Pronto il progetto culturale per l’Accademia del Gusto a Villa Mylius

Il futuro di Villa Mylius in giuna

23 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
villa mylius

L’Accademia del Gusto di Villa Mylius muove i primi passi. Oggi pomeriggio, infatti, la giunta discuterà il progetto culturale presentato dalla Fondazione Marchesi per far partire, appunto, le attività culturali una volta che la sede sarà disponibile.

Nello specifico, come si legge nel testo presentato, “il progetto intende coinvolgere e cooordinare, all’interno degli spazi dedicati, tre fondamentali settori sui quali concentrare la propria azione: le arti visive, la musica e l’alta, ma sempre in una prospettiva formativa che tenga al contempo conto in modo
determinante delle ricadute che tale azione deve necessariamente avere sul territorio in termini sia di produzione che di fruizione”.

Tag:

Leggi anche:

  • Il Parco di Villa Mylius

    Il parco di Villa Mylius con la natura in primo piano e sullo sfondo. Foto di Alessandro Ceccoli.
  • Varese: a Pasquetta la caccia alle uova

    Programma: ore 10.30 ritrovo presso villa Mylius ore 11 inizio caccia alle uova ore 12.30 premiazione ore 13.00 -14.30 pic nic con presenza di food truck, carretto gelati e zucchero filato ore 14.30 trucca bimbi, laboratorio e fiaba animata per i più piccoli ore 14.30 per i più grandi visita
  • Villa Mylius: firmato l’accordo di programma per l’Accademia del gusto

    «E’ un giorno importante – ha detto il sindaco -: procediamo alla sottoscrizione dell’Accordo di programma per la ristrutturazione di Villa Mylius e la realizzazione della nuova Accademia con la Fondazione del maestro Gualtiero Marchesi. E’ un tassello importante innanzitutto per la nostra
  • I cent’anni di Quinto Brilli, storico giardiniere di Villa Toeplitz e Villa Mylius

    Ma anche perché a festeggiarlo è Quinto Brilli, storico giardiniere che ha curato il parco di Villa Toeplitz quando ancora apparteneva ai proprieteri che dettero il nome alla villa. E non solo quello, perché dopo una parentesi dovuta alla guerra e ad un trasferimento in Toscana, Brilli tornò a