Operazione Elisir: frode sulle auto. Un giro di affari da tre milioni di euro tra Varese, Como e Lecco

Le macchine venivano ''ringiovanite'' e i chilometri taroccati. La Polizia consiglia ai cittadini di dubitare dei prezzi fortemente ribassati

25 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città

La Polizia di Stato ha eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare per associazione per delinquere e dodici denunciati: illeciti profitti e frodi stimate per circa 3 milioni di euro all’anno.

I provvedimenti emessi dalla Procura della Repubblica di Como hanno interessato le province di Varese, Como e Lecco.

Il vincolo associativo delineato dagli investigatori della Polizia Stradale di Varese è finalizzato alla realizzazione di frode commerciale.
I commercianti di autoveicoli coinvolti, per ora, sono una decina, ma altri ancora sono oggetto di osservazione al fine di comprendere meglio la portata dell’illecito fenomeno individuato.
Le autovetture venivano “ringiovanite” turbando notevolmente la regolarità del mercato. L’operazione comportava un aumento del valore dei veicoli anche del 60% rispetto alle quotazioni ufficiali. Non meno importante il rischio derivante alla sicurezza e all’incolumità generale, in quanto lo sfalsamento dei chilometri provocava una modifica della tempistica dei controlli meccanici previsti dalle case costruttrici.
Al centro dell’indagine, partita dai controlli su strada e degli esercizi pubblici che trattano veicoli, due professionisti di Lecco, che mascheravano l’attività illecita dietro una legale ditta di riparazione di apparecchiature elettroniche e digitali, i quali prestavano la loro attività per vari commercianti di auto multimarche. In particolare però avevano creato una vera e propria associazione per delinquere con due commercianti della provincia di Como. Le auto, ritirate da un autonoleggio della provincia di Bolzano, giungevano a Como e subito dopo venivano incaricati i due professionisti di Lecco per “ringiovanire” i veicoli (da qui il nome di operazione “Elisir”) al fine di renderli più facilmente commerciabili. Le indagini si sono concentrate a partire dal mese di ottobre 2015 con attento monitoraggio dei soggetti e intercettazioni telefoniche, dalle quali è stato confermato il modus operandi sopra descritto. Al momento l’attività illecita è stata bloccata, ma i controlli continueranno al fine di garantire le giuste regole del mercato. Il consiglio che si ritiene di dare ai cittadini è quello di dubitare dei forti ribassi del prezzo dei veicoli e verificare, se possibile, il chilometraggio con i precedenti proprietari o con le manutenzioni precedenti presso le officine autorizzate, dove spesso vengono registrati i chilometri percorsi.
La Polizia Stradale resterà comunque a disposizione dei cittadini per eventuali segnalazioni che possano essere utili ai fini delle indagini.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio