anche con i residenti e le associazioni che operano al Sacro Monte.

Restiamo in attesa di un Vostro riscontro alla presente lettera, così da fissare nelle prossime settimane la data del primo possibile incontro,

Cordiali saluti,

Il Sindaco, Davide Galimberti

Ivana Perusin, Assessore allo Sviluppo

Tag:

Leggi anche:

  • Lavorare in Comune, concorso per assistenti sociali

    Tre nuovi assistenti sociali entro la fine dell’anno, altri due da aggiungere nel 2020. Il Comune di Varese ha pubblicato oggi il bando di un nuovo concorso pubblico, finalizzato all’assunzione di cinque professionisti nell’Area V – Servizi alla persona. Sarà possibile
  • Nature Urbane, prenotazioni già oltre quota 5500

    Oltre 5500 persone in quattro giorni si sono già prenotate per partecipare a NATURE URBANE, il festival del paesaggio di Varese. Una grande risposta da parte del pubblico che non vuole perdersi una visita nelle ville storiche private o un posto per uno degli spettacoli in programma. In queste ore
  • Anche a Varese torna il Garden Festival d’Autunno

    L’Autunno è la stagione del fare, una stagione di attività e fermento che AICG, Associazione Italiana Centri Giardinaggio, vuole celebrare con il Garden Festival d’Autunno, un grande evento nazionale ricco di iniziative per grandi e bambini che si terrà dal 21 settembre al 20
  • “La corsia della memoria” Renzo Dionigi presenta il suo libro

    Renzo Dionigi presenta il suo libro «La corsia della memoria» venerdì 20 settembre alle ore 17 nell’aula magna dell’Università dell’Insubria, in via Ravasi 2 a Varese. Un luogo a cui è legato in modo particolare, per averlo visto nascere ed esserne stato il primo rettore,