Risse e un’aggressione ad un agente: giovani allo sbando a Varese

A Varese tre giovani hanno aggredito un automobilista. In un'altra rissa, un poliziotto è stato attaccato da un giovane

24 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
polizia-1

Alcuni fatti di rilievo accaduti ieri 23 marzo che hanno vista protagonista la Squadra Volante della Questura di Varese diretta dal Commissario Capo dott. Maurizio Greco.

Nel primo pomeriggio, gli uomini della Volante hanno denunciato in stato di libertà per l’ipotesi di furto aggravato un cittadino serbo, quarantunenne, irregolare sul territorio dello Stato, poiché riconosciuto all’interno di uno spaccio aziendale come autore di un precedente furto ivi compiuto. Giunti sul posto, dopo aver visionato il video del borseggio precedente (regolarmente denunciato), gli agenti hanno fermato e identificato l’uomo.

Nella serata, gli agenti sono intervenuti in zona stazione di Varese a seguito di un apparente sinistro stradale degenerato poi in rissa. Giunti sul posto e raccolte le testimonianze, gli agenti hanno appurato che un auto, di proprietà di un quarantaseienne, probabilmente a causa della pendenza della strada, ha indietreggiato di circa un metro andando a colpire leggermente un ragazzo che stava attraversando con altri due amici la carreggiata. I tre ragazzi di 21, 20 e 17 anni, hanno reagito prendendo a calci e pugni la carrozzeria dell’auto. Il conducente, sceso dal mezzo per verificare la situazione è stato aggredito e spintonato dai tre. Caduto a terra, uno dei ragazzi lo ha aggredito provocandogli un “trauma cranico minore e policontusioni”, giudicate guaribili in 10 giorni.
I tre giovani sono stati denunciati per lesioni aggravate in concorso.

Nella notte, gli agenti hanno deferito in stato di libertà per resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale, nonché sanzionato amministrativamente per ubriachezza molesta, un ventenne della provincia. Gli operatori, sono intervenuti a seguito di segnalazioni per musica ad alto volume e grida provenire da un bar e dall’area di verde pubblico antistante, una volta giunti sul posto all’esterno del locale hanno trovato numerosi giovani palesemente ubriachi, molti dei quali intenti a vomitare nelle aiuole circostanti. Gli agenti intervenuti a sedare una rissa pochi metri distante, sono stati aggrediti da un ragazzo che ha afferrato uno dei poliziotti per la divisa, cercando di colpirlo con un pugno in viso. In evidente stato di agitazione, il giovane è stato bloccato e ha iniziato a proferire frasi ingiuriose contro gli agenti.
All’esterno del locale, inoltre, un giovane seduto su una panchina, è stato trovato in stato di semi incoscienza con i pantaloni cosparsi di urina e vomito. In ragione alla sua giovane età (15 anni) è stato contattato il personale sanitario e un genitore.

Tag:

Leggi anche:

  • Tutela del consumatore e salute pubblica, maggiori controlli

      Nell’ambito dell’ordinaria attività della Polizia Locale c’è anche la costante attenzione nei confronti del consumatore: gli aspetti legati al controllo, alla prevenzione e all’eventuale repressione di comportamenti potenzialmente pericolosi per la salute pubblica sono
  • Gallarate, presunta automobilista distratta fermata in centro: era ricercata in tutta Europa

    Gli agenti della polizia locale di Gallarate l’hanno fermata in via Carlo Noè per sanzionarla perché si trovava alla guida di un’auto non revisionata. Ma dopo i controlli incrociati, quella che si era presentata ai loro occhi come una automobilista “distratta” ha assunto i connotati di
  • Taser, via libera all’uso in sei città italiane

    Il Taser torna nelle tasche delle guardie del corpo, nonostante la decisione presa anni fa dell’ONU che ne vietava l’uso perchè considerato uno strumento di tortura. La nuova sperimentazione per il momento riguarda solo alcune città italiane, sono sei i centri dove il taser (pistola che usa
  • Il corpo di uomo rinvenuto nei boschi di Locate Varesino

    Nella zona boschiva adiacente al comune di Locate Varesino, nella giornata di sabato il corpo di Polizia del distaccamento di Cantù avrebbe trovato il corpo di uomo, deceduto presumibilmente in seguito al colpo di arma da fuoco trovato sul petto. Nella zona famosa per lo spaccio di eroina, il