Legambiente, partono i campi estivi a Varese. Alla “scoperta” della Val Veddasca

Fino al 4 luglio una decina di ragazzi dell’associazione lavoreranno nella valle per proteggerla e valorizzarla

25 Giugno 2014
Guarda anche: Varese Città
Legambientevarese

In campo con Legambiente per scoprire la Val Veddasca. E difenderla dai problemi che oggi colpiscono gli ultimi territori liberi.

Riparte oggi la stagione estiva dei campi di volontariato di Legambiente nella nostra provincia. Fino al 4 luglio la Val Veddasca accoglie un campo per under 18 italiani: una decina di ragazzi agiranno per la protezione e valorizzazione della Valle, da un lato poco conosciuta e popolata, dall’altro preziosa e importante per la biodiversità. Fra le attività previste: manutenzione dei sentieri, lavori di gestione e manutenzione dell’Ostello di Lozzo de “I ribelli della montagna”, manutenzione dei pascoli in collaborazione con gli allevatori della zona, supporto alle aziende agricole del territorio, visita all’ecovillaggio che la stessa associazione “I ribelli della montagna” sta realizzando tramite il recupero di antiche baite di legno.

Il secondo appuntamento sarà nel mese di luglio con l’ormai tradizionale campo internazionale nel Parco della Valle del Lanza. Ospitati a Bizzarone, ragazzi e ragazze provenienti da tutto il mondo dal 12 al 27 luglio si dedicheranno alla manutenzione e al ripristino di sentieri storici della “linea Cadorna” sulle colline della valle del fiume Lanza, affluente dell’Olona.

Nel parco regionale del Campo dei Fiori si svolgerà l’ultimo campo internazionale per maggiorenni. Dal 2 al 16 agosto infatti altri giovani di tutto il mondo saranno impegnati nella manutenzione di sentieri e nella rimozione di infestanti in prati magri interno del Parco.

Ad unire tutti e tre i campi del Varesotto il filo rosso della sensibilizzazione all’uso dell’energia. “Quest’anno aderiamo all’Energy Free Day promosso dall’alleanza internazionale delle associazioni di volontariato di cui fa parte Legambiente – spiega Valentina Minazzi, responsabile settore volontariato del Cigno Verde varesino -. Durante i campi per un giorno non utilizzeremo energia elettrica e termica, stimolando così la creatività e creando consapevolezza tra i volontari e le comunità locali sulla necessità di
un suo corretto uso e sugli impatti che ha nei cambiamenti climatici. Dato che pratichiamo l’ambientalismo scientifico, approfondiremo la tematica e calcoleremo ogni volta la CO2 risparmiata”.

Tag:

Leggi anche:

  • Il nuovo piantone arriverrà il 21 novembre

    In via Veratti arriverà il nuovo piantone, un meraviglioso Ginkgo Biloba di 12 metri di altezza e circa 25 anni di età. La piantumazione è prevista per il 21 novembre. L’intervento di preparazione della sede dove verrà piantato il nuovo albero dureranno circa una settimana. Intanto, fino
  • In consiglio si accende il dibattito sulle “quote rosa” dei parcheggi

    Una discussione molto intensa e prolungata si è tenuta nella giornata di mercoledì 7 ottobre durante la seduta del consiglio comunale, e che si è conclusa con la sostanziale bocciatura della proposta, cosi come esposta dal consigliere comunale della lista Orrigoni, Luca Boldetti: l’estensione
  • Via Magenta. Al via i lavori di restauro del ponte pedonale

    Cento anni, questa è l’età del ponte pedonale che collega la via Magenta a via Nino Bixio. Per festeggiare il centenario dell’opera all’ingresso della città, l’amministrazione darà il via ai lavori di restauro a partire dai primi giorni della prossima settimana. L’intervento si
  • Raccolta differenziata: Varese supera il 70%

    In soli 3 anni la raccolta differenziata a Varese ha fatto un balzo in avanti di 8 punti percentuali passando dal 62% nel 2016 al 70% nel 2019. Un risultato importante che porta Varese tra i migliori capoluoghi in materia di perfomace ambientale legata alla corretta gestione dei rifiuti. Segno che