Nuovo defibrillatore ai Giardini Estensi

Il sindaco Fontana ringrazia la Federspev per il dono

29 luglio 2015
Guarda anche: SaluteVarese Città
defibrillatore

«Grazie alla Federspev per il dono. Il defibrillatore servirà ai tanti utenti del palazzo e dei giardini: la diffusione di tali mezzi è sempre più utile per salvare la vita. Ora bisogna estendere la capacità di utilizzo tra i non medici».
Così il sindaco Attilio Fontana ha salutato la donazione di un nuovo defibrillatore per il Comune di Varese, da collocare ai Giardini Estensi, nella zona del Salone Estense. La presidente della sezione di Varese della FEDER.S.P.e V (Federazione nazionale sanitari pensionati e vedove), Armanda Cortellezzi Frapolli, ha consegnato al sindaco e al segretario generale Filippo Ciminelli una lettera con la donazione per l’acquisto del defibrillatore. Presente anche il dott.Sergio Repetto, ex primario di Cardiologia del Circolo e iscritto all’associazione.
In Comune è già posizionato un defibrillatore all’Ufficio anagrafe, uno dei più frequentati dal pubblico, e alcuni dipendenti hanno già seguito il corso, come ha specificato l’avv.Ciminelli.
«La sezione di Varese – ha spiegato la presidente – è molto attiva. Qualche mese fa, su suggerimento di alcuni nostri medici è nato il progetto Per una vita in più, cioè informare la cittadinanza sulla necessità di saperne di più sull’arresto cardiaco improvviso specie fra i giovani mediante la conoscenza delle manovre di rianimazione e di defibrillazione, come può spiegare meglio il dott.Repetto. Oggi la sezione grazie alla generosità di uno sponsor dona al Comune il defibrillatore da posizionare nel palazzo comunale in prossimità dei Giardini, luogo di manifestazioni ed eventi, frequentato da numerosi visitatori e aperto alla cittadinanza».
Il dott. Repetto ha sottolineato l’importanza di saper effettuare il massaggio cardiaco, necessario prima dell’uso del defibrillatore. In Europa sono 400mila i casi all’anno di morte improvvisa-arresto cardiaco, 60.000 in Italia, 164 al giorno, 1 ogni 1000 abitanti. Il 70% avviene in presenza di testimoni, l’80% non sopravvive. In presenza di testimoni attivi, che quindi sanno fare il massaggio cardiaco e usare il defibrillatore, la sopravvivenza sale al 50%. L’obiettivo è sensibilizzare e reclutare i “volontari laici” con la conoscenza e la diffusione delle manovre di rianimazione: la catena della sopravvivenza è massaggio cardiaco-defibrillazione, con il posizionamento di mezzi sul territorio comunale di facile accesso in zone ad alto flusso di persone, stazioni, parchi, piazze. Il fattore tempo è determinante. Per ogni minuto che passa dall’arresto cardiaco, in assenza di rianimazione, bisogna intervenire entro 5 minuti.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio