Ricatto a luci rosse: lo convince a spogliarsi in chat e poi chiede cinquemila euro

La vittima, un uomo di 70 anni della provincia di Pescara, è stato adescato da una 25enne francese su internet. Prima lo seduce, quindi minaccia di pubblicare le foto

28 agosto 2015
Guarda anche: Italia
Polizia internet

Un momento di debolezza che ha rischiato di rovinargli la vita. Ma, grazie al coraggio di denunciare il reato, e la pronto intervento delle Forze dell’Ordine, un imprenditore settantenne della provincia di Pescara ha evitato di finire in un “giro” di ricatti a luci rosse. 

La vittima è un uomo di 70 anni, di professione imprenditore, che risiede nella provincia di Pescara. Qualche giorno fa, come ha raccontato prima all’associazione antiracket Sos Italia Libera, cui si è rivolto per chiedere aiuto, e quindi alla Polizia Postale, era davanti al computer quando gli è comparsa una finestrella di una chat a lato dello schermo. Incuriosito, come spesso accade, l’ha aperta e si è ritrovato a chattare con una ragazza di 25 anni, cittadina francese.

Una cosa tira l’altra, la ragazza riesce a sedurre l’uomo e a convincerlo a spogliarsi insieme a lei davanti alla webcam.

Terminato questo “gioco”, arriva subito il ricatto nei confronti dell’uomo. “Paga 5.000 euro o pubblico su internet le tue foto” avrebbe detto la ragazza al malcapitato.

Con tanto di ultimatum, che sarebbe scaduto oggi, venerdì 28 agosto, in mattinata.

L’uomo passa attimi di terrore e vergogna. La paura di essere ricattato a vita, il senso di vergogna nei confronti dei figli. Quindi, la decisione di non abbassare la testa e denunciare il ricatto. Contattando innanzitutto l’associazione antiracket Sos Italia Libera, di cui aveva sentito parlare, con sede a Varese, guidata dal presidente Paolo Bocedi e dal vicepresidente Andrea Badoglio.

“Mi ha contatto e mi ha raccontato la sua storia – spiega Bocedi – quindi, attraverso la Digos di Varese, ci siamo messi in contatto con la Questura di Pescara. Quindi abbiamo mandato la vittima da loro. Qui, grazie alla grande professionalità della Polizia Postale, e ci tengo a ringraziare il dirigente dott. ssa Narciso e l’ispettore capo Mastronardi, l’account della ragazza francese è stato bloccato in tempo, poco prima della pubblicazione delle foto“.

L’azione è stata veloce: nella mattinata di oggi, l’uomo si è rivolto alla Polizia, che in brevissimo tempo è risalita all’account della ragazza, che risiede in Francia, e l’ha oscurato, sembrerebbe proprio mentre stava per pubblicare le foto.

“Il caso è emblematico – evidenzia Bocedi – perché dimostra che quando non c’è la vergogna a denunciare, la legalità vince sempre. Purtroppo, questo tipo di truffe è sempre più diffuso. E secondo i dati in mano alla Polizia sempre più persone ne sono vittima, anche minorenni, che difficilmente hanno il coraggio di denunciare”.

Tag:

Leggi anche:

  • La Sport Management pronta a gestire direttamente la sezione nuoto

    È pronta a nuotare da sola la Sport Management che al termine dell’attuale stagione agonistica chiuderà il progetto comune con il Team Nuoto Lombardia, per intraprendere un nuovo capitolo dell’avventura aziendale che vedrà la società del presidente Sergio Tosi sempre più protagonista
  • Pallanuoto – La BPM Sport Management si mette in mostra anche in nazionale

    Si toglie una bella soddisfazione il mastino della BPM Sport Management Stefano Luongo che vince la Coppa del Brasile. L’atleta, infatti, è in questi giorni in Sud America e recentemente ha issato al cielo, con il Botafogo, il trofeo più prestigioso della pallanuoto carioca, con Luongo che si
  • Presentazione della quinta edizione della gara podistica “Tra Ville e Giardini”

    Conferenza stampa Domani, mercoledì 14 giugno 2017, alle ore 12 in Sala Matrimoni del Comune di Varese Intervengono: Dino De Simone, assessore allo Sport del Comune di Varese Rinaldo Francesca, presidente Runner Varese Daniele Donati, presidente di Tincontro, associazione di volontariato ONLUS
  • Pokerissimo Italia al Liechtenstein, ma per la vetta non basta

    Tutto sommato è stato un bel 5 a 0 quello rifilato ieri sera dall’Italia del ct Ventura al Liechtenstein, ma a causa della differenza reti la nazionale azzurra continua a sostare in seconda posizione nella classifica del girone G. Davanti non può che esserci la Spagna, squadra che