Le opere in ferro di Simone Fonti Bonese in mostra a Varese

In via Luini l'originale esposizione della cooperativa Mondi Possibili

17 settembre 2016
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
moda

La bellezza della moda solidale e la bellezza dell’arte prendono casa insieme.
Share, il negozio di via Luini 2 a Varese gestito dalla cooperativa sociale Mondi Possibili, apre infatti le porte ad una nuova iniziativa: ogni mese ospiterà l’esposizione di un artista locale. Primo appuntamento da sabato 17 a sabato 24 settembre con le opere in ferro di Simone Fonti Bonese.

Nato a Varese nel 1973, di professione giardiniere, Simone apprende la lavorazione del ferro dal padre fabbro ma la reinventa in maniera originale, come racconta lui stesso: “Nel dicembre nel 2007 vengo alla scoperta di un tumore al pancreas. Da lì la mia vita cambia, smetto di lavorare diventando invalido al 100% e tuttora sono in cura farmacologica. E’ da questo cambiamento di vita che un giorno del 2009 inizio a creare la prima scultura ed in seguito altre. La mia mente non riesce a non proporre progetti e cosi riesco a distogliermi dai pensieri negativi. Uso il ferro, materiale freddo proveniente dalle viscere della terra che trasformo in argomento caldo della nostra vita, spesso abbinato con altri materiali”.

L’esposizione sarà visitabile in orario di apertura del negozio: lunedì 15.00-19.00 e da martedì a sabato 9.30-12.30 e 15.00-19.00.
Share è un progetto nato con l’obiettivo di completare la filiera di recupero di indumenti di qualità di seconda mano, creare nuova occupazione e generare risorse per progetti sociali sul territorio. Per una moda sostenibile, ecologica, solidale. E da oggi anche amica dell’arte.

Tag:

Leggi anche: