Omicidio Sarchiè, Sos Italia Libera ammessa dal Tribunale di Macerata come parte civile

L'associazione antiracket con sede a Varese è stata accolta come eventuale soggetto avente diritto di risarcimento

08 luglio 2015
Guarda anche: ItaliaVarese Città
Sarchiè

Per la prima volta nel territorio nazionale una associazione anti racket e usura (SOS ITALIA LIBERA, con sede nazionale a Varese) oltre ad essere ammessa come parte civile in un processo di omicidio (come nel caso Granomelli presso il Tribunale di Busto Arsizio) viene accolta anche come eventuale soggetto avente diritto di risarcimento.

“Sos Italia Libera questa mattina presso il tribunale di Macerata è stata ammessa parte civile al processo dell’efferato delitto del commerciante di pesce Pietro Sarchiè. Assassinato e carbonizzato. Il Giudice durante la lettura della decisione ha elogiato pubblicamente la storia e l’impegno di Sos Italia Libera” spiegano i referenti dell’associazione. 

Presenti in aula il presidente nazionale Paolo Bocedi e l’avvocato Gianpaolo Cicconi.

Il consiglio di amministrazione dell’ Associazione che ha la sua sede nazionale a Varese, dove operano oltre al presidente Bocedi il vicepresidente Andrea Badoglio e il segretario Massimiliano Barbieri.

Il consiglio d’amministrazione dell’associazione “ritiene questo risultato un importante attestato per il servizio reso ai cittadini ed alla legalità”.

Tag:

Leggi anche:

  • Cadavere trovato nel Parco del Lauro

    Il ritrovamento del cadavere è stato fatto nella tarda serata di martedì 17 aprile da parte di una guardia ecologica che si trovata nella zona. Allertati subito i soccorsi, sul luogo sono arrivate sia un’ambulanza del 118 che i carabinieri. La vittima è un uomo di 40 anni circa di origine
  • Sciopero di 48 ore per gli avvocati

    Dalla mattina del 14 marzo saranno 24 le ore di agitazioni che vedono coinvolta tutta la categoria degli avvocati penalisti. “Nonostante gli impegni pubblicamente presi, il Governo non ha posto all’ordine del giorno del Consiglio dei ministri il decreto legislativo di riforma dell’ordinamento
  • Sparatoria Macerata e foto Boldrini, Astuti: “Non possiamo rimanere indifferenti di fronte a clima di odio”

    “Non possiamo più tacere di fonte a questo clima di odio e restare indifferenti rispetto a questi atti di intolleranza: quanto avvenuto oggi a Macerata è gravissimo e tutte le persone di buonsenso devono condannare senza alcun tentennamento questi atti. Ciò che desta maggiore preoccupazione è
  • Marilena, la sua vita in cambio di 90mila euro

    E’ stato fermato oggi con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere il vicino di Marilena Re, Vito Clericò 64enne di Garbagnate Milanese. I primi sospetti su di lui si sono sollevati quando i carabinieri hanno trovato tracce di sangue sui vestiti, che sono state successivamente fatte