Medicina subacquea: all’Insubria parte il Master

La nuova specializzazione in collaborazione con la Marina Militare

25 luglio 2016
Guarda anche: Varese Città
insubria università

Parte a Varese la prima edizione del Master di II livello in “Medicina Subacquea ed Iperbarica”. Frutto della collaborazione tra l’Università degli Studi dell’Insubria – Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Morfologiche – e la Marina Militare – Comando Subacquei ed Incursori  (Comsubin) – il Master ha l’obiettivo di formare il laureato in medicina e chirurgia e qualificarlo come Medico Subacqueo ed Iperbarico secondo le linee guida Marina Militare e a quelle europee “Training standards for diving and hyperbaric medicine”, elaborate dal Joint MedicalSubcommittee of the European Committee for Hyperbaric Medicine (ECHM) e dall’European Diving Technology Committee (EDTC) (2011).

Direttori del Master sono il professor Cesare Beghi, direttore della Unità complessa di Cardiochirurgia dell’Asst Sette Laghi, direttore della Scuola  di Cardiochirurgia e docente di Cardiochirurgia dell’Università degli Studi dell’Insubria e dal dottor Giovanni Ruffino, Capitano di fregata, Direttore sanitarioComsubin.

Il percorso didattico teorico-pratico fornisce ai partecipanti conoscenze specialistiche e competenze specifiche nel campo della Medicina Subacquea ed Iperbarica, al fine di essere in grado di valutare subacquei ricreativi e professionali con rilascio della relativa certificazione; gestire patologie e incidenti subacquei; impostare una terapia iperbarica nei casi previsti dalle linee guida nazionali e internazionali; organizzare e gestire le strutture e i mezzi di soccorso; organizzare interventi su recupero di personale da sommergibili sinistrati; gestire le risorse di un centro di medicina subacquea ed iperbarica promuovere e condurre la ricerca scientifica nel campo subacqueo ed iperbarico.

Le attività formative del Master si svolgeranno dal gennaio al dicembre 2017, le lezioni frontali a Varese e la parte pratica nella sede Comsubin a La Spezia, per un totale di oltre 1500 ore, tra formazione in presenza, studio formazione a distanza, stage e preparazione project work/ dissertazione finale. Le materie vanno dalla Fisiologia e patologia dell’esposizione subacquea ed iperbarica, a gli Incidenti subacquei e Patologie da decompressione, all’Ossigenoterapia Iperbarica.

Per essere ammessi è necessario avere già conseguito la Laurea specialistica in Medicina e Chirurgia e l’abilitazione all’esercizio della professione medica alla data di inizio del master.

I posti disponibili sono: 20. La quota di iscrizione è 3.000 euro. La domanda di ammissione al concorso dovrà essere inoltrata esclusivamente collegandosi al sito web dell’Università degli Studi dell’Insubria (www.uninsubria.it) le ore 12 del 28 novembre 2016.

Per informazioni relative all’organizzazione del Corso contattare: Università degli Studi dell’Insubria Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Morfologiche tel. 0332/393606 e-mail: segreteria.dscm@uninsubria.it.

Leggi anche:

  • A Varese nasce il primo campus diffuso nel quartiere di Bizzozero

    L’Università degli Studi dell’Insubria potenzia il suo rapporto con il quartiere di Bizzozero. È stata firmata, infatti, questa mattina la convenzione tra il Comune di Varese, l’Ateneo e la Cooperativa Circolobizzozero per la realizzazione del progetto di “Campus Diffuso”. In sostanza
  • Assessore Regione, più sport nei parchi tutelando e valorizzando natura e territorio

    “Incentivare lo sport all’aria aperta, nei parchi e nelle aree verdi tutelate e’ il miglior modo per salvaguardare la natura e promuovere il territorio della Lombardia”. Lo ha detto l’assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia intervenuta
  • Al via dal 1 giugno Busto Estate 2018

    Come da parecchi anni a questa parte, dal 1 giugno a fine settembre, l’Amministrazione comunale propone serate di musica, cinema, danza, sport, intrattenimento con il prezioso coinvolgimento e la collaborazione di enti e associazioni. Il calendario è stato infatti messo a punto con il metodo
  • Carte d’identità difettose, via alla sostituzione

    L’operazione di sostituzione è stata annunciata oggi dal Poligrafico dello Stato che ha inserito nella White List circa 350mila carte d’identità elettroniche che sono state messe in circolo nonostante un microchip difettoso. In una nota, viene assicurata la sostituzione gratuita dei