Medicina subacquea: all’Insubria parte il Master

La nuova specializzazione in collaborazione con la Marina Militare

25 luglio 2016
Guarda anche: Varese
insubria università

Parte a Varese la prima edizione del Master di II livello in “Medicina Subacquea ed Iperbarica”. Frutto della collaborazione tra l’Università degli Studi dell’Insubria – Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Morfologiche – e la Marina Militare – Comando Subacquei ed Incursori  (Comsubin) – il Master ha l’obiettivo di formare il laureato in medicina e chirurgia e qualificarlo come Medico Subacqueo ed Iperbarico secondo le linee guida Marina Militare e a quelle europee “Training standards for diving and hyperbaric medicine”, elaborate dal Joint MedicalSubcommittee of the European Committee for Hyperbaric Medicine (ECHM) e dall’European Diving Technology Committee (EDTC) (2011).

Direttori del Master sono il professor Cesare Beghi, direttore della Unità complessa di Cardiochirurgia dell’Asst Sette Laghi, direttore della Scuola  di Cardiochirurgia e docente di Cardiochirurgia dell’Università degli Studi dell’Insubria e dal dottor Giovanni Ruffino, Capitano di fregata, Direttore sanitarioComsubin.

Il percorso didattico teorico-pratico fornisce ai partecipanti conoscenze specialistiche e competenze specifiche nel campo della Medicina Subacquea ed Iperbarica, al fine di essere in grado di valutare subacquei ricreativi e professionali con rilascio della relativa certificazione; gestire patologie e incidenti subacquei; impostare una terapia iperbarica nei casi previsti dalle linee guida nazionali e internazionali; organizzare e gestire le strutture e i mezzi di soccorso; organizzare interventi su recupero di personale da sommergibili sinistrati; gestire le risorse di un centro di medicina subacquea ed iperbarica promuovere e condurre la ricerca scientifica nel campo subacqueo ed iperbarico.

Le attività formative del Master si svolgeranno dal gennaio al dicembre 2017, le lezioni frontali a Varese e la parte pratica nella sede Comsubin a La Spezia, per un totale di oltre 1500 ore, tra formazione in presenza, studio formazione a distanza, stage e preparazione project work/ dissertazione finale. Le materie vanno dalla Fisiologia e patologia dell’esposizione subacquea ed iperbarica, a gli Incidenti subacquei e Patologie da decompressione, all’Ossigenoterapia Iperbarica.

Per essere ammessi è necessario avere già conseguito la Laurea specialistica in Medicina e Chirurgia e l’abilitazione all’esercizio della professione medica alla data di inizio del master.

I posti disponibili sono: 20. La quota di iscrizione è 3.000 euro. La domanda di ammissione al concorso dovrà essere inoltrata esclusivamente collegandosi al sito web dell’Università degli Studi dell’Insubria (www.uninsubria.it) le ore 12 del 28 novembre 2016.

Per informazioni relative all’organizzazione del Corso contattare: Università degli Studi dell’Insubria Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Morfologiche tel. 0332/393606 e-mail: segreteria.dscm@uninsubria.it.

Leggi anche:

  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Si è concluso un altro weekend sportivo, anzi per l’esattezza si chiuderà questa sera alle ore 20.30 con il posticipo di basket dell’Openjobmetis che in casa con Pistoia si gioca una partita delicatissima in virtù dell’obiettivo salvezza. Per il resto turni di campionati poco
  • Pallanuoto: vittoria convincente della BPM Sport Management contro la Roma Vis Nova

    Tre punti per dimenticare la delusione europea. La BPM Sport Management, nel turno infrasettimanale di Campionato (16ª giornata), giocato ieri pomeriggio, batte nella Piscina del Foro Italico la Roma Vis Nova per 20-9 (6-3, 3-2, 4-3, 7-1) e centra la sesta vittoria consecutiva. I Mastini
  • Volley – La UYBA vola ai quarti, ma che fatica!

    La UYBA torna da Minsk con la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Cev in tasca. Il ko per 3-2 (25-22, 22-25, 25-21, 24-26, 15-10) rimediato nella gara di ritorno degli ottavi in casa del Minchanka Minsk, infatti, consente alle farfalle di strappare il pass per il turno successivo in virtù
  • BCC Cup, il basket con il cuore raccoglie 10.000 euro per la fondazione Il Ponte del Sorriso

    Il primo trofeo BCC Cup è andato alla solidarietà. La grande partecipazione di pubblico sugli spalti del PalaBorsani e l’agonismo messo in campo dalla Pallacanestro Openjobmetis Varese e dal Legnano Basket Knights hanno fatto vincere il grande cuore del basket e di tutti gli appassionati della