Lega: “Crugnola fuori da Varese2.0? Il civismo che aveva sostenuto Galimberti è ormai defunto”

Il capogruppo della Lega Fabio Binelli commenta il “disfacimento della compagine civica”

16 Maggio 2018
Guarda anche: PoliticaVarese Città

“Apprendo con stupore che il Consigliere comunale Valerio Crugnola, eletto nella lista civica Varese2.0, non farà più parte di quel gruppo consiliare. Quest’ennesima frattura dentro una forza politica di maggioranza è la definitiva conferma della morte del civismo che aveva sostenuto Galimberti alle elezioni”.

Queste le parole del Capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Fabio Binelli, che commenta la comunicazione, arrivata a tutti i Consiglieri eletti, che “il Consigliere Valerio Crugnola non farà più parte, a partire da oggi, del gruppo Varese2.0 – spiega Binelli –. La comunicazione arriva, come è di prassi, dal capogruppo della forza politica”.

“È ormai palese il disfacimento di tutta la compagine civica che ha quindi corso alle ultime elezioni comunali a sostegno del sindaco Davide Galimberti – sottolinea Binelli -, iniziato fin da subito dopo le elezioni con i dissidi interni alla stessa Lista Galimberti, la quale è stata epurata di tutti i componenti che non erano allineati con il pensiero del sindaco. A partire da Bortoluzzi, passando per Gregori e infine Iannini, che è stato addirittura espulso. Adesso succede lo stesso con la lista Varese2.0, che passerà dall’avere due consiglieri, a uno solo. E si tratta della lista che esprime il vicesindaco Daniele Zanzi”.

“Proprio Zanzi – ricorda Binelli – aveva commentato la disfatta del Pd a livello nazionale dicendo che il partito sarebbe stato penalizzato dalla mancanza di una componente civica. Direi che la loro maggioranza a Varese non possa certo rappresentare un modello di civismo che funzioni”.

“A questo punto – conclude Binelli -, credo che la giunta Galimberti non possa decisamente definirsi più rappresentativa della società civile varesina”.

Anche il Commissario della sezione della Lega di Varese, Andrea Gambini, sottolinea come “la maggioranza di centrosinistra che governa il capoluogo appare sempre più in difficoltà. Non soltanto non riesce a dare risposte ai cittadini, un fatto quest’ultimo che i nostri Consiglieri comunali e i nostri militanti toccano ogni giorno con mano, visto che, a differenza del centrosinistra, siamo una forza politica vicina alla gente. Ma anche al proprio interno è dilaniata da conflitti. Credo, a questo punto, che non servano altre parole a commento. Il disastro di questa maggioranza è davanti agli occhi di tutti i Varesini”.

Tag:

Leggi anche:

  • Mauro Gregori “Il centro città degradato”

    “Da anni ed anni segnalo, da cittadino prima, da consigliere comunale poi, nuovamente da cittadino ora, che la città’ e’ trascurata e degradata e nulla viene fatto da chi avrebbe il dovere di intervenire anche con interventi di poco conto, quali una rimozione di un manufatto
  • Varese, B&B e strutture non alberghiere: opportunità, vincoli, prospettive

    Dopo Angera con il lago Maggiore, dove si svolse il primo workshop la scorsa primavera, ora tocca al Ceresio. Nuovo incontro venerdì 25 gennaio a Porto Ceresio del ciclo promosso dalla Camera di Commercio per offrire agli operatori del nostro territorio un approfondimento sulle opportunità e
  • Quota 100: negli uffici Inas Cisl tutte le informazioni per capire meglio

    La legge di stabilità ha confermato la possibilità di andare in pensione con “Quota 100”, cioè sommando 62 anni di età e 38 di contributi. Per accedere a questo nuovo tipo di pensione anticipata, però, saper fare la somma non sarà sufficiente. “È fondamentale valutare
  • Università delI’Insubria, 13esimo posto su 65 università italiane

    È stato decisamente un bel “regalo” per l’Università degli Studi dell’Insubria quello arrivato il 28 dicembre scorso a firma del ministro Bussetti: il decreto sull’assegnazione dei punti organico premia la possibilità di crescita del giovane Ateneo, un ottimo segnale in un anno