Sacchetti per frutta e verdura: la risposta della Coop Svizzera

L’arrivo dei sacchetti bio, obbligatori in tutti i supermercati dal 1° gennaio, ha sollevato parecchie polemiche. A rispondere all’Italia arriva la Svizzera con la sua alternativa

03 Gen 2018
Guarda anche: AttualitàHinterland svizzera

Sacchetti bio? No grazie, la Coop Svizzera risponde con delle mini bag, lavabili e riutilizzabili, contro gli sprechi e il sovrapprezzo (per altro obbligatorio all’acquisto).

La legge – Dal 1° gennaio 2018 sono arrivati in tutti gli esercizi commerciali che vendono frutta, verdura, carne e pesce, i sacchetti biodegradabili e compostabili; a sollevare la polemica è stato il costo di questi, che influisce (anche se di poco) sulla spesa dei contribuenti che si ritrovano a pagare in modo obbligatorio la nuova tassa.

Esistono delle alternative semplici e sostenibili? Questa la domanda che si sono posti in tantissimi, dopo le immagini pubblicate in rete del prezzo della frutta attaccato direttamente sulla buccia di quest’ultima. Una soluzione forse c’è e  l’iniziativa arriva dalla Coop Svizzera. Coop offre sacchetti per frutta e verdura riutilizzabili, le cosiddette Multi Bag, realizzate in cellulosa certificata FSC.Questi sacchetti rappresentano l’alternativa ecologica per tutti i consumatori che, quando acquistano frutta e verdura, vogliono rinunciare al sacchetto di plastica monouso” spiega l’azienda

I sacchetti soddisfano numerosi criteri: “Per noi era fondamentale che i sacchetti fossero realizzati in materiali sostenibili. Inoltre ci interessava che le etichette dei prezzi si potessero rimuovere con facilità e che il sacchetto fosse lavabile in lavatrice”, spiega Guido Fuchs, specialista in materia di sostenibilità da Coop.

Lo scopo delle multi bag – Per evitare che il consumatore debba pagare il peso della Multi Bag (27 grammi) la frutta e la verdura devono essere pesate senza il sacchetto e imbustate solo in seguito. Naturalmente è possibile anche riporre diverse varietà di frutta e verdura nella stessa Multi-Bag e incollare tutte le etichette dei prezzi sul sacchetto.

Tag:

Leggi anche:

  • Ristorno fiscale: Luino, Malnate, Lavena Ponte Tresa, Arcisate e Viggiù i comuni più ricchi

    “Ammonta a oltre 22.3 milioni di euro la somma destinata ai Comuni della Provincia di Varese e derivante dal ristorno fiscale delle tasse pagate in Svizzera dai lavoratori frontalieri per l’anno 2016 e liquidate nel 2018. A questa cifra si aggiungono un altro milione di euro assegnato alle
  • Ristorni frontalieri, alla provincia di Varese quasi 8 milioni

    “E’ stata attribuita alle Province di Varese, Como, Lecco e Sondrio la somma di 13,87 milioni di euro assegnata alla Regione Lombardia e derivante dal ristorno fiscale delle tasse pagate in Svizzera dai nostri lavoratori frontalieri per l’anno fiscale 2016”. Lo ha comunicato la Vice
  • Voglia di Natale: ai mercatini svizzeri con Trenitalia e Ferrovie Svizzere

    Il Natale 2018 ve lo regala Trenitalia grazie all’accordo firmato con Ferrovie Federali Svizzere. Da Basilea a Lucerna e Lugano, tutta la Svizzera dal 22 novembre apre le porte ai tradizionali mercatini di Natale, dove è possibile trovare souvenir, cibo e tante altre idee regalo
  • PiazzaParola – Festival di letteratura Ottava edizione

    La letteratura torna protagonista a Lugano, dal 24 al 28 ottobre. E’ stato presentato questa mattina il Festival PiazzaParola, che per la sua ottava edizione va ad occupare una delle piazze più frequentate della città, la Hall del LAC, luogo di ritrovo e di incontro per tutti gli