L’associazione La Rondine lancia un premio letterario per i giovani

Pubblicato il bando per il concorso rivolto a studenti tra i 9 e i 19 anni

06 ottobre 2015
Guarda anche: Culture e Spettacolo
giovani

Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa dell’associazione culturale La Rondine presieduta da Aleksandra Damjanovic D’Agostino, che ha presentato questa mattina in Villa Recalcati il premio “Ti scrivo questo lettera” rivolto ai giovani dai 9 ai 19 anni.
La Rondine da anni opera nel campo dell’Intercultura e ha realizzato diversi progetti con le Scuole, con le Biblioteche e con Compagnie Teatrali della nostra zona e Serbia. Ricordo i progetti interculturali realizzati in collaborazione con il Teatro Blu durante le due edizioni di Cadegliano Piccola Spoleto, 2012-2013 e con il Teatro Franzato, lo spettacolo interculturale “Most” incluso nella Rassegna dei Pomeriggi Teatrali all’Apollonio di Varese, nel 2014.

Abbiamo realizzato anche due progetti interculturali scolastici:

Il primo con L’Istituto Comprensivo Statale A. Manzoni di Lavena Ponte Tresa e la Scuola Elementare Zmaj Jova Jovanovic di Belgrado. Il progetto si conclude con la pubblicazione del libro di fiabe bilingue: “Il viaggio di una mano”, uscito nel giugno 2012.

Il secondo progetto scolastico era un progetto interculturale e inter bibliotecario che ha visto coinvolte due biblioteche: la Biblioteca Comunale Virgilio di Cadegliano e la Biblioteca Scolastica Zmaj Jova di Belgrado, anche esso concluso in un libro di racconti bilingue: “I libri si mangiano?”, uscito nel dicembre 2014.
Il Premio letterario La Rondine – Ti scrivo questa lettera-
PRIMA EDIZIONE 2015 – è il nostro nuovo progetto interculturale che coinvolge i giovani dai nove ai diciannove anni che frequentano le nostre scuole. Per adesso hanno già aderito al Progetto circa trenta Istituti Scolastici di Lombardia, Puglia, Campagna, Calabria, Svizzera, Serbia e Colombia.

Nominiamo alcuni di loro e i loro dirigenti scolastici: dott. Giuseppe Carcano del Liceo Scientifico Ferraris di Varese, dott. Fabio Giovanetti del Liceo Artistico Frattini di Varese, dott. Giulio Cova della Scuola Manfredini di Varese, dott.ssa Anna Politi dell’Istituto S. Pellico di Varese, dott. Maria Luisa Patrizi del Liceo Sereni di Luino, dott.ssa Chiara Galazzetti dell’Istituto Comprensivo A. Manzoni di Lavena Ponte Tresa, dott.ssa Rosamaria Pugni dell’Istituto Comprensivo Statale di Marchirolo (che include la Scuola Elementare Fedele Caretti di Cadegliano Viconago), dott.ssa Gabriella Cicolini dell’Istituto Comprensivo “E. Fermi” di Porto Ceresio, dott.ssa Luisa Oprandi dell’Istituto Comprensivo di Cunardo, dott.ssa Vesna Zivotic dall’Istituto Comprensivo Zmaj Jova Jovanovic di Belgrado, dott. Pasquale Palmisano dell’Istituto Comprensivo “Giovanni Bovio” di Foggia, l’Istituto Comprensivo S. Pio X di Foggia, dott. Michele D’Ambrosio dell’Istituto Comprensivo I.C. “Giovanni Pascoli ” di Vallata, e molti altri.
Lo Sponsor del Premio è la ditta CUMDI di Germignaga (VA) nostro fedele collaboratore. Si tratta di una ditta Europea con sede in Italia, molto forte nel suo settore (metallurgico) che vuole investire nei giovani. La nostra intenzione è di creare un ponte culturale e interculturale tra i giovani che provengono dalle diverse realtà nazionali e internazionali tramite la scrittura. Il materiale informativo che illustra il premio è già presente (scaricabile in pdf) sul nostro sito, anche in inglese e serbo: http://www.volarondine.com/premio-letterario.html

Perché un Premio letterario per i giovani?
I giovani oggi sono i maggiori fruitori dei nuovi mezzi di comunicazione.
Sono sempre “connessi” con i loro amici reali e virtuali grazie agli smartphones, sono la cosiddetta generazione “pollice”.
Con facebook, twitter, whatsapp, usano soprattutto un linguaggio di immagini, di segni, lasciando pochissimo spazio alle parole, al linguaggio scritto vero e proprio.
Il Concorso ha lo scopo di rivalutare la lettera come forma letteraria e come forma espressiva, sensibilizzando i giovani ad un diverso uso della loro capacità di comunicare, a riprendere a scrivere con una penna e non solo con una tastiera, ad esprimere le proprie emozioni e sentimenti non solo tramite le immagini e gli emoticons, ma tramite la bellezza e la purezza delle parole ridando spazio alla fantasia, alla meditazione, alla riflessione. Nello stesso tempo si vuole rendere omaggio ad un’epoca in cui questo mezzo di comunicazione serviva a costruire un ponte con i luoghi di provenienza e permetteva agli emigranti di mantenere saldi i legami con le proprie radici avvicinando così terre tra loro lontane; ai soldati, ai prigionieri di mantenere viva la speranza di un futuro di pace con la propria famiglia.

Il nostro Concorso Letterario ha una Commissione Giudicatrice composta da tecnici provenienti dal mondo dell’università, della scuola e dell’editoria, scrittori, poeti… in seno alla quale è stato scelto il Presidente della Giuria. Come da Regolamento del Concorso, La Commissione Giudicatrice, sarà resa nota all’atto della proclamazione dei finalisti.
Abbiamo chiesto ai nostri cinque Giurati Tecnici di presentarsi sul nostro sito con un curriculum un po’ particolare, personalizzato, pur sempre mantenendo l’anonimato.

Il Presidente della Giuria tecnica di quest’anno è il professor Mauro della Porta Raffo un intellettuale di spicco, molto conosciuto non soltanto nel Varesotto ma anche al livello nazionale e internazionale.
Il Direttore Artistico (lettere decorate) di quest’anno è un noto artista varesino, baritono Daniele Piscopo.
I premi del Concorso letterario sono 7 (sette), da 200 a 700 euro con un Premio destinato all’Istituto Comprensivo Scolastico (Scuole Primarie e Scuole Secondarie di Primo e Secondo grado) di 1000 euro, da cui proverrà il maggior numero di lettere, in proporzione al numero di studenti iscritti.
Da considerare questa importante notifica inserita nel Regolamento del Premio:
Per ogni edizione del Premio, le migliori lettere pervenute segnalate dalla Commissione, oltre a quelle premiate, per volontà dello Sponsor saranno raccolte in un libro e pubblicate. Inoltre, per i premiati che provengono da fuori la provincia di Varese lo Sponsor assicura le spese di viaggio e di vito/alloggio.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti